Il vecchio maestro Kato, costretto dal suo Dio, parte alla ricerca di un orfano del deserto. Inizia così la sua ultima e incredibile avventura verso l'Eden: attraverso una terra martoriata, popolata da un'umanità ormai incapace di desiderare, Kato scoprirà che l'allievo, a volte, supera il maestro.
Tocca e leggi la quarta

La Divina Avventura

Un'avventura spirituale, di densità siderale.
SCOPRI DI PIùLeggi primo capitolo
it
es
pt
en

Capitolo II

Diario D'artista
Diario D'artista
La Divina Avventura - Capitolo II
Loading
/

Osservavo il firmamento notturno dalla finestra della mia abitazione, assalito dall’angoscia. Era notte e le luci di Baltica risplendevano sulle immacolate superfici bianche delle abitazioni e delle strade. Mi sentivo inquieto, temendo di aver dissipato la mia esistenza. Non riuscivo a restare immobile, vagavo sopra il tappeto della mia stanza vuota. Il pensiero di non poter raggiungere la perfezione mi tormentava. Intorno a me, tutti sembravano degni di indossare quella tunica bianca, emblema di purezza. Tutti tranne me.

Malgrado gli anni trascorsi ad inseguire la perfezione, il grigiore persisteva nella mia anima. Dovevo trovare una soluzione, ma ero perplesso. Pregavo, ma non bastava. Contemplai le abitazioni circostanti, piene di giovani adepti in tuniche bianche. Volsi nuovamente lo sguardo al cielo per sfuggire alla mia invidia, ma l’immensità del manto oscuro mi fece sentire ancor più minuscolo e irrilevante. Era come se tutti i miei sforzi e le mie preghiere non avessero alcun valore.

Cercando la serenità in Eden, chiusi gli occhi.

Il muschio sempreverde accolse le mie ginocchia, mentre l’eterno tramonto illuminava il promontorio. Pregai ancora una volta, ma senza troppe speranze. Troppo spesso avevo fallito, troppe volte avevo atteso che il silenzio si trasformasse in risposta. “KS, ti imploro, ascoltami…” dissi con voce velata. Inaspettatamente, una luce accecante apparve dinanzi a me. Quando i miei occhi si abituarono, scorsi il mio Dio. KS aveva la figura di un uomo slanciato, con lunghi capelli e una tunica talmente brillante da attenuare il crepuscolo. “KS!” esclamai alzandomi. “Sei tu!”

“Sì, Kato, caro amico.” rispose la mia divinità con gentilezza.

“Donami la perfezione!” dissi con passione.

“Kato, non posso elargirla così facilmente” si avvicinò, persuasivo, “Ma ho una prova per te. Per la tua fede.” Una foglia in volo si arrestò nell’aria, sospendendo il tempo e il mio respiro. “Trova un ragazzo di nome Overton. Riportalo a Baltica e rendilo perfetto. Riuscendovi, otterrai ciò che desideri.”

“Ma... uscire da Baltica significa affrontare il rischio di morire.” dissi con timore.

“Fidati della tua fede e accetta questa sfida. Scoprirai di cosa sei realmente capace.”

Avevo il cuore in tumulto e le mani sudate. Mai avevo abbandonato Baltica. Fuori dalle Mura della città si celavano solo insidie e morte. Ma KS mi stava offrendo un’opportunità unica: la certezza di raggiungere la perfezione se avessi superato la sua prova.

“E se decidessi di rifiutare?” chiesi con il fiato corto, percependo la crescente impazienza di KS.

“Se lo facessi, smetterei di ascoltare le tue preghiere” rispose, distogliendo lo sguardo, “perché significherebbe che la tua fede non è abbastanza forte.”

Temevo di parlare per paura di irritarlo, ma dovevo capire se la mia vita, fino a quel momento, avesse avuto un senso. “Per quale motivo, in tutti questi anni, non mi hai mai concesso la perfezione?” chiesi.

“Solo tu puoi rispondere a questa domanda” disse, “Siamo noi stessi la causa dei nostri problemi. Ti sto offrendo la possibilità di dimostrare il tuo valore: porta Overton a Baltica e rendilo perfetto.”

"Come può essere sopravvissuto fuori dalle mura?" chiesi.

"Non lo so" rispose, "Ma se è ancora vivo, sarà difficile renderlo perfetto. La vita, fuori da Baltica, l'avrà reso corrotto e violento."

