Diario D'Artista
4 Marzo 2024

#110 Il terapeuta dell'anima

iscrivitispotify
Traduzione
it
es
pt
en
fr
Diario D'artista
Diario D'artista
#110 Il terapeuta dell'anima
Loading
/

Cosa significa essere indipendenti? Io penso che l'artista, per sua natura, sia animato da quel desiderio di essere autonomo, di vivere della propria passione e arte, senza dover rendere conto a nessuno se non al proprio pubblico.

Ho una visione romantica di questo mestiere e credo che sia l'unica che possa davvero sopravvivere all'onda di trasformazione che questa società ci sta imponendo. Siamo circondati dalle macchine, dagli algoritmi, da regole invisibili che dettano gran parte della nostra vita.

Ma persino i creatori digitali, che rappresentano l'apoteosi dell'indipendenza creativa, poiché spesso sono freelance o lavorano da soli, devono comunque postare all'ora giusta, usare gli hashtag giusti e le parole chiave opportune, per esistere, per essere visti. Siamo dipendenti dall'algoritmo.

Quindi, in un certo senso, l'artista non può essere davvero indipendente. Dovrà sempre avere a che fare con gli strumenti della comunicazione per far sapere che esiste: in questo mare digitale, nessun uomo è un'isola.

Per questo motivo credo che l'aspetto più importante e necessario in un artista sarà sempre di più la sua umanità, il suo essere manifestazione della propria visione del mondo, imperfetta, fallibile, ma autentica.

La sfera digitale è nel bel mezzo di una delle più grandi rivoluzioni industriali di tutti i tempi, l'avvento degli LLM, gli algoritmi di intelligenza artificiale capaci di produrre ciò che, fino a pochi anni fa, era esclusiva dell'intelletto umano.

Cosa ci distingue, quindi, da queste macchine? Quale aspetto di noi, come esseri umani, come artisti, è unico? Questa è una domanda che mi pongo ogni giorno, che mi assilla e alla quale penso di aver trovato una risposta adatta alle mie necessità di coltivare un senso, di rimanere "alto" nella mia esposizione: l'autenticità. Solo così, mantenendo teso il filo della nostra anima con il mondo esterno, potremo sperare di raggiungere abbastanza persone, di creare collegamenti forti abbastanza da superare i maremoti digitali. Chi segue l'artista deve sapere che le sue parole, seppur fatte di pixel, sono umane.

Come avrete intuito, è quello che cerco di fare con questo Diario. Creare un collegamento più profondo di un post sui social, questo luogo è il mio ponte, il mio giardino di autenticità. Ci provo, non sempre ci riesco; a volte sono stanco, oppure ho dei pensieri, e le mie pagine ne risentono. A volte mi perdo in meandri tecnici, filosofici, ma quelli sono parte di me, di come vedo il mondo, l'arte.

Cerco indipendenza da quando sono piccolo. Sono nato bastian contrario, come mia madre. Ho una naturale avversione nei confronti del potere e non amo che mi si dica cosa devo fare. Faccio quello che voglio, al meglio che posso. Questo comportamento, è facile immaginarlo, mi ha restituito pochi amici, ma buoni. Poi la vita ci separa, e ci si ritrova per una telefonata leggera, in cui si parla degli anni vissuti insieme. Ho 44 anni e sono ancora alla ricerca di questa indipendenza, che sembra spostarsi ogni volta che credo di afferrarla.

L'indipendenza è un desiderio di libertà, insito nell'uomo, ma siamo anche animali sociali e dobbiamo trovare un posto utile in questa società. Quindi, qual è il ruolo dell'artista in questa società? In cosa è utile un artista?

A sognare? A pensare? A ricordare agli altri quello che conta? Ad evidenziare i difetti dell'uomo, le sue qualità? A esorcizzare le paure?

Io penso che sia un po' tutto questo messo insieme: l'artista è il terapeuta dell'anima.

Alla prossima pagina.

