Diario D'Artista

19 Febbraio 2024

#106 Il potere della memoria

iscriviti gratis

La memoria... questa magica e inafferrabile realtà che vive dentro di noi, è stata fonte di ispirazione per centinaia, migliaia di autori. Proust, con la sua Madeleine, ne fece il tassello fondamentale dell'anima. Noi siamo la nostra memoria. E senza memoria, cosa saremmo?

Personalmente, ho sempre vissuto con un occhio verso il domani, piuttosto che al passato. Ho un approccio piuttosto diffidente nei confronti della mia memoria, forse perché non mi fido del tutto di essa. Ho spesso la sensazione che sia fallace. Per esempio, sono pessimo con i nomi. Non mi ricordo i nomi di nessuno, e questo mi porta a diventare molto chiuso, poiché, in un certo senso, il dubbio di non sapere con esattezza il nome della persona con la quale sto parlando mi mette in una situazione in cui preferisco non interagire. Ed ecco fatto l'introverso. Scrivendo, mi rendo conto che forse la mia introversione è proprio una questione di memoria. Forse, se mi ricordassi meglio i nomi, non sarei così timido.

Nei miei scritti, sia nelle poesie che nella prosa da romanzo, mi ritrovo spesso ad avere a che fare con il ricordo. Un ricordo che muta a seconda di chi lo ricorda. Mi viene in mente il film "Rashomon" di Akira Kurosawa, che affronta, appunto, la stessa scena ricordata da tre persone diverse. Ogni racconto differisce significativamente dagli altri, presentando versioni contrastanti degli stessi eventi, che gettano luce sulle complesse nature umane dei personaggi e sulla difficoltà di stabilire una "verità" oggettiva.

Il ricordo ha questo potere: riscrive la realtà vissuta, collocandola là dove ci viene meglio ricordarla. Il ricordo che abbiamo nella mente non è una fotografia esatta del momento vissuto, quanto piuttosto una fotografia di come stavamo noi in quel momento, della nostra - limitata - prospettiva. È una fotografia che più viene richiamata alla memoria, più muta, proprio per via della sua caratteristica fuggente e mutevole, quasi liquida. E così, quello che era una semplice giornata in spiaggia con gli amici prende nel tempo connotazioni favolesche, magiche, dalle atmosfere romantiche. Baci rubati.

Insomma, la memoria è una parte fondamentale di quello che ci rende umani. La società stessa non potrebbe esistere senza memoria. La cultura, l'arte, le scienze sono tasselli che vengono man mano registrati nella memoria collettiva e che creano, negli anni, strutture conoscitive gigantesche, che ci permettono di immaginare il nostro futuro, di diventare demiurgi della materia, di controllare la nostra vita. La memoria è conoscenza, esperienza, strumento di sopravvivenza.

Non posso esimermi dal pensare, però, che la memoria stia diventando, nel nostro mondo iper-digitalizzato, qualcosa di statico, di immobile. Le informazioni che registriamo sono così tante che non vi sembra più esserci spazio per l'attribuzione, per l'errore, per il margine di magia. I ragazzi nati ora avranno tutta la loro vita registrata, bit per bit, su internet. Foto, frasi, video, pensieri. Tutto sarà lì, a disposizione del prossimo. E così, il margine di mistero si fa sempre più sottile, sempre più inesistente, e questo mi dispiace, perché la magia del mito, sta proprio in quello spazio di ignoto.

Per questo scrivo i miei libri: per lasciare un segno marginale, indefinito, un luogo di mistero che dia al lettore la possibilità di rileggermi e di scoprire, in questo marasma di parole, qualcosa di sé stesso.

Alla prossima pagina

seguimi su spotifyLeggi altri articoli
Condividi
Commenti dopo il banner
Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Il loro amore sboccia tra amicizie e tragedie familiari mentre una leggenda promette a chi troverà l'Anello di Saturno il potere di cambiare il proprio destino.
Leggi gratis
Tocca e leggi la quarta

L'Anello Di Saturno

Una saga d'amore narrata dal Destino.