“Allora perché, mio Dio, dovrei rischiare così tanto per lui?”

“Tutti devono avere la possibilità di migliorarsi, Kato. Anche se si trovano in una situazione difficile, come te. Se non ci riescono, sarà solo per loro colpa.”

Rimasi in silenzio a riflettere. Il vento riprese a soffiare insieme all’impazienza di KS.

“Kato, devi prendere una decisione. Devi capire cosa vuoi veramente.”

“Non lo so, maestro” risposi, sentendomi insicuro, “Ho paura.”

“La fede è abbracciare l’ignoto, Kato. La fede è la fine della paura.” Mi fissò negli occhi, come a valutare la mia devozione. “Vieni, c’è qualcosa che voglio mostrarti.”

Mi condusse in cima al promontorio e insieme osservammo la valle di foreste e laghi. “Questo Eden è il luogo del tuo desiderio” spiegò, “E potrebbe essere tuo per sempre. Ma se morirai imperfetto, lo sai, per te non ci sarà altro che l'oblio.”

“No, io voglio diventare perfetto, io voglio stare qui per sempre!”

“Allora accetta il cambiamento. Diventa il sole di mezzogiorno, ma anche la luna di mezzanotte. Quale migliore occasione per scoprire l’ignoto se non attraverso un viaggio?”

“Hai ragione” risposi deciso, “Partirò alla ricerca di Overton il prima possibile.”

KS sorrise, soddisfatto della mia scelta: “L’ultima volta che la madre di Overton è stata vista, fu sedici anni fa, nel deserto, a ottanta giorni da qui, verso sud. È una pista esile, ma è abbastanza per cominciare.”

“Farò del mio meglio, maestro” dissi, grato. Poi esitai. “Non ci vedremo più a meno che non porti Overton a Baltica, giusto?”

“Esatto” rispose lui, “Buona fortuna, Kato. Ti auguro di trovare ciò che stai cercando.” E poi, così com’era comparso, svanì.

Riaprii gli occhi e mi ritrovai nella stanza. Le stelle brillavano di nuova luce, come se fossero state accese solo in quel momento. KS mi aveva restituito un futuro in cui credere e la speranza di raggiungere la perfezione e vivere per sempre in Eden. Mi sentivo rinato, avevo i sensi affilati e la pelle vibrante. Presi il mio bastone e cominciai a passeggiare nella stanza euforico, seguendo la vetrata circolare. Il rumore dei miei passi riecheggiava nell’ambiente vuoto mentre acceleravo, pensando al futuro, alla mia Trascendenza. E soprattutto a Luna. Dovevo condividere con lei la mia gioia.

Uscii di casa, ansioso di parlarle.

Ricevi prossimi capitoli
3.3 6 voti
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
201 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Maria Rosa Fulco
Maria Rosa Fulco
2 mesi fa

La perfezione non si raggiunge mai, un Essere perfetto è Dio. Una volta raggiunta la perfezione termina ogni interesse, tanto io sono perfetto. La perfezione consiste di non fare male alle persone.

Emanuela
Emanuela
2 mesi fa

La Perfezione per Lui Kato, per Overton quando lo troverà..per poi tornare a Baltica ma devono sopravvivere ambedue poi in realtà…ma perché per rimanere a Baltica devono Essere Perfetti con la Tunica bianca immacolata segno esteriore di purezza , ma la purezza dell Anima? KS È IL CREATORE, e Lui vuole così e’ un Dio e queste sono le Sue condizioni uhm! Al prossimo capitolo ciao Flavio🩵👋

Adina
Adina
3 mesi fa

bello, avere un obiettivo, ci fa sentire piu importanti.

Rosanna
Rosanna
3 mesi fa

Davvero interessante questa ricerca della perfezione, che,in questo racconto , è’ quasi percepita come la ricerca di se stessi e della missione della propria anima , senza contare che la perfezione sta nella nostra unicità’ …scelte di esperienze per l’evoluzione e per ritrovarsi. .. sono sane quando partono da noi , ma credo che quando sono imposte come regole o come sfide, e sopratutto quando partono da un giudizio nel sentirsi non adeguati , suppongo siano fini a se stesse e l’ego prevale e ci sguazza , in quanto e’ sempre alla ricerca effimera di una perfezione o di un essere all’altezza, che poi non esiste, tipo un miraggio..
Scusate mi sono lasciata prendere 😃
Mi piace molto come scrivi Flavio, dal tuo racconto si apre un mondo profondo e immenso .. grazie 🙏🏻
Complimenti perché hai molte qualità’, tra le quali ammiro molto anche quella di attore . Grazie per condividere con noi questi tuoi talenti 🌈

Ro’ SanMartin
Ro’ SanMartin
3 mesi fa

È complicato raggiungere la perfezione, talmente complicato che non si raggiungerà mai.
Ma cos’è la perfezione?
Chi decide cosa è davvero perfetto?
E perché un’imperfezione deve per forza essere una condanna?