Rimaniamo in contatto. Ricevi ogni settimana il mio podcast nella tua casella di posta elettronica. É gratis 🎁
iscriviti
condividi questa pagina con chi potrebbe apprezzarla
Commenti dopo il banner
Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Scopriranno una leggenda: chi troverà l'Anello di Saturno avrà il potere di cambiare il proprio destino.
Tocca e leggi la sinossi

L'Anello Di Saturno

Una saga romance fantasy, d'Amore e Destino.
scopri di piùLeggi primo capitolo
0 0 voti
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
46 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Michela Sapia
Michela Sapia
3 mesi fa

L 'artista è il terapeuta dell'anima. Ogni volta che leggo qualcosa del tuo diario provo dentro di me un grande desiderio di esprimere tutto ciò che provo dentro di me cioè tirare fuori il mio amore per tutto ciò che mi circonda, ma poi mi blocco perché non lo so. Comunque grazie per il tuo diario che fa bene alla vita interiore delle anime sensibile e con un pizzico di vena artistica. Buona giornata.

Sabrina
Sabrina
4 mesi fa

Gli algoritmi dell' intelligenza artificiale stanno cercando di sostituire o snaturare l' uomo, piu avanti andiamo e piu ne vedremo, ma non del tutto sara' possibile far questo, secondo me.
L' anima infatti, io credo, non può essere intaccata. Il sentire, l' essere persona e le emozioni sono quello che ci contraddistinguono dalle macchine.
L' anima ha una sua unicità diversa da persona a persona. Insomma l'anima ha una firma!
Naturalmente, pero', ogni persona non e' fatta solo di un' anima e quindi necessita di relazioni sociali, non puo' rimanere isolata, chiusa in se' stessa. Ma integrata in società, in questa società in cui oggi le macchine digitali , i social richiedono degli standard per adeguarsi. Trovandosi collocazione e sapendosi confrontare con questo mondo digitale, che chiede ahimé alte prestazioni,competizioni, alta stima di sec, ritmi veloci, temi accattivanti, immagini rapide ed intuitive, idee continue e nuove da immettere ma giuste al momento giusto. Insomma un treno che corre veloce con tanti vagoni spesso verso un obiettivo: il successo!
E l' artista come ci chiedi tu Flavio, dove sta in questa societa'? Che ruolo ha?
Secondo me, l' artista oggi ha un ruolo ben diverso dal passato, un ruolo più positivo.
Ha un ruolo sociale innanzitutto, e' colui che porta messaggi importanti spesso spunti per riflettere sui perché della vita e verso cosa "tendere".
E' a parere mio, soprattutto lo scrittore( artista), un pedagogo a suo modo che attento analizza e coglie tutte le sfumature della società, scrive le pagine mosso da intenti piu profondi decantando storie vere, eventi, vita quotidiana, altre volte narrazioni surreali che con l' immaginazione ci fanno navigare verso mari tranquilli.
E' un cantastorie ecco perché anche pedagogo,secondo me che come all' epoca degli antichi Greci, in cui i vecchi padri saggi narravano ai giovani le gesta compiute, gli eventi successi, le storie avvenute per addestrarli alla vita. Per aiutarli a pensare.
Pertanto, concludo dicendo che il suo ruolo sociale, ha vari risvolti educativi, sociali, da "influencer positivo' diciamo, ed anche di terapeuta e cura per l' anima che a volte ha bisogno di essere incoraggiata, sostenuta a sconfiggere eventuali paure, a scaricare emozioni represse.
Mentre la mente attraverso la scrittura della artista si allena a riflettere, a pensare, a trarre conclusioni ed arricchirsi di idee, a confrontarsi, a scegliere.
Pertanto, un' artista oggi risulta più che mai utile e moderno, al passo coi tempi anche se super- tecnologici.
L' artista secondo me forse non scompare, resiste alle intemperie di una società in continua evoluzione.
Ciao Flavio.

Antonella tornello
Antonella tornello
4 mesi fa

Hai ragione è anche la mia visione
L' artista è il terapeuta dell' anima .....senza dubbio....