ADS_Banner_Acquista
ricevi capitoli gratis
5 1 vota
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
42 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Dina
Dina
2 mesi fa

Mi piacciono le citazioni…
“La memoria è il diario che ciascuno di noi porta con sé “ Oscar Wilde
“La memoria del cuore elimina i cattivi ricordi e magnifica quelli buoni e, grazie a questo artificio, siamo in grado di superare il passato”
Gabriel Garcia Marquez
Ho scelto queste due riflessioni, perché in parte mi rappresentano Sono d’accordo con la prima , in quanto il passato è sempre con me, ma, avendo vissuto un periodo molto triste, la mia mente cerca di dimenticarlo, perché mi fa stare più male. Mi rendo conto che è sbagliato, ma ho capito che non lo faccio per me, ma mi dispiace per la persona a cui ho voluto tanto bene. Ecco che subentra la seconda considerazione, cioè “la memoria del cuore elimina i cattivi ricordi”, però non magnifica quelli buoni, in quanto si stanno affievolendo e di questo ho paura Concordo con quello che dici a proposito del film “Rashomon” e, a tal proposito, penso che dipenda dallo stato d’animo di ognuno e un po’ quello che succede quando si vede un film, ognuno può dare un diversa interpretazione ed è quello che succede nella realtà. Sarò ripetitiva, ma ti ringrazio

Mariangela Cicchetti
Mariangela Cicchetti
2 mesi fa

Hai affrontato con quest’ultima pagina, Flavio, un argomento speciale: la memoria. Facoltà stupenda, magica, ma non così scontata, duratura e costante. A volte si tratta di potenzialità che perdiamo per malattia o per autodifesa, quando ricordare procura troppo dolore.
Essa è legata a vari fattori, muta da soggetto a soggetto , secondo le diverse condizioni esistenziali e quindi anche con l’età.
Non solo perché molti anziani subiscono un crollo nella memoria ma proprio per il diverso atteggiamento che le persone riservano ai propri ricordi e all’importanza che a questi attribuiscono, secondo le fascia di età a cui appartengono: normale che un individuo ancora giovane progetti e si rivolga al futuro perché lungo verosimilmente sara il suo cammino nel mondo, mentre chi è più avanti negli anni guarderà a ritroso, attingendo dai ricordi vigore e stimoli per proseguire.
Personalmente, per condizione anagrafica e per formazione culturale, umanistica a oltranza, secondo le mie attitudini naturali oltre che per influenza famigliari, posso vantare un ricco bagaglio di ricordi con minuzia di particolari e spiccata attenzione ai persone che ho avuto modo di
di conoscere o incontrare negli anni. Si tratta di reminiscenze che custodisco gelosamente perché sento che mi appartengono e sono sostanza del mio racconto personale non ancora scrittô ma vivo nella mia mente e nel mio cuore.
Tali ricordi riguardano soprattutto
i periodi più felici,per me, l’infanzia e i miei vent’anni , la prima età vissuta al tepore delle rassicuranti ali dei miei genitori, educatori per vocazione prima che per professione, la seconda con la sorpresa del nuovo del mondo, esterno alla cerchia familiare, periodo di assoluto splendore( anche di ideali) , bellezza e amore.
Il mio indulgere in tali ricordi , a cui mi riferisco specie nei periodi no, per ritrovare nuovo incoraggiamento, nasce probabilmente dalla mia sensibilità di tipo romantico che individua in nostalgia e sogno il filtro migliore con cui guardare al mio passato. Ma ho reminiscenze nitide anche di fatti negativi e dolorosi, così che sospetto di non aver poi tanto rimosso e posso affermare di
fidarmi della mia memoria, ad oggi, almeno
Direi di avere piuttosto rimosso periodi incolori della mia vita, trascinati nell’abitufine, appunto da dimenticare.
Poi esiste la memoria collettiva, quella che diviene coscienza di un popolo, sostanza della sua storia, mai abbastanza valorizzata per trarne insegnamenti utili per il presente e il futuro, in cui si scongiura il ricadere nei progetti di distruzione e morte, tristemente noti e riattualizzati dalle guerre in corso.
Come dici , effettivamente nella nostra epoca iper tecnologica , il rischio di
perdere memoria collettiva e magia di quella individuale esiste, impedendo di realizzare un futuro per uomini liberi e solidali.
Per terminare non posso che lodare, sul finale del tuo scritto , l’affermazione che fai di voler lasciare un segno scrivendo affinché, nel marasma di tante parole, in un mondo che sembra dimenticare l’essenza dell’umanità e sacrificarla l’omologazione tecnologica, ci sia possibile riconoscere qualcosa di noi., conservando il gusto del mistero e della creatività.Ciò che è in linea con il tuo costante impegno nei confronti nostri, tuoi lettori, e con la fede nella tua attività artistica.
Grazie, Flavio. Buona serata. Alla prossima pagina. Mariangela.

