Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Il loro amore sboccia tra amicizie e tragedie familiari mentre una leggenda promette a chi troverà l'Anello di Saturno il potere di cambiare il proprio destino.
Tocca e leggi la quarta

L'Anello Di Saturno

Una saga d'amore narrata dal Destino.

ADS_Banner_Acquista
ricevi capitoli gratis

Capitolo Quattro

Luca, come un nobile parigino in rotta verso la ghigliottina, avanzava lentamente verso il fondo della piazza. Il gruppo di coetanei aveva preso possesso dei gradini sotto al monumento ai caduti. Il giovane sapeva a cosa andava incontro: ogni volta era la stessa storia. I genitori lo forzavano a incontrare gli altri e ogni volta finiva per essere rifiutato.

Avvicinandosi, solo uno di loro lo fece sentire accolto, esistente: Geppo, sedici anni, un ragazzo dai capelli crespi e naso importante, con la postura di un nuotatore professionista. Dal suo sorriso forte e sano, da quell’espressione bonaria, Luca intuì che Geppo era diverso, che ci teneva agli altri.
Appena Geppo si alzò per andare incontro a Luca, Ronnie lo fermò con un gesto. Poi, ergendosi con un sorriso tagliente tra le labbra, chiese a tutti: «A chi va di giocare a Torello?». Era una domanda retorica; nessuno poteva dire di no a Ronnie.

I ragazzi si disposero in cerchio al centro della piazza vuota. Ronnie, rivolgendosi a Luca, che era rimasto in disparte, disse: «Francesino, vuoi giocare?».
Luca si avvicinò timidamente, ancora incapace di capire di cosa parlasse quel ragazzo. Cos’era il Torello? Cosa avrebbe dovuto fare? si chiese camminando verso il cerchio di ragazzi.
Geppo intuì la difficoltà di Luca quando, giunto al centro, osservò tutti con uno sguardo smarrito e inconsapevole, tipico di chi non sa come agire. «Quelli in cerchio si passano la palla. Tu la devi intercettare, ma solo coi piedi. Se ci riesci, prendi il posto di quello che l’ha calciata per ultimo», spiegò Geppo.

Luca annuì in segno di ringraziamento. Fu sufficiente quel fugace scambio di sguardi per far comprendere a entrambi che erano destinati all’amicizia.

Il gioco prese il via. Geppo calciò la palla verso Ronnie; Luca, goffo ma dalle gambe lunghe, riuscì a sfiorarla, quasi prendendola con la punta dei piedi. Il suo cappuccio scivolò dal capo, la sua corsa si fece più concitata e il sudore lo trascinò in una trance che si potrebbe definire agonistica. Luca si muoveva inaspettatamente come un gatto cacciatore, eccitato dalla competizione. Acceso da un’energia nuova, comprese presto come anticipare il pallone.

Ronnie, nel tentativo di beffarlo, diede un calcio a pallonetto, il “cucchiaio”, come lo chiamava. Ma Luca, con un balzo atletico, fermò la palla con il petto e la posò sotto il suo piede, assumendo una posa trionfale.

Ronnie aveva perso davanti a tutti, e ora era il suo turno di andare al centro. Il bullo che covava in lui non perse tempo a segnare il territorio. Con due falcate si piazzò davanti a Luca e lo spinse a terra con violenza, in un gesto di pura frustrazione. Geppo intervenne immediatamente per fermare Ronnie, i cui pugni fremevano di rabbia per lo smacco subito.

Luca, decisamente più intelligente del suo avversario, si alzò, spolverando i jeans e mantenendo lo sguardo basso per evitare ulteriori tensioni. Si ritrasse di un passo, notando che il suo Game Boy era caduto sui sampietrini, proprio vicino ai piedi di Ronnie. Capovolto, lo schermo non era visibile. Un brivido di paura lo attraversò all’idea di aver perso il suo unico compagno di giochi.

Geppo, prontamente, raccolse il Game Boy per lui.

«Ma che stai a fare?» lo interrogò Ronnie.

«Ma si può sapere che cazzo t’ha fatto? Stava solo giocando», rispose Geppo, visibilmente irritato.
Ronnie, lanciando uno sguardo circospetto ai suoi compagni e notando la vergogna nei loro occhi, capì di aver esagerato. Con un gesto magnanimo ma finto disse: «Fate un po’ come cazzo vi pare...» e si ritirò sugli scalini a bere una birra, da solo.

Geppo allungò il Game Boy a Luca. «Io sono Andrea, ma qui mi chiamano tutti Geppo. Tu?»
Luca prese il suo videogioco, notando lo schermo scheggiato. «Luca...» rispose, serrando le labbra.

