29 Giugno 2023

Lezione di vita di un attore: Come la recitazione mi ha aiutato ad affrontare la timidezza

La straordinaria storia di come un semplice gesto, l'incrociare delle braccia, ha trasformato la vita di un ragazzo timido, aprendo la strada alla scoperta di sé attraverso l'arte della recitazione.
Diario D'artista
Diario D'artista
Lezione di vita di un attore: Come la recitazione mi ha aiutato ad affrontare la timidezza
Loading
/

Quando ero un ragazzino, un giorno mio padre mi disse qualcosa che sconvolse la prospettiva sul mondo. Mentre mi parlava, stavo a braccia incrociate con un'espressione accigliata sul volto. Dovevo avere circa 13, 14 anni. Mi chiese se lo stavo ascoltando. Risposi di sì, ma lui replicò: "Se una persona ha le braccia incrociate, significa che non è aperta al dialogo, quindi non mi stai ascoltando davvero."

Dopo questa rivelazione, il mondo intorno a me cambiò. Cominciai a osservare i comportamenti degli altri: il modo in cui si comportavano, le braccia incrociate, le gambe incrociate, lo sguardo distante piuttosto che intensamente impegnato nell'interazione con me. Fu come se avessi scoperto una nuova dimensione della comunicazione, ed in effetti era così.

Questo percorso continuò, anni dopo, nei miei studi di recitazione. Dopotutto, quale altro mestiere costringe a una profonda comprensione dei comportamenti umani, con l'obiettivo di riprodurli o addirittura di assimilarli? Grotowski, in un celebre aneddoto, pose questa domanda: "Immaginate di essere in una foresta e di trovarvi davanti a un gigantesco grizzly. Cominciate a correre, quasi istintivamente. La mia domanda è: avete paura e quindi correte, oppure correte, e correndo diventate paurosi?"

Questa domanda racchiude uno dei grandi paradossi della recitazione: si giunge a un'emozione dall'esterno (la corsa) o dall'interno (la paura)? Da questa premessa nascono vari metodi di recitazione che cercano di favorire un approccio piuttosto che l'altro. La recitazione moderna, da Stanislavski all'Actor's Studio, propende per una ricerca interiore, per stabilire nel proprio io un'analogia personale con ciò che il personaggio prova, al fine di essere autentici. Ma è veramente così? Un altro famoso aneddoto coinvolge Laurence Olivier e Dustin Hoffman sul set de Il Maratoneta. Quest'ultimo amava correre per chilometri per entrare nel ruolo e un giorno Olivier gli disse: "Perché fai tutto questo? Devi solo recitare."

Io mi allineo più alla scuola di pensiero di Olivier, credo nella recitazione come un atto sincero e immediato, privo di psicologismi, che permette al personaggio di emergere, non nascosto dietro le rughe dell'attore, ma tra le righe del poeta.

Quindi, grazie alla consapevolezza acquisita attraverso la recitazione, a 20 anni decisi di non incrociare mai più le braccia. Ho trascorso i successivi 20 a impormi di essere aperto, costringendomi in un certo senso a essere ricettivo verso ciò che mi circondava. Questo è stato molto utile per me, dato che il mio essere timido e introverso aveva bisogno di questo cambio per trovare vitalità e crescita.

Poi, un mio maestro mi lasciò in una lettera d'addio, queste parole: "Ricorda: è proprio quando dici 'è troppo' che il lavoro inizia..." Niente di più vero. Così vero che, a un certo punto, intorno ai quarant'anni, mi resi conto che era arrivato il momento di incrociare nuovamente le braccia. Ero così abituato a non farlo, che la mia "crisi" sarebbe stata proprio questa: ritornare dentro di me. Riscoprire quella introversione che mi aveva plasmato così profondamente. Il mio primo cuore.

E quindi eccomi qui, a scrivere libri e pagine del Diario d'Artista.

Alla prossima pagina.

Ricevi i prossimi articoli via mail 📩

Leggi. Viaggia.

Scopri un'avventura fantastica ed esistenziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

47 commenti su “Lezione di vita di un attore: Come la recitazione mi ha aiutato ad affrontare la timidezza”

  1. Tu sei molto bravo a recitare, vi seguo sempre il paradiso delle signore, sono molto contenta per sottotitolati ❤️❤️

  2. Ho ascoltato il terzo audio.... Bellissimo... Stupendo... Li' c'è tutta la tua essenza come attore e poi come scrittore attraverso la recitazione e i tuoi studi.... 😍😍😍😍👏👏👏👏La tua passione è il tuo impegno al massimo sempre. Complimenti💙❣️

  3. Oggi ho costato che mi hai cancellato da witter, se vuoi cancellami anche fb, chissà perché il SIgnore non mi ascolta, prego,prego alla fine ti ho sempre in testa, chissà quando finirà questo supplizio, spero presto.

