14 Agosto 2023

Indipendenza Artistica: Tra Sogno e Realtà

Sono un artista scisso tra la mia passione indipendente e l'attrazione del mainstream. Nel conflitto tra rimanere fedele a sé stessi e cercare il riconoscimento, dove si trova il vero valore dell'arte? Scopri una riflessione profonda sulla libertà artistica, i compromessi del settore e l'eterno desiderio di creare un legame autentico con lo spettatore.
Diario D'artista
Diario D'artista
Indipendenza Artistica: Tra Sogno e Realtà
Loading
/

Sin da bambino sono sempre stato un ragazzino pieno di indipendenza. Sempre alla ricerca di un modo per non dover rendere conto agli altri.

Questo mi ha portato ad amare la mia solitudine, cosa che scoprii, solo più tardi nella vita, essere una caratteristica più unica che rara. Insomma, adoro la solitudine, amo quella libertà, quell'orizzonte di possibilità che si porta dietro. Il non dover dipendere dagli altri è una parte essenziale di me, e anche, per forza di cose, del mio spirito artistico.

Se fate un salto sul mio sito, vi renderete conto che ho coltivato negli anni - chi mi segue da molto lo sa - una miriade di progetti indipendenti, e tutti, in un modo o in un altro, hanno trovato vita, senza però "esplodere" come potrebbero esplodere progetti che sono connessi al mondo.

Mi spiego meglio, penso di aver pagato - con piacere - il mio auto isolamento. In fondo, perchè un progetto funzioni nella società, perchè ottenga un riconoscimento "generale" è necessario che anche altri agenti siano coinvolti. Che i "grandi giocatori", come vengono chiamati coloro che muovono i grossi numeri, abbiano qualcosa da guadagnare dal successo di quell'opera.

Sennò perchè dovrebbero attivarsi?

Non è un caso che i premi, sia nel cinema che nell'editoria, siano un'esclusiva delle grosse produzioni, o delle grandi distribuzioni. Il motivo è, da una parte, l'alta qualità fornita da questi "player" che, avendo a disposizione grandi capitali sono capaci di produrre contenuti eccezionali. Ma dall'altra parte, quel successo è dovuto alla fusione dell'ecosistema, in cui tutti hanno qualcosa da guadagnare da questa sinergia comune.

Ecco dove il mio essere indipendente paga lo scotto. La mia volontà di farcela da solo è talmente forte che potrebbe essere definita tragica. Sono destinato, come Tantalo, a non arrivare mai li dove vorrei. Il mio intento, nel momento in cui mi esprimo, è quello di parlare ai più. Ma vorrei farlo da uomo libero, senza i vincoli di altri che - giustamente - vogliono mettere bocca sull'opera.

Ripeto, giustamente. Le case editrici, i distributori conoscono bene il mercato, sanno cosa funziona e cosa no, e quindi sanno dare a chi collabora con loro le indicazioni corrette per massimizzare le opportunità di successo.

Ma allo stesso tempo, quante volte é successo che grandi artisti venissero ignorati dal mercato, e che diventassero, dopo la loro morte, riconosciuti? Questo è un tema ricorrente nel mio diario, me ne rendo conto. Ma come avrete capito è anche qualcosa che mi tocca particolarmente.

Io ho un sogno, quello di creare un legame diretto tra l'artista e lo spettatore. Dove è lo spettatore ad essere la fonte di sostentamento dell'artista. Sogno uno scambio equo, in cui l'artista procede nel suo percorso di ricerca e condivide con chi lo segue i frutti preziosi del suo lavoro.  

Un rapporto reciprocamente benefico.

Insomma, indipendente o mainstream? Non lo so. Ma quello che posso dire è che essere entrambi è molto difficile. Io ne sono in un certo senso una doppia incarnazione. Scisso in due. In quanto attore, posso essere definito mainstream, popolare. Ma come artista, come poeta, regista, scrittore, sono un indipendente.

Tuttavia, in un mondo liquido di meteore digitali, credo che l'integrità artistica, nel tempo, sarà sempre più apprezzata. Ogni volta che sono tentato di vendere la mia arte al mainstream, qualcosa dentro di me resiste, valorizzando la libertà sopra tutto. Sono, e rimango, un idealista.

E voi, cosa ne pensate? Il compromesso è necessario? Anzi, benefico? Oppure bisogna lottare per i propri ideali al punto da sacrificare il guadagno in cambio della purezza?

