Diario D'Artista
29 Gennaio 2024

#100 Un firmacopie disastroso

iscrivitispotify
Traduzione
it
es
pt
en
fr
Diario D'artista
Diario D'artista
#100 Un firmacopie disastroso
Loading
/


Mi conoscete, non sono un divo. Tutt'altro. Provo ad essere radicato al suolo, forse proprio per questo mio essere stato sradicato così tanto da giovane, sento la necessità di essere gentile con tutti, anche con chi non incontrerò più. È un modo per lasciare un segno positivo nel mondo, per migliorarlo, se vogliamo. Perché a volte, basta un grazie per far sorridere qualcuno.

Ma ciò che sto per raccontarvi mi ha fatto davvero incavolare. Come sapete, sabato scorso avevo un firmacopie in una grande libreria romana. Non farò il nome, chi vuole può andarsela a cercare. Premetto che so che ogni libreria agisce in piena autonomia, e che vi sono dei limiti, anche legali, su cosa si può o non può mettere all'interno di uno spazio pubblico. Poiché vanno rispettate certe distanze per i passaggi etc.

Ma vi pare normale che un autore, che va in una libreria a firmare delle copie (si spera) del proprio libro, non venga fornito di un tavolo dove sedersi? Io lo trovo allucinante. A prescindere che fossi io un attore di TV o un giovane autore, non importa. Ognuno merita il buonsenso. Se vi dico di chiudere gli occhi e immaginare così, come uno scatto fotografico, un autore che firma copie, voi cosa vedete? Vedete il lettore che dà la sua schiena a gobbo per permettere all'autore di firmare? L'autore che pianta il libro al muro e cerca con una mano di scrivere in verticale?

No, vedete una persona, tranquilla, seduta al tavolo, con una pila di libri a destra e sinistra, una fila di persone che aspettano, e lui che, sorridente, firma e restituisce le copie.

Quindi potete immaginare cosa ho pensato, alle 11 precise, quando sono arrivato nella libreria e ho visto questo:

Devo dire che sul momento mi sono sentito piccato, poi ho chiamato la casa editrice, cercando di capire se fosse normale (io non essendo di questo mondo, potevo anche avere un'idea sbagliata), e le risposte sono state "ma no, normalmente c'è un tavolo". E te credo.

Visto che l'orario non era proprio diciamo "leggero" (11-19), appena mi sono visualizzato lì, come una zucchina in mezzo ai libri, seduto su uno sgabello, vampate dello straniero di Camus mi sono ritornate nel cuore. No, io così no. Ecco cosa mi sono detto. Mi vergognavo anche un po', temendo che fosse divismo, ma poi ci siamo detti: "no, non esiste!" e alle 13 sono andato via a malincuore.

Dico a malincuore perché so che molti di voi erano venuti nel pomeriggio, nella speranza di incontrarmi, e purtroppo non c'ero. Ho chiesto scusa, e mi prendo la responsabilità di questo gesto.

Ma a volte, bisogna esprimere la propria necessità di rispetto. Non fa bene solo a chi lo fa, ma, si spera, anche a chi ascolta.

Alla prossima pagina.

Rimaniamo in contatto. Ricevi ogni settimana il mio podcast nella tua casella di posta elettronica. É gratis 🎁
iscriviti
condividi questa pagina con chi potrebbe apprezzarla
Commenti dopo il banner
Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Scopriranno una leggenda: chi troverà l'Anello di Saturno avrà il potere di cambiare il proprio destino.
Tocca e leggi la sinossi

L'Anello Di Saturno

Una saga romance fantasy, d'Amore e Destino.
scopri di piùLeggi primo capitolo
0 0 voti
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
78 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Annalisa
Annalisa
5 mesi fa

Caro Flavio ti ammiro e ti seguo da molto tempo...hai fatto benissimo ad andare via!!! Ma scherziamo! Come avresti potuto firmare le copie su quel trespolino??? I gestori della libreria si dovrebbero solo vergognare!!
Ho partecipato a numerosi firmacopie a Roma e di solito l'autore ha una scrivania dove appoggiarsi e con serenita e con il sorriso salutare i suoi lettori e firmare la copia.
Ti auguro di non incontrare più personaggi così maleducati!
Ti auguro mille e più successi.
Con ammirazione.
Annalisa

Veronica
Veronica
5 mesi fa

Morning Flavio !
What a bad episode the bookstore manager put you through.
A good manager solves it quickly when he sees that they failed with the furniture.
But it is evident that the manager is stupid.
You should publish what bookstore it is.
And of course you deserve respect.
Have a good Monday ! Chao

Rita Testa
Rita Testa
5 mesi fa

Hai fatto benissimo

Cristina M.
Cristina M.
5 mesi fa

Carissimo Flavio hai perfettamente ragione, non preoccuparti di nulla, hai fatto benissimo ad agire come hai agito; conosciamo la tua sensibilità e gentilezza. Certo mi è dispiaciuto molto non averti potuto incontrare. Sarà per la prossima volta. Grazie per il tuo videomessaggio personalizzato, un caro saluto.

