Diario D'Artista
2 Ottobre 2023

#068 Innovare, si o no?

iscrivitispotify
Traduzione
it
es
pt
en
fr
Diario D'artista
Diario D'artista
#068 Innovare, si o no?
Loading
/

A volte mi sveglio con un'idea. A volte l'idea mi appare durante la giornata, mentre sto mangiando o guardando le nuvole. A volte dal nulla.

Il più delle volte, le mie idee sono strampalate, proprio per quella mia natura tanto desiderosa di essere unica e originale. É una pecca, spesso. Perchè mi metto davanti, nell'orizzonte degli eventi futuri, desidèri che sono destinati a farmi faticare.

Quanto sarebbe semplice se avessi idee semplici, facili, con un profilo di rischio basso! Ho sempre pensato all'innovazione come ad una qualità intrinseca di ogni cosa che desidero fare. Mi piace fare quello che gli altri non hanno fatto prima, mi piace essere primo.

A volte mi chiedo perchè, e a volte la risposta è che forse ho paura di competere nel campo in cui ci sono tutti gli altri. Forse temo di non essere all'altezza, di non avere le carte in regola. Di non essere capace di risuonare nelle anime degli altri nella "normalità". Oppure è per via del mio metabolismo, troppo veloce, troppo impaziente.

In ogni mio progetto, c'è una dose di follia. Un paio di giorni fa, girovagando tra i miei vecchi video, ho ritrovato una lettura Dantesca che feci molti anni fa: "Speedy Dante". A rivederla, mi è venuto da ridere.

Riconoscevo in me il giovane, che dedica ore e ore a fare una cosa senza senso, una lettura di Dante veloce, snella, giovane appunto, grafica. Un desiderio profondo di riuscire a dare al sommo poeta la possibilità di attraversare orecchie che lo hanno conosciuto solo nella sua veste più vetusta, quella scolastica.

Per chi non lo ha visto, Speedy Dante è una lettura che feci del primo canto dantesco, molto veloce, corredata da immagini in stile cartone animato. É la fotografia di come sono i miei progetti. Faticosi da fare, complessi, e per pochi. Se mi fossi messo a leggere, non so, qualcosa di contemporaneo, molto probabilmente lo avrebbero visto molte più persone.

Se avessi registrato una lettura senza disegni, mi avrebbe richiesto dieci volte meno fatica, forse ne avrei letti più di uno, e forse sarei riuscito a fare un progetto con una vita più duratura, e quindi una capacità di trovare il suo pubblico migliore.

Se poi lo avessi letto "normalmente" cioè non alla velocità di un video Tik Tok, sarebbe stato più facile ricevere i complimenti degli appassionati di Dante.

Insomma, ho scelto di farlo nel modo più complesso e astruso possibile. Ed è così per tutti i miei progetti. Scelgo di fare i film di ricerca come "Sogno Farfalle Quantiche" e poi li pubblico su Yout ube, scrivo libri di genere misti, spirituali e poetici, e li pubblico su Amazon…

Mi sembra come se, ogni volta, scegliessi la strada più complicata.

Mi piacerebbe, nei prossimi anni, semplificare i miei progetti. Fare cose lineari, semplici, facilmente riassumibili. A volte, quando mi chiedono di spiegare di cosa parla "La Divina Avventura" faccio fatica a dirlo. É un libro che sento troppo denso, con una storia troppo articolata per essere riassunta.

Proverò, con la saga, ad affrontare il racconto in una maniera più matura, più espansa. Minimizzerò le cose "strane" e massimizzerò le cose "normali".

Ma poi, quando mi ricordo che sarà una saga in cinque volumi, che parlerà di Destino, Amore, Tempo, mi dico che forse - forse - non riuscirò mai davvero ad essere semplice.

Alla prossima pagina.

Rimaniamo in contatto. Ricevi ogni settimana il mio podcast nella tua casella di posta elettronica. É gratis 🎁
iscriviti
condividi questa pagina con chi potrebbe apprezzarla
Commenti dopo il banner
Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Scopriranno una leggenda: chi troverà l'Anello di Saturno avrà il potere di cambiare il proprio destino.
Tocca e leggi la sinossi

L'Anello Di Saturno

Una saga romance fantasy, d'Amore e Destino.
ADS_Banner_Scopri_di_piu
Leggi gratis
0 0 voti
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
51 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Sara
Sara
8 mesi fa

Secondo me è meglio essere complicati che semplici, è più divertente..😉
Alla prossima pagina..☺️

Maria Vittoria Di Cosmo
Maria Vittoria Di Cosmo
8 mesi fa

Che bello che sei dentro 😍 ( comunque anche fuori non scherzi 😋). Un caro saluto, ciao

Flavio Parenti
Flavio Parenti
8 mesi fa

Maria Vittoria Di Cosmo grazie 🙏

Paola Orlando
Paola Orlando
8 mesi fa

Bellissimi i tuoi pensieri e le tue riflessioni in questa pagina... Animati dal tuo desiderio di essere più semplice e innovativo... Ma non preoccuparti perché sei sempre unico nel tuo stile e nel tuo impegno! 💙💙👏👏✨✨📖Complimenti sempre! 💪