Alla prossima pagina.

Ricevi i prossimi articoli via mail 📩

Leggi. Viaggia.

Scopri un'avventura fantastica ed esistenziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

51 commenti su “Indipendenza Artistica: Tra Sogno e Realtà”

  1. Tantalo - I referred to him when I was hungry for life.
    I like how you use him. We idealists feel very strongly about entropy, don’t we? Metaphorically & for poignancy - all the possibilities we feel! All the intuitions the universe paints on our harmonically beating heart.

  2. Sei uno dei pochi artisti che è riuscito, e continua a riuscirci, a creare un legame con chi lo segue, con chi usufruisce delle tue riflessioni per riflettere a sua volta. Ben venga una solitudine e una Libertà che porta a questi risultati. Grande Flavio! 🌞

  3. Forse è utopia, ma credo che conservare la propria Libertà sia il giusto anelito di ognuno, anche se ovviamente tutto ha un prezzo. Del resto anche la stessa rinuncia ha il suo costo e, quindi, secondo me conviene provarci, almeno non si avranno rimpianti

  4. la scelta la fa la propria indole, che supera ogni ragionamento razionale.
    va dove ti porta il cuore.......

  5. Ma quale tipo di arte? La letteraria, immagino. E' possibile esprimersi, ma non sempre lo è altrettanto comunicare. Ci sono canali, certo, ma sono a corsie riservate per chi riesce a trovare agganci, appoggi. Ed è ovvio che bisogna per questi percorsi avere la disponibilità alla vendita, al contraccambio. Di che genere? Dipende!

    1. Magistra Studiorum si, nello specifico arte letteraria. Ma onestamente penso che il compromesso artistico sia un dilemma trasversale che vale in ogni campo dell'arte

  6. Alle tue domande non posso non rispondere che con la parola "indipendenza", altrimenti tradirei la mia essenza più profonda. Sì, personalmente ritengo che bisogna lottare per i propri ideali al punto da sacrificare il guadagno in cambio della purezza e di non cedere alle proprie convinzioni. Io l'ho fatto più di una volta, uscendone in alcune situazioni vincente in altre no, ma felice di aver mantenuto fede alle mie convinzioni.

  7. È un po'difficoltoso perché a qualche compromesso sia nella vita artistica che personale bisogna cedere ma crederci e riuscirci come fai tu è già un bel cammino.Ciao e
    alla prossima👏👏👏

  8. L'indipendenza è il risultato della nostra personalità. Anche per me è un progetto la vita.

  9. Ciao Flavio ti ascolto sempre con interesse anche la tua meravigliosa voce infonde serenità grazie e , Buona giornata ❤️

  10. Solitudine e libertà sono essenziali perché l’Artista possa creare. La libertà dovrebbe essere incentivata, perché è da lì che viene l’originalità, il nuovo, il sorprendente. Sono gli imprenditori del settore che dovrebbero fare gli scopritori di talenti, portarli alla ribalta, spingerli con i loro potenti mezzi, la gente li seguirebbe e ne sarebbero ripagati. Purtroppo il guadagno rapido e facile porta alla follia di adeguare l’arte ai gusti della folla, col risultato di un appiattimento generale. I remake del cinema forse hanno origine qui e l’editoria è su questa scia, anche se stanno nascendo Associazioni di Liberi Autori per pubblicare senza vincoli. Un importante personaggio del mondo del cinema, in una recente intervista a cui ho assistito, ha spiegato che, mentre una volta si andava a caccia di idee, su cui costruire sceneggiature da sottoporre ai produttori (così sono nati i capolavori della nostra storia del cinema) adesso si chiedono finanziamenti, fornendo a garanzia di fare un film uguale a ...e si cita un titolo di successo. Pazzesco ! Tu sei un artista di talento e passione rari, spero tanto che il tuo sogno del filo diretto si realizzi, si estenda, magari tramite questo spazio, che esploda, coinvolga altri artisti e ribalti la situazione. Per quello che posso continuo a sostenerti e a divulgare. Buon lavoro !