Ornella
Ornella
5 mesi fa

Flavio, mi dispiace molto per quello che ti è successo sabato, di solito a un firmacopie in libreria almeno un tavolino per l’autore lo dovrebbero prevedere…😏magari la tua casa editrice poteva accordarsi meglio con i responsabili della libreria

Donatella
Donatella
5 mesi fa

Hai fatto la cosa giusta.

CINZIA DELLO SPEDALE
CINZIA DELLO SPEDALE
5 mesi fa

Ciao Flavio,
leggo con dolore di quest'increscioso episodio...
E' proprio vero che la vita non smette mai di sorprenderci...
Oggi l'amabilità e la cortesia sembrano fuori moda.
Non ti abbattere, vedrai che alla prossima andrà meglio (magari in anticipo chiedi che ci sia forzatamente il tavolino o non se ne fa niente!).
Alla prossima.

Mariangela
Mariangela
5 mesi fa

Buongiorno, Flavio. Temevo che ti fosse passato l’impulso di condividere con noi la tua fantastica pagina… Temevo che il tuo silenzio si protraesse, condividendo la tua delusione. Inconcepibile l’atteggiamento a te riservato dalla libreria, che ha negato una degna accoglienza a un Autore, quale sei, oltre a noto Attore.
Però, in assenza di una seria organizzazione in tutti i posti di lavoro , vige una certa confusione di ruoli e di mansioni e impera una marcata indolenza. Cosa ci voleva a liberare un tavolino come espositore di libri e soddisfare la legittima richiesta da te sollevata? Solo un po’ di iniziativa e un minimo di operatività. Forse che pensavano che lˋAutore arrivasse con tavolo e sedie pieghevoli da usarsi ad hoc? Comunque
con l’intelligenza e il sorriso si vince sempre e si emerge da ignoranza e maleducazione., Non temere che coloro che ti seguono con affetto e stima hanno ben compreso, condividendo, dispiaciuti , lo smacco da te subito. Quando verrai al nord , una sola preghiera, cerca di avvisarci con un po’ di anticipo. Io sono stata anni fa a Milano e Bologna per cui ricordo che a lato della libreria in Via Rizzoli, uno dei negozi delle nota libreria, disponevano di un locale appositamente predisposto. A Genova, sempre poco organizzata, non so.
Alla prossima pagina e buona scrittura. Mariangela

Antonella
Antonella
5 mesi fa

Hai fatto benissimo ad andare via,quando ci vuole ci vo!!!

Michele
Michele
5 mesi fa

Non c’è religione come solitamente si dice, davvero una mancanza di rispetto!! Mai vista una cosa del genere , manco nei film.
Posso solamente dire che scandalosa questa libreria.

Adriana Lucia
Adriana Lucia
5 mesi fa

Hai fatto bene ad andartene...non hanno avuto nessun riguardo verso di te...e delle persone che venivano x far firmare il libro..spero un giorno che tu possa venire in Liguria....mi farebbe molto piacere vederti...ciao buona vacanza...e buon lavoro con i tuoi racconti....ciao ciao!!!!!

Alessandra
Alessandra
5 mesi fa

Che dire hai fatto benissimo,mi spiace per chi era li e per chi è venuto dopo, io sarei andata via subito ... seduto su di uno sgabello per tutta la giornata... credo checnon era poi così difficile procurare un piccolo tavolo ...

Margherita De Martiis
Margherita De Martiis
5 mesi fa

Hai fatto bene ad andare via. Certo la maleducazione imperversa. Prossima volta chiedi espressamente una postazione diglitosa.