«Mi dispiace, Luca.»

«Non importa», rispose lui, riaccendendo la console. Lo schermo funzionava ancora. Alzò lo sguardo: «Grazie, Geppo». E si allontanò.

«Ciao Lucà», disse Geppo, enfatizzando l’accento francese in tono scherzoso. Luca non poté fare a meno di sorridere mentre si allontanava. Era un ragazzo che avrebbe voluto come amico, ma temette di perderlo ancor prima di conoscerlo, proprio come era successo con Julien.
Si allontanò senza una meta precisa, desiderando soltanto trovare un luogo tranquillo dove stare da solo. Si sentiva a suo agio in assenza degli altri, libero di immaginare di avere superpoteri, di saper fare karate e sconfiggere tutti.

Quanta fantasia produce la voglia di fuggire, caro lettore! E Luca ne era colmo, perché conosceva la fuga come le sue tasche. Fuggiva dagli altri, dal mondo che cambia troppo spesso eppure resta sempre uguale.

Ma soprattutto, fuggiva da se stesso.

***

Luca scese i grandi scalini dietro piazza Cavour, numerosi ma bassi e agevoli. Con lo sguardo incollato allo schermo del Game Boy, illuminato dalla luce gialla dei lampioni, giocava a Tetris con grazia e calma. La batteria del gioco era ormai quasi esaurita, segnalata dalla spia rossa più debole del solito. Quando la spia lo abbandonò, tutto si spense improvvisamente. Luca alzò lo sguardo per la prima volta. Si trovava in fondo alla scalinata, di fronte agli alberi del parco, lontano dalla piazza. Levando gli occhi verso la collina, intravide la punta del monumento ai caduti, ma i rumori del borgo erano scomparsi. L’odore della natura riempiva le sue narici, e fu immerso da un’insolita quiete, piacevole e cullante.

Il cielo era tempestato di stelle, più brillanti di quanto le avesse mai viste. “Sono così tante...” pensò, ammirando la Via Lattea visibile a occhio nudo e individuando pianeti come Marte, Venere e Saturno.
Poi si accorse di non essere solo. A una decina di metri da lui, sulla sua sinistra, sedeva una ragazza sotto la luce gialla dell’unico lampione acceso. Era seduta con le ginocchia piegate sul muretto, la schiena appoggiata al palo. Aveva un libro in mano e una sigaretta spenta tra le labbra.

Luca rimase a osservarla, immobile come gli alberi. La ragazza era così assorta nella lettura che ignorava le zanzare volare intorno a lei. Si interruppe solo per accendere la sua sigaretta, senza distogliere lo sguardo dalla fine del capitolo.

Luca la ammirò fumare, catturato dalla scena. Ogni soffio la avvolgeva in un velo di mistero. I suoi occhi smeraldi e felini, incorniciati da lunghe ciglia, seguivano le righe del libro. Aveva i tratti delicati, zigomi alti e lentiggini sulla pelle chiara. Indossava una canottiera, pantaloncini e sandali di tela. I suoi capelli erano lisci e castani.

Conclusa la lettura, la ragazza gettò la cicca, si spruzzò del profumo addosso, prese una gomma da masticare dalla borsa e si rivolse a Luca: «Come ti chiami?».

«Cosa?» rispose lui, risvegliato all’improvviso dall’ipnosi, sorpreso di essere stato notato.

«Sono dieci minuti che mi stai fissando. Come ti chiami?»

Luca sentì le ginocchia tremare e un rossore di vergogna gli salì al viso. Era stato lì a guardarla come un ebete e lei se ne era accorta. Balbettò la sua risposta: «Luca... io... mi...»

«E che ci fai qui?» chiese lei, scendendo dal muretto su cui era seduta. «Sei nuovo?»

Luca fece spallucce, cercando di giustificare la sua presenza. «No... niente,» alzò lo sguardo, «stavo guardando le stelle.»

La ragazza si avvicinò per osservarlo meglio. «Ce ne sono tante, quale guardavi?»

Luca deglutì nel sentirla così vicina. «Sa... Saturno...» rispose, quasi senza voce.

La ragazza scoppiò in una risata gentile: «Saturno non è una stella». E se ne andò, senza dire a Luca il suo nome.

***

Questo è - ahimè - l'ultimo capitolo che posso permettermi di offrirti gratuitamente. Se questo libro ti piace e vuoi sapere come andrà avanti l'incredibile storia di Luca e Anna, la potrai trovare nelle sue varie forme (ebook, audiolibro e cartaceo) cliccando sul banner della pagina. Acquistanto il libro non solo ti tufferai in una storia emozionante, ma mi sosterrai nel mio percorso di scrittore.