ConnyParadiso
ConnyParadiso
4 mesi fa

Caro Flavio, ascoltarti per me è soave sento nel cuore molta pace. Sei speciale credimi te lo dico con il cuore!! Buon pomeriggio

Maria Esposito
Maria Esposito
4 mesi fa

Ciao a te Flavio, mi scuso, se solo ora ho ascoltato questo breve brano, del tuo diario d'artista. Bè non è facile, capirsi come siamo noi uomini!, in questo preciso momento il nostro pianeta, è veramente di merda,( scusami l'espressione), come tu hai citato. Quindi perché non ci interroghiamo? ovviamente dentro in ognuno di noi, appunto infondo alla nostra anima. L'anima deve essere silenziosa, e autentica, io ho 63 anni, e ti posso garantire, che ne ho da vendere di testimonianze,ma di tutto quello che tu hai scritto, non è per niente sbagliato. Bisogna ascoltare i propri desideri,le proprie emozioni, che siano affettivi, sognatori, ecc. L'anima è uno strumento essenziale, per ognuno di noi, soprattutto tu che sei un' artista, ti è più facile, appunto raccontarsi. Bisogna avere coraggio in tutto, se no ci si può sentirsi dispersi. Io ti auguro di trovare, al più presto i tuoi interrogativi. Buona continuazione.

Simona Caruso
Simona Caruso
4 mesi fa

Nell’ arte ti esprimi andando oltre le regole e gli imput digitali , la libertà dell’artista consiste a mio avviso proprio nella libera espressione creativa andando inverosimilmente oltre la realtà esistenziale, pur senza alzarsi in volo, pur vivendo nella propria realtà coesistente toccando le corde del cuore, le corde dell’umanità, che ci rende autentici nella libertà di pensiero e di parola raggiunta nella secolarizzazione dei tempi, che si inoltrano in un futuro remoto . Nonostante l’intelligenza artificiale, c’è sempre l’intelletto umano che gestisce e regola il progresso tecnico in una società millenaria e post tecnologica .l’uomo faber fortunae suae.

Simona Caruso
Simona Caruso
4 mesi fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Ma non sostituisce mai l’uomo o l’essere umano dotato di un pensiero autonomo sia in senso laico che fideistico ..💙

Becky
Becky
4 mesi fa

La solitudine di chi cerca la sua coerenza in tutte le espressioni della propria
vita è un prezzo onesto. Quando poi ti accorgi che sei solo un frammento, magari quello poetico, di un tutto unito. Non c'è separazione. Le parole chiamano pensieri, ogni tanto scappassero dal recinto, io ne sarei felice. Grazie

Emanuela
Emanuela
4 mesi fa

Il Tuo pensiero personale che condivido in pieno:
“Per questo motivo credo che l'aspetto più importante e necessario in un artista sarà sempre di più la sua umanità, il suo essere manifestazione della propria visione del mondo, imperfetta, fallibile, ma autentica.”
Che per me vale , per tutti Noi anche non artisti, essere sempre Se Stessi , con i propri pensieri, sfacciatamente realisti ciao Flavio e’ sempre un piacere leggerti mi fa sempre riflettere 👋👋🎈

Alessia Sacchitella
Alessia Sacchitella
4 mesi fa

L'artista è il terapeuta dell'anima che cura ogni ferita per farla fiorire come una margherita.
È colui che riesce a guardare anche nel blu più profondo del mare. ♥️🎨

Vittoria
Vittoria
4 mesi fa

Si,giusto l'artista è come un terapeuta attraverso la sua voce, attraverso quello che ha scritto o disegnato o qualsiasi altra forma d'arte. Bisogna essere sempre consapevoli che è una persona ed è grazie a quello che ha costruito, riuscito a trovare le parole del percorso preso, diventando artista