Mariangela
Mariangela
2 mesi fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Bello davvero! Grazie. Mariangela.

Delia
Delia
2 mesi fa

Immaginavo. Mi raccomando non bari. 😂😂😂😂 Come mi chiamo?😂😂😂😂

Delia
Delia
2 mesi fa

Immaginavo.😂😂😂😂😂 Come mi chiamo e mi raccomando non bari 😂😂😂😂😂

Simona Caruso
Simona Caruso
2 mesi fa

La memoria vivente che ci restituisce l’appartenenza all’essere nell esserci, è il mistero che si rivela nell’invisibile e nell’ indicibile che c’è o non c’è . Si scopre viaggiando raggiungendo la destinazione ….💙💙

Simona Caruso
Simona Caruso
2 mesi fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Siamo avvolti nel mistero esistenziale 💚

Delia
Delia
2 mesi fa

Ho ascoltato la pagina che arriva regolarmente. Il primo pezzo mi ha lasciato interdetta. Come può un attore non avere memoria? Come non ricordare i nomi delle persone che vengono in relazione con noi. Dove è il rapporto? Poi ho capito che la memoria non è un concetto oggettivo ma, ognuno di noi ricorda ciò che sente più vicino alla propria essenza. Anche se si tratta dello stesso ricordo per più persone, viene elaborato un maniera diversa.

Fabiana
Fabiana
2 mesi fa

Condivido pienamente. Il ricordo è soggettivo a seconda della propria percezione, sensibilità e stato d' animo.ognuno di noi vive lo stesso evento in modo diverso, di conseguenza ha un ricordo diverso dagli altri.

Giovanna Palladino
Giovanna Palladino
2 mesi fa

La memoria per conservare i ricordi legati ai bei momenti trascorsi con le persone a te care soprattutto chi non è più con noi.... la mia grande paura è proprio questa, che questi ricordi negli anni sfumino.....
Cordialmente Giovanna

Isa
Isa
2 mesi fa

Ciao Flavio🎈Tu scrivi"NON MI RICORDO I NOMI DI NESSUNO🎈NON MI FIDO DELLA MIA MEMORIA🎈Mi dispiace🎈PENSA CHE LA MEMORIA FASCIA DI UN ROSACCESO TUTTO QUANTO🎈Strano🎈LA TUA MENTE VIVE IN UNA SFERA TUTTA ROSA🎈Amo il MISTERO🎈Isa

Giuliana Barsanti
Giuliana Barsanti
2 mesi fa

"L’uomo di buona memoria nulla ricorda, perché nulla dimentica" Samuel Beckett. Io sono una maniaca della memoria. Mi scrivo tantissime cose e questo facilita che me le ricordi senza andarle a rileggere. Però ho una memoria selettiva, ricordo quello che mi piace e mi interessa e posso dimenticarmi, ma proprio cancellare ciò che mi è capitato nella giornata stessa. E poi ci sono le cose che vorrei dimenticare e che invece mi restano per sempre in mente (questo lo hai detto anche tu, mi sembra in BMS...ecco questo dovrei verificarlo). I nomi tendo a dimenticarli anch'io adesso. Magica, strana cosa la memoria. Buona giornata Flavio e in bocca al lupo !!

Giuliana Barsanti
Giuliana Barsanti
2 mesi fa
Rispondi a  Giuliana Barsanti

Con BMS intendevo, per chi non la conoscesse, ByMySide una delle tue bellissime Web Series.