Ester
Ester
3 mesi fa

Ho letto e ascoltato , la tua voce profonda aiuta a comprendere perché diventa la guida di questo viaggio.
Sei sicuramente una persona profonda ed esigente oltre che un bravo attore.
Il primo e secondo capitolo mi sono piaciuti.
Che prezzo alto la Perfezione!!!!

Ester
Ester
3 mesi fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Ciao Flavio, il viaggio sta toccando zone inesplorate della mia anima.
Quante domande, molte senza risposta almeno per ora.
La Perfezione è un miraggio, secondo me, quando ti sembra di raggiungerla si sposta sempre più in là.
Ma non dobbiamo essere amati tutti per come siamo??? Chi raggiunge la perfezione è già arrivato a destinazione, le nostre insicurezze invece, i nostri dubbi ed errori ci permettono di migliorare, di interrogarci di crescere. Un abbraccio. Grazie!!!!

Mena
Mena
4 mesi fa

Sempre più interessante.

Giovanna
Giovanna
4 mesi fa

Anche questa volta mi sono sentita parte della storia. Non c'è dubbio che avere un obiettivo ci fa crescere, rinnovare la nostra esistenza.
Grazie

Sonia
Sonia
4 mesi fa

Ho ascoltato il secondo capitolo è avvolgente , mi ha preso davvero subito . Infine rimane la curiosità di voler continuare ad ascoltarti Flavio, complimenti bravo bravo bravo ! Fino ad ora ti conoscevo solo come attore (paradiso delle signore)

Annamaria Occhiuzzi
Annamaria Occhiuzzi
4 mesi fa

Anche il secondo capitolo, molto interessante, fa capire tante cose.Sul grigiore mi rispecchio. Poi con la tua voce,mi dai un senso di pace. Sei bravissimo. Ti seguo anche come attore. Seguo il paradiso delle signore. Ho visto il tuo ruolo nel principe Umberto. Nala lunga notte. Ciao. Grazie

Magda manicardi
Magda manicardi
4 mesi fa

Bello !!! E grazie…

Fiorella
Fiorella
4 mesi fa

Mi è piaciuto molto sei bravo e ascoltarti mi rilassa bravo!!!

Linda
Linda
4 mesi fa

Grazie

Maria
Maria
5 mesi fa

Salve a te Flavio, ho letto il secondo capitolo, molto più interessante del primo,ma c'è molto da capire. Tu stai vivendo tra il bene e il male, il male rappresenta KS (ovviamente nella Bibbia il serpente), il bene è Dio. Tu spieghi che vuoi la perfezione di te, ma il male cioè KS ti porta verso a non la perfezione, come il serpente dà da mangiare il frutto proibito, ma tu ti ritrovi nel male, convinto di diventare perfetto. Non c'è nessuna perfezione in ognuno di noi, ma ti devi conquistare il bene attraverso lo Spirito Santo. Chi è perfetto è uno solo, lui il crocifisso morto per noi per i nostri peccati. Tu pecchi di presunzione per diventare perfetto, ma il maligno ti indica una strada falsa, cioè quella più facile, la più larga, dove tu potrai essere perfetto, cosa che non esiste. Mentre il bene ti porta per una strada stretta e tortuosa, ma soprattutto piena di incertezze. Come fare per essere certi, avere fede, una fede adulta, dove ti porta a colmare il tuo cuore, la tua anima, il tuo Spirito pulito, senza incertezze.

