Diario D'Artista
8 Giugno 2023

#035 Il potere dell'Attribuzione

iscrivitispotify
Traduzione
it
es
pt
en
fr
Diario D'artista
Diario D'artista
#035 Il potere dell'Attribuzione
Loading
/

Nell'arte, abbiamo due attori protagonisti: l'artista che, con la sua abilità, manifesta una opinione, un enigma, una disputa, una soluzione, una trama; e lo spettatore, che guarda, valuta, critica, adora e detesta.

Il legame tra questi due soggetti è incredibilmente avvincente. Durante il mio periodo di formazione presso la scuola del teatro di Genova, il mio mentore - uno dei migliori della sua generazione - Massimo Mesciulam, aveva l'abitudine di discorrere di "attribuzione".

Mentre mi preparavo per recitare una scena, mi ribadiva l'importanza dell'attribuzione. Per illustrarlo, faceva riferimento alla scena dell'Agamennone di Eschilo.

L'entrata in scena del protagonista, figura di immenso prestigio e carisma, doveva rispecchiare la sua potenza, pressoché divina. Ma come può un attore "mostrare una forza quasi divina" senza diventare ridicolo? Ve lo dico io: non può. Perché anche una figura imponente come "The Rock", muscoloso e coperto di tatuaggi, apparirebbe comica nello sforzarsi di mostrare potenza. Qui, l'attribuzione viene in nostro soccorso. In questo specifico contesto, significava trovare un modo per far sì che tutti attribuissero all'attore che interpretava Agamennone quella potenza divina. Così, il peso di quella presenza non risiedeva più nelle mani dell'attore, ma in quelle di tutti coloro che lo circondavano. In base al comportamento degli altri, lo spettatore avrebbe attribuito ad Agamennone tale forza. Perché se tutti evitano di guardarlo negli occhi, abbassano il capo e la voce diventa più flebile quando gli parlano, è evidente che quest'uomo, Agamennone, è un uomo da temere.

Una lezione simile l'ho appresa durante la mia esperienza come assistente alla regia con M. Langhoff, un rinomato regista tedesco. Mi illustrò che, nelle scene di combattimento, il lavoro più impegnativo non è di chi attacca, ma di chi viene colpito. Perché è la vittima a rendere la violenza "reale" nella sua finzione. Anche in questo caso, l'attribuzione della forza era nelle mani di un altro.

Ma la vera magia dell'attribuzione si verifica nella fantasia dello spettatore. L'arte è un dialogo tra l'artista e lo spettatore, dicevamo. Se l'artista espone tutto in modo esplicito, esibendo ogni piccolo dettaglio, ogni imperfezione, ogni desiderio, è come se stesse monopolizzando la conversazione. È come un monologo, un tedioso soliloquio in cui esalta se stesso... Ma se invece lascia un vuoto, un'apertura, cosa accade? Avviene quello che si verifica nei migliori libri, film e brani musicali. Lo spettatore, attraverso la propria immaginazione, utilizza questo spazio vuoto per proiettare sé stesso, per attribuire significati. In questo modo, lo spettatore si trasforma in un artista, e si innesta il meraviglioso processo dei neuroni specchio, della capacità di immedesimarsi in quel personaggio, in quelle parole, in quella melodia. È su questo confine, a mio avviso, che risiede l'arte. Siamo tutti discendenti degli stessi antenati, condividiamo molti aspetti, e al tempo stesso ne possediamo di unici e distintivi. Quando riusciamo a creare un dialogo tra anime che permette sia l'unione di ciò che ci accomuna sia l'evoluzione di ciò che ci rende unici, produciamo una conversazione che arricchisce il mondo dell'artista e quello dello spettatore.

Come affermava la mia direttrice della scuola: "la recitazione è relazione." Io andrei oltre, affermando che l'arte, nella sua essenza, è relazione. E la bellezza è un territorio misterioso, dove l'unicità si lega all'archetipo. Dove l'inconscio collettivo si manifesta nell'individuo singolo, atipico, unico, imperfetto. Proprio come tutti i suoi simili.

Come dicono gli anglossassoni: "Beauty is in the eye of the beholder".

Alla prossima pagina.

Rimaniamo in contatto. Ricevi ogni settimana il mio podcast nella tua casella di posta elettronica. É gratis 🎁
iscriviti
condividi questa pagina con chi potrebbe apprezzarla
Commenti dopo il banner
Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Scopriranno una leggenda: chi troverà l'Anello di Saturno avrà il potere di cambiare il proprio destino.
Tocca e leggi la sinossi

L'Anello Di Saturno

Una saga romance fantasy, d'Amore e Destino.
scopri di piùLeggi primo capitolo
0 0 voti
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
61 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Paola Orlando
Paola Orlando
11 mesi fa

Beautiful!!!!!👏👏💙💙😍😍✨✨

Assuntina de Cinti
Assuntina de Cinti
1 anno fa

Grazie, è sempre un arricchimento personale leggerti. Complimenti, hai una sensibilità unica.❤️

Laura Compagnone
Laura Compagnone
1 anno fa

Interessante quello che scrivi, complimenti

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa
Rispondi a  Laura Compagnone

Merci beaucoup

Annamaria Speciale
Annamaria Speciale
1 anno fa

Ho condiviso volentieri te l'ho meriti👏👏👏

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa

Annamaria Speciale grazie

Federica Glicine
Federica Glicine
1 anno fa

Costa 25 euro

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa
Rispondi a  Federica Glicine