Giuliana Barsanti
Giuliana Barsanti
2 mesi fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Era un po' che non cercavo le tue Web: Sogno Farfalle Quantiche, ByMySide e Days (interattiva). Che restano GENIALI! Ho avuto un momento di panico non trovandole subitissimo, ma le ho trovate subito, in Bio. Effettivamente restano un po' in disparte, ma per adesso capisco e condivido la scelta del branding. Magari ci può essere l'occasione di portarle alla ribalta con qualche argomento... 😉

ANNA VINCI
ANNA VINCI
2 mesi fa

La memoria il ricordo

Anna Vinci
Anna Vinci
2 mesi fa

GRAZIE

Silvia
Silvia
2 mesi fa

Tutto quello che mi mandi bello bravo vomr scrittore io non sono capace sere comenti

Linda Russo
Linda Russo
2 mesi fa

Memory is feeling one step removed.

Maria rosa fulco
Maria rosa fulco
2 mesi fa

La memoria ha cinque porte d'entrata i cinque sensi;e solo una d'uscita:L'immaginazione

Maria rosa fulco
Maria rosa fulco
2 mesi fa

La memoria ha cinque porte d'uscita: i cinque sensi;e una sola d'uscita: l'immaginazione
Melcolm de Chazal

Cristina M.
Cristina M.
2 mesi fa

Buon pomeriggio Flavio! anche io vivo sempre con uno sguardo al futuro piuttosto che al passato la memoria comunque risulta essere molto importante, uno scrigno misterioso, come l’hai definito tu, sicuramente, ma non infallibile; e per fortuna! perché consente di rimuovere e di passare oltre quando è necessario che certe situazioni si evolvano e che naturalmente non si incancreniscano e in questo, la fluidità della memoria, ci è di grande aiuto.

Emanuela
Emanuela
2 mesi fa

Ho trovato interessante questa riflessione sulla memoria in questa attualità digitalizzata che induce alla superficialità globale, facendoci dimenticare i ricordi significativi della nostra esistenza ...

Maria rosa fulco
Maria rosa fulco
2 mesi fa

Si può considerare la memoria come delle basi per arrivare alla conoscenza dalla capacità di apprendimento intuizione e logica.La memoria può essere considerata paragonata ad un grande magazzino interiore di cui disponiamo alle volte la memoria riporta il passato e presente e può essere pericoloso perché ci fa rivivere vecchie situazione quando tutto intorno a noi è in continuo cambiamento.TUttavia il suo potere può rendersi molto utile per non cadere negli stessi errori di passata esperienze.Infine pensi che l'allenamento della memoria sia indispensabile nello studio e nella ricerca.

Patrizia forges davanzati
Patrizia forges davanzati
2 mesi fa

La mia memoria solo le fotografie, ricordo tutto di loro, il momento in cui ho fatto click, l emozione provata in quel preciso istante, come per chi scrive sono le parole, per me contano le immagini. Le nostre memorie arricchiscono noi e gli altri.

CINZIA DELLO SPEDALE
CINZIA DELLO SPEDALE
2 mesi fa

Ciao Flavio,
oggi tocchi un punto importante.
A detta degli studiosi, noi ricordiamo ciò che più ci piace, mentre tralasciamo le altre info...
E' risaputo che gli anziani abbiano poca memoria, ma anche io devo dire che spesso ho delle falle... bisogna esercitarla con settimane enigmistiche e quant'altro...
Grazie per quanto scrivi.
A presto.

Olesia Liardo
Olesia Liardo
2 mesi fa

È vero Flavio ,la memoria rappresenta ciò che siamo oggi....ed è esatto affermare che ognuno di noi ha una descrizione anche personale che si differenzia dal ricordo che possibilmente viene narrato da un' altra persona, pertanto ascolto e mi domando: ma dove ero io per non ricordare lo stesso particolare.....ero lì anche io ma non lo ricordo.
Stranissimo...non so ancora che spiegazione darne.
Un abbraccio, grazie mille

Silvia Mazzillo
Silvia Mazzillo
2 mesi fa

Bravissimo Flavio, hai toccato il punto dolente soprattutto per le generazioni di giovani, giovanissimi e piccoli.
Bisogna narrargli il nostro cammino trasversale, a cavallo di un prima del digitale, sul mentre e un poi...dopo chissà 🙃
È una sorta di sopravvivenza della specie, lo è sempre ogni forma di "tramandare".
Possibilmente riuscendo a rendere immaginabile.
E tu sei davvero capace e originale, lo fai con le parole nei tuoi bei libri, e anche recitando , qualunque ruolo tu ricopra.
Arriva!
Grazie, un abbraccio

Ciao 🎈🤹🙋 Silvia

Erikà Sommaruga
Erikà Sommaruga
2 mesi fa

La memoria é robototica!! Altrimenti andrebbe in stand by,poi a livello quantico é sempre in mutamento,
In the Shirt.
Una bella canzone da ascoltare.