Franca Isabella Barzizza
Franca Isabella Barzizza
5 mesi fa

Ciao Flavio, io sono una autrice di una piccola casa editrice ed ho, in passato, fatto molte presentazioni di libri, con conseguente firma copie. Il tavolo ( grazie a Dio) l’ho sempre avuto, però in un‘unica occasione mi è capitato che gli organizzatori non fossero ben organizzati ed alla presentazione si sono presentate ben 4 persone! Che dire? È molto triste essere lì a disposizione ed avere così poco pubblico.
Su consiglio del mio editore, per le presentazioni successive mi interessavo personalmente di invitare più persone possibili che mi dicessero vengo.
Questa è la mia esperienza.
Sicuramente il caro editore dovrebbe muoversi un attimo, visto appunto, che sei un personaggio famoso e molto amato dai fan.
In bocca al lupo per tutto!
Un abbraccio
Franca Isabella Barzizza

Anna Maria Tagliaferri
Anna Maria Tagliaferri
5 mesi fa

Ciao Flavio...posso darti del tu?Scusa ma ormai sei entrato a far parte della mia famiglia,ti vedo ogni giorno, sono un po' indietro con la visione delle puntate del Paradiso ma lo faccio volutamente perché mi spaventa l'idea della vostra assenza quando finisce la stagione,per me siete terapeutici sono molto ansiosa e pensare che in un momento di mia difficoltà posso accendere la TV e sapere che ci siete a farmi compagnia con la vostra quotidianità mi fa stare bene mi tranquillizza (adesso ti sembrerò pazza e sciocca ma ti assicuro che non è
così) mi fate tanta compagnia,ma mi sono già dilungata abbastanza scusa,tornando alla tua presentazione...hai fatto benissimo ad andartene, per come ti hanno accolto ti sei fermato anche troppo,il rispetto innanzi tutto, dobbiamo pretenderlo, ti guarderò sicuramente questa sera , un saluto affettuoso.

Clara Belluti
Clara Belluti
5 mesi fa

Io condivido con te, sentendoti e leggendo questo evento, mi sono sentita letteralmente umiliata, perché io provo empatia verso il soggetto di questo episodio. Devo dire l'ignoranza, il comportamento, di certe persone non ha limite e mi meraviglia sia accaduto in una Libreria, dico non in una Biblioteca, comunque in un Luogo,generalmente a me caro.

Angelica
Angelica
5 mesi fa

Mi dispiace tantissimo , lo trovo assurdo ! Ho lavorato in editoria per 22 anni e non ho mai sentito una cosa così …. Spero non sia stata la libreria Mondadori . Vorrei a Milano ? Un abbraccio grande 👍

Luca
Luca
5 mesi fa

Non ci posso credere, ma vedo! Vedo uno sgabello! Non hanno neanche avuto la gentilezza di recuperare in breve tempo il disagio! No comment

Laura
Laura
5 mesi fa

Sono senza parole.
Ma le librerie DEVONO essere attrezzate con dei tavolini (anche pieghevoli) per i firmacopie e devono anche allestire l'evento in uno spazio (o anche angolo) sufficientemente adatto e capiente. No words.

Elisabetta
Elisabetta
5 mesi fa

Oragnizzare lo spazio é teoricamente appannaggio del responsabile punto vendita, che organizza spazi e mezzi e delega magari per l'allestimento,un suo vice o chi di dovere; se di questo vi é grave mancanza, potrebbe essere la "parte ospite" ad organizzarsi sul momento, da spostare una parte di allestimento presente "per fare spazio" o chiedere gentilmente un tavolo ad un attività vicina. Un po' improvvisato,certamente, ognuno ha il suo lavoro e su questo non vi sono dubbi però alle volte non si tratta di tenere il punto o fare un passo indietro ma di intraprendere una direzione inaspettata,sviare momentaneamente il problema e portare il risultato a casa.
Lei avrebbe fatto la sua giornata firma copie e immagino avrebbe passato una giornata migliore, il suo pubblico anche e per fare la lavata di capo a chi é stato mancante ci sarebbe stato,comunque,sempre tempo.

Piccoli punti di vista da ex assistente personale di artista.

Laura Salussoglia
Laura Salussoglia
5 mesi fa

Ciao Flavio ma che situazione incresciosa.....ovvio che c'è il tavolo al firmacopie....ma che imbarazzo!!!
Ti aspettiamo a Torino per bilanciare un po' l'esperienza!! Un abbraccio laura di torino

Cristiana
Cristiana
5 mesi fa

Condivido <> ..

Anna Salvo
Anna Salvo
5 mesi fa

Sei stato anche troppo educato, certe volte bisogna essere maleducati con chi lo merita, andartene dopo due ore è stato anche molto. Ma una bella lettera alla "prestigiosa casa editrice"per esprimere il tuo"disappunto"?

Filomena
Filomena
5 mesi fa

Mi dispiace molto se vieni a Torino fammelo sapere

Fulco Maria rosa
Fulco Maria rosa
5 mesi fa

Stai tranquillo, sei, sarai sempre il numero uno in tutti i campi che ti cimenti.

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
78
0
Clicca per commentarex