Federica Glicine no, in questo momento costa 9,95 fino alla fine della settimana, poi prezzo pieno 16,95 (cartaceo) il valore che vedi è ipotetico, e riguarda una copia spedita da me, con dedica e autografo

Laura Aspromonte
Laura Aspromonte
1 anno fa

Flavio Parenti grazie alla prossima

Laura Aspromonte
Laura Aspromonte
1 anno fa

Sempre bello leggerti e ascoltare le tue esperienze complimenti

Elisabetta Ruffolo
Elisabetta Ruffolo
1 anno fa

la vera magia dell’attribuzione si verifica nella fantasia dello spettatore. L’arte è un dialogo tra l’artista e lo spettatore! Concordo pienamente!
Buon pomeriggio!

Laura
Laura
1 anno fa

Sempre affascinante sapere qualcosa di te mediante queste pagine in cui metti il cuore 💓❤️

Lisa
Lisa
1 anno fa

La sospensione del dubbio (o dell’incredulità) è un ingrediente importante dei romanzi. Ha per certi versi lo stesso significato dell’”attribuzione” da te nominata, la prima si estende a tutto il mondo racchiudo nel romanzo, la seconda (se non ho mal compreso) è riferita al personaggio in toto. Secondo me il fruitore dell’opera è creatore altrettanto quanto l’artista stesso perché non può esimersi dal partecipare al componimento. Non ha solo una partecipazione passiva o critica, ma attiva. I grandi scrittori lasciano sempre un “punto cieco”, qualcosa di incompleto, per fare in modo che il lettore entri a due piedi nella storia è la concluda nella sua mente. Cercas nel parla nel suo saggio “Il punto cieco” e trovo che sia magnifico pensare che un’opera d’arte debba essere in grado di generare più domande di quelle a cui risponde.
Sulla comunicazione tra artista e fruitore credo sia avere due pareri tra di loro contrastanti. Se da una parte appoggio lo scambio di pareri, dall’altra vedo la scrittura è la lettura come momenti meditativi da trascorrere in solitudine. Ne verrò a capo. Oppure aggiungerò una terza opzione.

Sara
Sara
1 anno fa

Sono d'accordo nel dire che l'arte è relazione, non sarebbe tale se non ci fosse..
Grazie per questo articolo. È sempre un piacere leggerti. 😊

Psicologia e arte
Psicologia e arte
1 anno fa

☺️

Psicologia e arte
Psicologia e arte
1 anno fa

davvero bell'articolo c'è sempre qualcosa di interessante e profondo in cio'che scrivi nel diario di artista grazie come sempre Flavio

Laura Aspromonte
Laura Aspromonte
1 anno fa

interessante questa teoria dell'attribuzione e il concetto che la recitazione e relazione Hai avuto grandi insegnanti ti ringrazio per ciò che doni quando parli delle tue esperienze alla prossima Flavio

Claudia
Claudia
1 anno fa

Ciao Flavio volevo complimentarmi con te, i tuoi articoli sono sempre molto interessanti e ci danno un nuovo punto di vista. Spero di leggere presto il tuo libro.

Quando lo presenterai alla stampa?
Quando lo presenterai alla stampa?
1 anno fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Quando lo presenterai alla stampa e dove?

Susanna
Susanna
1 anno fa

Ciao Flavio, i tuoi articoli sono sempre belli e interessanti e sempre spunti di riflessioni personali.
Questo sul successo dei grandi artisti, mi e’ piaciuto in modo particolare, perché mi ha fornito chiavi di lettura sulla recitazione e sull’arte in generale
che da spettatrice non avevo mai colto
ma che ora ho compreso. Grazie e buona giornata

Viola Noceti
Viola Noceti
1 anno fa

Grande, Flávio. Articolo non solo interessante, ma anche appassionato ed emozionante. Chapeau!

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa
Rispondi a  Viola Noceti

Viola Noceti grazie 🙏

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa
Rispondi a  Viola Noceti

👍

Alberta Sorrentino
Alberta Sorrentino
1 anno fa

Sempre interessanti gli argomenti che tratti.Ciao👋

Biancamaria Lepri
Biancamaria Lepri
1 anno fa

Grazie Flavio ascoltarti e leggerti significa arricchirsi culturalmente e guardare l’arte in una prospettiva diversa, più consapevole

Anna
Anna
1 anno fa

Interessante visione dell'arte come relazione, che si stabilisce tra artista e spettatore. Infatti qualsiasi forma d'arte prende vita solo se c'è qualcuno che la osserva, contempla, ascolta, si immedesima, altrimenti resterebbe incompleta. Grazie Flavio. Buonanotte

anna maria
anna maria
1 anno fa

Leggo con piacere i tuoi articoli , esperienze vissute e scritte con semplicità , l'ascolto della tua voce si completa ... da spettatrice e ascoltatrice ci s'identifica nel personaggio vivendolo emotivamente , ci sono tante personalità nascoste in noi e nella vita quotidiana recitiamo consapevoli o no una parte, un ruolo a noi ambito per compiacere gli altri ... "Essere o non essere, questo è il problema" ... Ammiro la tua profondità , il desiderio di migliorare , sei un artista nel cuore e nell'anima ... A presto !!

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
61
0
Clicca per commentarex