  11. Nel mio piccolo mondo di docente alle prese con generazioni di giovani, di genitori, di colleghi non ho mai cercato consenso compiacendoli, ma sono andata dritta per la mia strada insegnando e condividendo valori e conoscenze, ho pensato più a seminare che a raccogliere e oggi posso dire che sono soddisfatta di ciò che ho fatto e, in altri ambiti, continuo a fare. Se il lavoro, qualunque esso sia, ti dà gioia, chi se ne importa se non sei ricco sfondato,l'importante è non aver dovuto rinunciare ai propri sogni. Vai avanti così Flavio 😉

  12. Hai scritto la verità ! Ci vuole tenacia a continuare ciò che fai ed è una cosa meravigliosa quando si fa uno spettacolo coinvolgere il pubblico.E' vero che tanti vengono ricordati dopo la morte ,Editori , giornalisti allora si ricordano .Sono tanti tui colleghi che non meritano di fare ciò che fai tu ma, l'amico dell'amico e poi ti trovi con attori che anche se recitano una poesia non ti trasmettono niente.Tu hai dei sentimenti e tanta sensibilità oltre che guardarti attorno e ascoltare le persone.Ti faccio i miei più sentiti Auguri di ❤️ Ciao Nadia 🌹🌹🌹

  13. Questa pagina del tuo diario è stupenda... 👏👏✨✨😍😍💙💙Complimenti per le tue riflessioni!!! E sei unico anche perché desideri molto creare uno stretto rapporto fra te e lo spettatore! ❣️

  14. Fin da bambina sono stata amante dell’indipendenza. Per esempio via alla mano della maestra in prima elementare che pretendeva di guidare la mia per i primi segni grafici insegnati..,
    E così via via che sono cresciuta, anche nelle mie scelte, pagandone sempre il prezzo, solitudine e incomprensione. soprattutto, e qualche malevolo giudizio
    Oggi più che mai sono convinta che sia giusto difendere la propria autonomia anche come scrittore non importa a che prezzo. Va da sè che resto un’inguaribile testarda idealista. Mi ripeto ma trovo molto interessante e stimolante per riflettere questo tuo articolo., come quelli che lo hanno preceduto.
    Grazie, Flavio. Considero questo tuo diario davvero prezioso e generoso contributo formativo che rivela una tua speciale attitudine alla didattica. Mariangela.

  15. Personalmente penso che bisogna lottare per i propri ideali e i propri valori anche a costo di sacrificare guadagno e successo immediato,altrimenti non c'è differenza tra l'artista vero e quello omologato che accetta di tutto pur di arrivare.

  16. Sicuramente un tema complesso tuttavia credo che il mercato abbia anche bisogno del prodotto di nicchia perché si rivolge ad un audience che schiva il prodotto di massa.

    Forse saro' troppo idealista ma voglio pensare che c'e' spazio per tutti, la difficolta sta nel sapersi muovere in questo mercato folle per essere visibili a chi ti cerca.

22 Febbraio 2024
Il coraggio della rinuncia

In tutti noi vive Icaro: dilemmi tra razionalità, desiderio e scelte che ci definiscono attraverso rinunce coraggiose.

19 Febbraio 2024
Il potere della memoria

La memoria, uno scrigno segreto che incanta e sfugge, plasmando identità e arte, meravigliosamente misterioso

15 Febbraio 2024
Come credere in noi stessi

Come credere in noi stessi? Circondandosi di chi crede in noi, apprendendo dai maestri, curando corpo e mente e selezionando con cura ciò che nutre l'immaginario. Sono alcune delle chiavi essenziali.

12 Febbraio 2024
La fragilità dell'artista

In questo universo di dubbi, oggi mi sento fragile, temo la conclusione della mia saga e cerco un equilibrio tra volontà e destino, chiedendomi se lotto contro mulini a vento.

8 Febbraio 2024
La buona scrittura

Riflettendo sulla revisione della mia saga, capisco che separare scrittura da editing e uccidere i propri pezzi "preferiti" sono passi cruciali per migliorare.

5 Febbraio 2024
Il talento della volontà

Dubitare del proprio talento è normale, ma scoprire che la volontà aiuta a superare le incertezze mi conforta.

1 Febbraio 2024
Una sorpresa per te

Discuto dei limiti della densità della mia prosa, del mio amore per la poesia sintetica, di come voglio riuscire ad unire i due aspetti. E poi... una piccola sorpresa 🎁

29 Gennaio 2024
Un firmacopie disastroso

In questo racconto divertente, condivido la mia esperienza deludente durante un firmacopie senza adeguata accoglienza, riflettendo sull'importanza del rispetto.

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php