Franci Bonaccini
Franci Bonaccini
8 mesi fa

Ecco il tuo video Speedy Dante. Per chi non lo avesse ancora sentito! ❤️ 😉

Flavio Parenti
Flavio Parenti
8 mesi fa
Rispondi a  Franci Bonaccini

Franci Bonaccini ❤️ la follia

Franci Bonaccini
Franci Bonaccini
8 mesi fa
Rispondi a  Franci Bonaccini

Flavio Parenti Ma non è vero! È simpaticissimo e fatto bene...e mi hai fatto ridere sinceramente quando fai la voce della guida di Dante 😉

Mariangela C.
Mariangela C.
8 mesi fa
Rispondi a  Franci Bonaccini

Grazie! Molto simpatico e originale…! Grande Flavio. …

Alberta
Alberta
8 mesi fa

ti ascolto sempre volentieri ritagliandomi momenti tutti miei e.......... rifletto.Ciao alla prossima

Ida Alimena
Ida Alimena
8 mesi fa

In bocca al lupo e buon lavoro!

teresa_costatc
teresa_costatc
8 mesi fa

Ciao Flavio, innovare?! A mio parere, sì! certamente. Anche, perché fa bene al cervello, pensare, vedere cosa si può fare diversamente. Ed è anche parte della natura delle persone, non tutti sono così innovativi! Fai cose nuove, idee innovative, ecc... le cose semplici richiedono meno lavoro, ma sono semplici. Mi piacciono le idee innovative, ad esempio pensare di raccontare il tuo libro, è un'idea favolosa!! È diverso se stavi solo leggendo. Devi avere tanti progetti, ma non rinunciare ai tuoi sogni, ai tuoi progetti... il mio caro papà diceva: "fermarsi è morire...". Era così, scriveva, leggeva, insegnava sempre... era un innovatore, e quando ha smesso... l'ho perso. Complimenti,

Mariangela C.
Mariangela C.
8 mesi fa

Non c’è dubbio, Flavio, innovare, sempre!
Anche io sono personale nelle scelte , in ogni campo, dove ho operato da subito spontaneamente, “ come il cuore mi suggeriva” … , mai ostacolata dai miei genitori.
Ho sempre detestato omologarmi, seguire ciò che era di moda o ci si aspettava da me, eccesso di sicurezza? Non credo proprio, conoscendomi, piuttosto spiccata fedeltà a me stessa, ai miei gusti, al mio intuito, ai miei valori.
Certo che ho sbagliato più di una volta, soprattutto nella supervalutazione di persone nella cui vita sono inciampata , prendendo anche incredibili abbagli che ho pagato amaramente, poiché si sa bluffare per una certa categoria di persone è facile specie quando si incontra persona generosa e onesta.
Senza contare che l’originalità la paghi sempre: fa invidia, anche da parte di chi mai oserebbe mai percorrere strade proprie e uscire dal coro, mentre di sottecchi guarda e… come di dice… rosica.
Non penso che la tua propensione a innovare sia per timore del confronti: per aprire nuove vie occorre coraggio e audacia, gusto dell’avventura che appunto spinge ad essere”cercatore di nuovi orizzonti” come Overton della Divina Avventura…piuttosto ci sento sana autostima e difesa del proprio nucleo più autentico di personalità che pretende di non farsi snaturare e soffocare dalle aspettative e dai gusti altrui.
Quando con me più d’uno ci ha provato, ha ricevuto picche mentre chi è stato più intelligente( o mi voleva bene) invece, mi ha lasciato fare…
Persone come te non possono essere vinte. Continua così, la tua forza( e il tuo fascino) è in questa esigenza di originalità che ti porta ad innovare e ti definisce preparandoti il successo perché tu non l’amorfo conformista catturerà interesse e potrà imporsi all’attenzione come, specie nel tempo, la qualità e l’impegno sanno garantire premiando.
La semplicità di cui parli in effetti è un dono , lo so, proprio perché anche io la ricerco, la chiedo a me stessa, la ammiro. A volte è così potente! Ma per alcuni è una conquista, che arriva con il tempo, per altri chance innata. Comunque puoi essere fiero di te stesso, anche se tu ti percepisci più complesso di altri. Il tempo poi semplifica.
Un po’ come avviene nella scrittura che diventa più scorrevole e piacevole con l’allenamento.

Grazie. Alla prossima pagina di diario. Felice nuovo giorno.
Mariangela

Giuliana Barsanti
Giuliana Barsanti
8 mesi fa

Tu sei un innovatore nell’anima, che alza sempre l’asticella, e chi ti segue deve aver voglia di saltare in alto, per viaggiare poi con te lungo quel sottile confine tra genio e follia. Ma credo di capire il tuo desiderio di “semplificare” che, affrontando temi delicati e profondi, è un obiettivo alto, ma potrebbe facilitare gli accessi, rendere la strada meno ripida, “più espansa” come dici, pur senza rinunciare all’innovazione, alle cose “strane” che mi rassicurano e….alla poesia, questo lo aggiungo io. Ma tanto so già che ci sorprenderemo. Le tue produzioni sono tutte dei piccoli capolavori, guardandole e riguardandole, perché una volta sola non basta, si vede, si capisce e si apprezza l’impegno che ti hanno richiesto, e il talento. Speedy Dante è delizioso, lo amo moltissimo, è un piccolo gioiello che dovrebbe andare nelle scuole.

Rodica
Rodica
8 mesi fa

Grazie mille! Mi piace molto il suo libro! A prossima!❤️❤️❤️❤️❤️

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
51
0
Clicca per commentarex