CONSUELO CORAZZA
CONSUELO CORAZZA
4 mesi fa

COMUNQUE. EH !. SI COMUNQUE VORREI DIRE CHE !!!! . ANCHE QUESTO MI RAPPRESENTA A ME PERCHè: COMUNQUE SAPEVI PURE CHE IO FACEVO DELLE PAGINE LE HO FATTE A RAFFAELLO BALZO AD ANDREA BOSCA !!!!!! . E QUINDI ADESSO NON CEL HO PIù LE PAGINE PERCHè: COMUNQUE MI ERA STATO HACKERATO L ACCOUNT !!!!! . MA QUANDO CEL AVEVO COMUNQUE !!!! . LE PAGINE !!!! . GESTIVO PAGINE DI TUTTI GLI ATTORI. E COMUNQUE NON DI TUTTI GLI ATTORI AD ESEMPIO DI GABRIELE ROSSI NO !!!! . PERCHè: NON M HA ACCETTATA E QUESTO COMUNQUE TEL AVRANNO DETRO RAFFAELLO ED ANDREA L ESPERIENZA CHE HO AVUTO NON TUTTI M HANNO APPREZZATA ED ACCETTATA PERò LA MAGGIOR PARTE DI CHI L HA FATTO COMUNQUE è PERCHé. HO DELLE BUONE QUALITà. SI MA PRIMA DI GESTIRE PAGINE E QUANDO HO SEGUITO ELISA DI RIVOMBROSA 2 E TUTTE LE STAGIONI PERò NON C ERA FACEBBOK C ERANO DEI SITI INTERNET E POI QUANDO HO SEGUITO PURE ANDREA BOSCA UNA PAGINA IEL HO FATTA PERò HO DOVUTO CANCELLARLA INSIEME LE ALTRE PERCHé ERO STATA HACKERATA SE NO ALTRIMENTI SE NON MI DOVEVO FARE UN ACCOUNT NUOVO LE PAGINE IO CEL AVEVO E QUANDO CEL AVEVO LE AGGIORNAVO E COMUNQUE METTEVO PAROLE CHE SI CAPIVANO CHE COMUNQUE IO SOSTENGO I MIEI IDOLI SIA CON CHI MI SONO IMPARATA LE BATTUTE DI ELISA DI RIVOMBROSA 2 CHE INVECE COMUNQUE SOSTENGO ANCHE CON BELLE PAROLE CHI FA FICTION E SI BATTE PER UNA CAUSA QUANDO HO VISTO ELISA DI RIVOMBROSA 2 LA PENULTIMA PUNTATA DOVE RAFFAELLO BALZO è STATO UCCISO Là HO FATTO CAPIRE QUANTO C HO SOFFERTO E QUANTO POSSO ODIARE CHI L HA UCCISO CHE è GIOVANNI GUIDELLI E POI QUANDO FECERO ROMEO E GIULIETTA E C è ERA UNA VOLTA STUDIO UNO PURE COMUNQUE STANDO ATTENTA A TANTE DINAMICHE DELLA FICTION POI COMUNQUE HO FATTO VEDERE IL MIO MODO DI SOSTENERE ED ANCHE QUESTA è ARTE QUELLA DI SOSTENERE ATTORI CHE FANNO FICTION

Lucia Farina
Lucia Farina
4 mesi fa

Anch'io sono un artista, nel mio piccolo. Scrivo poesie, creo con la carta, pitturo, ed Anch'io ancora sto cercando di trovare il mio posto nella società.

Rossella
Rossella
4 mesi fa

Bravissimo , e' vero, l'artista ci aiuta a rilassare la mente , poi con la sua voce pacata , sicura, ci fa bene .

grazie

Stela
Stela
4 mesi fa

Grazie Flavio per aver condiviso con noi il tuo pensiero... riesci a trasmettere un'energia positiva con una sincerità che non tutti hanno, cosa per la quale ti ammiro moltissimo!!!
Come artista sono sicuro che tu sia davvero terapeuta dell’anima con tutto quello che fai!!!
Un abbraccio di cuore!🤗

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
46
0
Clicca per commentarex