Belkis
Belkis
2 mesi fa

Tannte grazie.

Laura La Sala
Laura La Sala
2 mesi fa
Rispondi a  Belkis

Caro Flavio.. Meno male che abbiamo la memoria.. Ho 78 anni e nei miei libri spesso e volentieri ho scritto ciò che la memoria mi suggerisce... E ti assicuro che è come vedere un film a rallentatore vedendo ogni particolare. È anche bello suggerire i valori che ai nostri tempi si sono persi spero non del tutto. Bravo è ciò che faccio anche io da molto tempo. Buon tutto a te. Laura

Diario D'artista

Evviva l'arte!

ascolta

Diario D'artista

Come gestire il burnout

ascolta

Diario D'artista

Come amarsi

ascolta

Diario D'artista

Prosa e Poesia

ascolta

Diario D'artista

Esiste la sincronicità?

ascolta

Diario D'artista

L'Anello Di Saturno - Cap. 4

ascolta

Diario D'artista

L'Anello Di Saturno - Cap. 3

ascolta

Diario D'artista

L'Anello Di Saturno - Cap. 2

ascolta

Diario D'artista

L'Anello Di Saturno - Cap. 1

ascolta

Diario D'artista

#122 Finire, finire, finire!

ascolta

Diario D'artista

#121 La copertina dell'Anello Di Saturno

ascolta

Diario D'artista

#120 Trova il tuo maestro

ascolta

Diario D'artista

#119 La coerenza nell'arte

ascolta

Diario D'artista

#118 Come sviluppare la creatività?