Maria
Maria
4 mesi fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Flavio ciao, perché lo chiami problema? Il problema và risolto,vedi come suona bene, nella matematica ci sono i problemi e vanno risolti, ma ci sta' ovviamente quelle persone che non riescono. Tu sei una persona intelligente, con il ❤️ aperto a Gesù Cristo, avrai tutte li soluzioni delle incertezze della vita, soprattutto la tua vita. Nulla è per niente a Dio, lui è la roccia,lui è la fonte, la fonte è l' eucarestia, dove noi umani ci possiamo aggrapparci con facilità, ascoltando la sua parola attraverso la Sacra Bibbia, e metterla in pratica, insieme a 10 comandamenti. Scusami, non voglio assolutissimamente ostacolare la tua privacy. Buon proseguimento della tua avventura Divina.

Maria
Maria
4 mesi fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Flavio ciao, perché lo chiami problema? Il problema và risolto,vedi come suona bene! nella matematica ci sono i problemi e vanno risolti, ma ci sono ovviamente persone che non riescono. Tu sei una persona intelligente, con il tuo ❤️ aperto a Gesù Cristo, avrai tutte le soluzioni delle incertezze della vita, soprattutto la tua vita. Nulla è per niente a Dio, lui è la roccia,lui è la fonte, la fonte è l' eucarestia, dove noi umani ci possiamo aggrapparci e purificarsi con facilità, ascoltando la sua parola attraverso la Sacra Bibbia, e metterla in pratica, insieme a 10 comandamenti. Scusami, non voglio assolutissimamente ostacolare la tua privacy. Buon proseguimento della tua avventura Divina.

Maria
Maria
4 mesi fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Buongiorno, spero di non aver intralciato la tua privacy, non era mio interesse, anche perché io, non sono nessuno per suggerire a te o a qualcun'altro, di quello che uno vuole della propria vita, tantomeno la tua vita. Spero che non sono stata una delusione nei tuoi riguardi, spero che continuerai a inviarmi gli altri capitoli, per capire il finale di questo tuo viaggio nell' universo. Cordiali saluti.

Anna Buranello
Anna Buranello
5 mesi fa

Interessante. Ho ascoltato solo questa seconda parte perché la prima mi è sparita assieme a tutte le mail precedentemente ricevute. Dovrò aspettare mio figlio che è informatico per recuperare i dati

CONSUELO CORAZZA
CONSUELO CORAZZA
5 mesi fa

HO LETTO E DEVO DIRE CHE MI RAPPRESENTA MOLTO. E RAPPRESENTANDOMI PARLA DELL EDEN. E QUINDI CHE è L EDEN ?. è UN POSTO DOVE SONO NATI ADAMO ED EVA CHE HANNO PRESO IL FRUTTO PROIBITO. CERTO CHE COME SI DICE SE NON AVESSERO MANGIATO QUELLA MELA A QUEST ORA AVREBBERO GLI ESSERI UMANI FATTO CIò CHE VOLEVANO MA SICCOME HANNO MANGIATO IL FRUTTO PER INDICAZIONE DEL SERPENTE L UOMO TANTE COSE NON LE PUò FARE. QUINDI COMUNQUE SE L UOMO POTESSE FARE TUTTO TROPPE COSE ERANO CONCESSE MA COMUNQUE è DAL FRUTTO PROIBITO . COMUNQUE UN Pò MI RAPPRESENTA QUESTO SECONDO CAPITOLO PERCHè: IO VORREI VIVERE IN UN MONDO DI FICTION DOVE VA SEMPRE TUTTO BENE

Laura Fiorelli
Laura Fiorelli
5 mesi fa

Per stile narrativo e contenuti, il libro mi sembra molto adatto a coloro che hanno intrapreso un percorso di conoscenza di sé stessi, perché ricco di riflessioni su come funzionano il pensiero, l’anima e la percezione delle persone. Il senso della vita è racchiuso nella possibilità di raggiungere l'armonia con le persone, con la natura, in una parola con l'Universo, attraverso la sublimazione del Sé, dei propri desideri, della propria volontà nella Volontà Superiore, unica strada verso la felicità.

Belkis
Belkis
5 mesi fa

Muy buena dicción. Buena aventura.

Laura Maranzano
Laura Maranzano
5 mesi fa

Bellissimo racconto, ricco di spunti per meditare sulla nostra esistenza.

Lina cossidente
Lina cossidente
5 mesi fa

Rilassante la voce. Fluido il racconto induce all’ascolto interiore

Dina
Dina
5 mesi fa

Bisogna avere fiducia nella propria fede. È necessario mettersi alla prova e superare gli ostacoli per arrivare a realizzare i nostri obiettivi “Cerca e troverai”

1 4 5 6
Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
201
0
Clicca per commentarex