A prescindere dalla tua scelta, grazie per essere arrivata, o arrivato, fin qui.

Alla prossima pagina.

ricevi prossimi capitoli
condividi
4 5 voti
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
47 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Gianna
Gianna
1 giorno fa

Grazie.lo comprerò.complimenti

Caterina
Caterina
2 giorni fa

Grazie. Lo acquisterò cartaceo....mi ha catturara dalle prime righe

Elisa
Elisa
2 giorni fa

Grazie Flavio del tuo bellissimo libro che presto acquisterò ma cartaceo...a presto

Italia
Italia
2 giorni fa

Grazie Flavio sono una tua fans io leggo molto leggendo i tuoi capitoli sarò molto contenta di acquistarlo penso che ascoltarlo con la tua voce deve essere meraviglioso volevo ringraziarti di questa opportunità di mandarti un messaggio sei bravissimo come attore e anche come scrittore ciao e alla prossima

Lilly Canzoneri
Lilly Canzoneri
3 giorni fa

Avvincente,emozionante, ho ascoltato questo primi quattro capitoli,che mi sono tanto piaciuti...la storia è intrigante...parla di solitudine, amicizia,bullismo,rapporto genitori/ figli/ nipoti ... infatti tocca diversi temi importanti...e poi ho apprezzato molto il modo di scrivere,fluido e quindi di facile lettura, con grande proprietà di linguaggio, con le particolari e ricche descrizioni che ti fanno immergere nel luogo e addentrare nei personaggi. Complimenti ancora,caro Flavio, domani stesso lo acquisterò in cartaceo ..vedo se alla Mondadori o altra libreria lo trovo....e sicuramente lo consiglierò alle mie amiche...mi dispiace che stasera si è interrotto .... Complimenti per la lettura con la tua bellissima e calda voce.A risentirci presto.Buonanotte

Micaela
Micaela
4 giorni fa

Certo che continuerò la storia, vorrei acquistare il libro, però ascoltare la tua voce è diventata un'abitudine a cui non vorrei rinunciare. Grazie di cuore e complimenti per la bellissima storia e il modo in cui la racconti, è molto coinvolgente. Notte Flavio

Mafalda Votino
Mafalda Votino
4 giorni fa

Sicuramente acquisterò il libro, devo solo decidere se audio o cartaceo😊

Angela
Angela
4 giorni fa

Grazie Flavio per aver regalato questi bellissimi primi capitoli del tuo libro.Una storia molto bella, complimenti.

Giuseppa
Giuseppa
5 giorni fa

Grazie Flavio, il tuo regalo è stato molto apprezzato, mi è piaciuto tantissimo. Credo che comprero il tuo libro. Flavio ti volevo fare sapere che mia figlia è anch'essa una scrittrice, anche se non è famosa come te. Lei scrive per passione, ma ti assicuro che è molto brava. Ti abbraccio, ti ringrazio ancora. 💯

Sabina
Sabina
7 giorni fa

Grazie del regalo, mi è piaciuto molto acquisterò senz'altro il libro ,bravo Flavio,sia come attore che come scrittore.

Marina
Marina
7 giorni fa

Grazie per averci fatto questo regalo Flavio, credo che acquisterò il libro, mi è piaciuto soprattutto ascoltare la tua voce e nel frattempo leggere

Anna
Anna
8 giorni fa

Grazie x questo regalo...mi è molto piaciuto e lo acquisterò. ..A presto ci ritroveremo tra le pagine del tuo libro.

Antonella
Antonella
9 giorni fa

Lo compro assolutamente grazie comunque dei un bravo attore e adesso anche un ottimo scrittore,🤗

Alda Vogado
Alda Vogado
10 giorni fa

Caro Flavio, ti scrivo con l'aiuto del traduttore, poi che sto iniziando lo studio nella tua lingua Madre, cosa che mi fa molto piacere.
Grazie per I momenti piacevoli che hai gentilmente voluto condividere con noi. Confesso che già mi manca. Voglio acquistare il livro. Guarderò um po' qui e se non lo trovo, a Ottobre, quando andrò a Roma, proverò a comprarlo lì.
Grazie mille per Tutto!
Bacci
(Vorrei portarvi un picollo souvenir da Madeira)

Alda Vogado
Alda Vogado
9 giorni fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Grazie mille
Vi aspetto

Elettra
Elettra
10 giorni fa

Ciao Flavio,non so se sei più bravo come scrittore narratore o come attore ,in ogni modo l'anello di Saturno mi piace moltissimo ,purtroppo la libreria mi rimane lontano non so come fare.In ogni modo cercherò di organizzarmi ,ciao e complimenti ancora.

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
47
0
Clicca per commentarex