    1. Ti ho mandato una poesia di Jalaluddin su witter, la volevo cancellare non so come fare. Basta con queste idiozie che faccio

  4. questa pagina che ho letto del tuo racconto sia di da ragazzo che hai vissuto cioè è stato morto ma molto bello e penso che ha tanti ragazzi che sta studiando recitazione forse se vanno a leggerlo avrà molto ma molto da imparare da te tu sei già arrivato a un livello massimo perché sei bravissimo in tutto e per tutto e cioè è bello molto significativo e ti tocca il cuore ti tocca dentro le parole non so che dirti mi piace un abbraccio non so se hai letto quello che ti ho scritto ieri comunque penso di sì ok ciao

  5. Quanto ci fai riflettere sui nostri atteggiamenti!!! In te ci rivediamo un po’ tutti!!!!Ad alcuni atteggiamenti non avevo dato un significato!Arrivi tu e mi apri gli occhi! Continuerò a leggerti,ho tanto da imparare!!!!!

  6. Riflessioni bellissime e profonde ....ma sai che quella delle braccia incrociate è una cosa che mi ripeteva spesso anche mia mamma?tanto che ormai quando mi capita tutt'ora in presenza di altri tendo a cambiare la mia posizione......per paura di essere letta dagli altri....poi mi domando se è corretto continuare ad incrociarle davanti agli altri!....non trovo risposta ad oggi....ma è ormai una deformazione con porto con me sin da ragazzina ....forse un modo per tenere anche stretta a me ricordi legati a lei.
    Grazie Flavio,a presto.
    Un abbraccio

  7. Mi è successa la stessa cosa quando mi hanno fatto notare che abbraccio le persone con i pugni chiusi invece che con i palmi. Anche questo è un atteggiamento di chiusura. Incredibile quanto il nostro corpo possa parlare di noi e per noi...

  8. Credo che di aver sentito questa cosa delle braccia strette segno di chiusura a scuola da qualche insegnante e anch'io da quel momento ho sempre fatto attenzione a questo aspetto..

    Grazie per questa pagina che mi ha dato ancora una volta la possibilità di riflettere..

  9. Questi ricordi familiari sono coinvolgenti e smuovono dentro dei ricordi, dei movimenti, che é quello che deve fare una scrittura. Bastano poche parole a cambiare un atteggiamento, a segnare un progresso. Quanto é importante accompagnare una persona nella sua crescita umana e spirituale:lo fanno i genitori, gli insegnanti. Ci sono tempi in cui servono le braccia conserte, altri in cui servono le braccia aperte. Difficile é discernere. É importante che si arrivi secondo me ad essere roccia o un albero robusto, che ospiti sotto la sua ombra quanti lo desiderano. É normale che si arrivi a desiderare di tenere le braccia conserte, ma dopo un cammino di crescita e di maturità, anche se questo comporta una crisi. Quindi per me il tuo periodo postquaranta é un discrimine giusto e che avrà i suoi frutti senz'altro. Per quanto riguarda la recitazione io vedo che gli attori più bravi sono quelli che fanno emergere il personaggio, senza troppa imitazione o per analogia. Penso a Susan Sarandon, che non aveva studiato recitazione, a Mastroianni. Io adoro i film vecchi americani, degli anni 40,li stanno dando su canali dedicati, e li trovo geniali, ci sono attori incredibili, di una modernità. Registi incredibili!

22 Febbraio 2024
Il coraggio della rinuncia

In tutti noi vive Icaro: dilemmi tra razionalità, desiderio e scelte che ci definiscono attraverso rinunce coraggiose.

19 Febbraio 2024
Il potere della memoria

La memoria, uno scrigno segreto che incanta e sfugge, plasmando identità e arte, meravigliosamente misterioso

15 Febbraio 2024
Come credere in noi stessi

Come credere in noi stessi? Circondandosi di chi crede in noi, apprendendo dai maestri, curando corpo e mente e selezionando con cura ciò che nutre l'immaginario. Sono alcune delle chiavi essenziali.

12 Febbraio 2024
La fragilità dell'artista

In questo universo di dubbi, oggi mi sento fragile, temo la conclusione della mia saga e cerco un equilibrio tra volontà e destino, chiedendomi se lotto contro mulini a vento.

8 Febbraio 2024
La buona scrittura

Riflettendo sulla revisione della mia saga, capisco che separare scrittura da editing e uccidere i propri pezzi "preferiti" sono passi cruciali per migliorare.

5 Febbraio 2024
Il talento della volontà

Dubitare del proprio talento è normale, ma scoprire che la volontà aiuta a superare le incertezze mi conforta.

1 Febbraio 2024
Una sorpresa per te

Discuto dei limiti della densità della mia prosa, del mio amore per la poesia sintetica, di come voglio riuscire ad unire i due aspetti. E poi... una piccola sorpresa 🎁

29 Gennaio 2024
Un firmacopie disastroso

In questo racconto divertente, condivido la mia esperienza deludente durante un firmacopie senza adeguata accoglienza, riflettendo sull'importanza del rispetto.

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php