ascolta

Diario D'artista

#117 I limiti della perfezione

ascolta

Diario D'artista

#116 L'uomo divino

ascolta

Diario D'artista

#115 L'intelligenza creativa

ascolta

Diario D'artista

#114 Arte Immortale

ascolta

Diario D'artista

#113 Il cantastorie digitale

ascolta

Diario D'artista

#112 Aiutami a scegliere

ascolta

Diario D'artista

#111 La ricetta di una buona storia

ascolta

Diario D'artista

#110 Il terapeuta dell'anima

ascolta

Diario D'artista

#109 La fine di una storia

ascolta

Diario D'artista

#108 Oltre l'estetica

ascolta

Diario D'artista

#107 Il coraggio della rinuncia

ascolta

Diario D'artista

#106 Il potere della memoria

ascolta

Diario D'artista

#105 Come credere in noi stessi

ascolta

Diario D'artista

#104 La fragilità dell'artista

ascolta

Diario D'artista

#103 La buona scrittura

ascolta

Diario D'artista

#102 Il talento della volontà

ascolta

Diario D'artista

#101 Una sorpresa per te

ascolta

Diario D'artista

#100 Un firmacopie disastroso

ascolta

Diario D'artista

#099 Dall'Idea al Libro

ascolta

Diario D'artista

#098 L'abito fa il monaco

ascolta

Diario D'artista

#097 Lavoro e Passione

ascolta

Diario D'artista

#096 Come essere felici

ascolta

Diario D'artista

#095 Svolte del 2024

ascolta

Diario D'artista

#094 Vivere Il Futuro

ascolta

Diario D'artista

#093 Tempo di cambiamenti

ascolta

Diario D'artista

#092 Magia del Natale

ascolta

Diario D'artista

#091 Cuori contro circuiti

ascolta

Diario D'artista

#090 I misteri dell'Anima

ascolta

Diario D'artista

#089 La Saga prende vita

ascolta

Diario D'artista

#088 Passi avanti da Scrittore

ascolta

Diario D'artista

#087 Trova la tua corda

ascolta

Diario D'artista

#086 Oltre i limiti

ascolta

Diario D'artista

#085 Sublimare le emozioni

ascolta

Diario D'artista

#084 Il mio percorso

ascolta

Diario D'artista

#083 Un futuro radioso

ascolta

Diario D'artista

#082 Una giornata particolare

ascolta

Diario D'artista

#081 L'inverno e le stagioni dell'anima

ascolta

Diario D'artista

#080 La guerra dentro di noi

ascolta

Diario D'artista

#079 Il Costo dei Desideri

ascolta

Diario D'artista

#078 La Perdita di Controllo

ascolta

Diario D'artista

#077 Voglio un luogo comune

ascolta

Diario D'artista

#076 Perdersi per trovarsi

ascolta

Diario D'artista

#075 Il Consenso degli altri

ascolta

Diario D'artista

#074 Il desiderio dei desideri

ascolta

Diario D'artista

#073 La crisi dell'artista

ascolta

Diario D'artista

#072 Un violento desiderio di rivalsa

ascolta

Diario D'artista

#071 Il freddo cuore delle macchine

ascolta

Diario D'artista

#070 Il Mio Lato Nerd

ascolta

Diario D'artista

#069 Il destino esiste?

ascolta

Diario D'artista

#068 Innovare, si o no?

ascolta

Diario D'artista

#067 Ho paura di invecchiare

ascolta

Diario D'artista

#066 Che cos'è il successo?

ascolta

Diario D'artista

#065 Siamo diamanti infranti, in cerca di unione

ascolta

Diario D'artista

#064 Scrivo, recito, vivo

ascolta

Diario D'artista

#063 Scrittura e Recitazione

ascolta

Diario D'artista

#062 Che cos'è l'originalità?

ascolta

Diario D'artista

#061 le Paure di un Attore di 44 Anni

ascolta

Diario D'artista

#060 "L'anello di Saturno" - Un'Avventura d'Amore, Destino e Tempo

ascolta

Diario D'artista

#059 Quanto conta la disciplina nell'arte?

ascolta

Diario D'artista

#058 Come rinunciai alla mia cittadinanza

ascolta

Diario D'artista

#057 La Mia Routine di Rigenerazione

ascolta

Diario D'artista

#056 - Può l'Arte Resistere al Tempo?

ascolta

Diario D'artista

#055 Quanto c'è di me in ciò che faccio?

ascolta

Diario D'artista

#054 Indipendenza Artistica

ascolta

Diario D'artista

#053 La Formula dei "Cinque Movimenti"

ascolta

Diario D'artista

#052 Il mio approccio al self-publishing

ascolta

Diario D'artista

#051 Infinite sfumature di grigio

ascolta

Diario D'artista

#050 Arte, Poesia e Soldi

ascolta

Diario D'artista

#049 Come Evitare il Blocco dello Scrittore

ascolta

Diario D'artista

#048 Il destino di un padre

ascolta

Diario D'artista

#047 Come ho Imparato a Rispettare Gli Altri

ascolta

Diario D'artista

#046 Interpretare "La Principessa sul Pisello"

ascolta

Diario D'artista

#045 L'arte Cura l'Anima

ascolta

Diario D'artista

#044 In viaggio verso il mio nuovo libro

ascolta

Diario D'artista

#043 Come Liberare la Tua Anima Creativa

ascolta

Diario D'artista

#042 Come gestire le critiche costruttive per migliorare la creatività?

ascolta

Diario D'artista

#041 Come la recitazione mi ha aiutato ad affrontare la timidezza

ascolta

Diario D'artista

#040 Chi Ruba i Tuoi Sogni

ascolta

Diario D'artista

#039 Il Segreto di Paperon De Paperoni

ascolta

Diario D'artista

#038 Come Affrontare il Vuoto Post-Creazione?

ascolta

Diario D'artista

#037 La gioia del fallimento

ascolta

Diario D'artista

#036 Segreti e Tecniche di un Attore

ascolta

Diario D'artista

#035 Il potere dell'Attribuzione

ascolta

Diario D'artista

#034 Come trasformare la propria vita in un'opera d'arte

ascolta

Diario D'artista

#033 Forma vs sostanza

ascolta

Diario D'artista

#032 La favola di Gianni

ascolta

Diario D'artista

#031 Chi sono?

ascolta

Diario D'artista

#030 Il Paradiso delle Signore

ascolta

Diario D'artista

#029 Hu-ga e il Paradiso Nascosto

ascolta

Diario D'artista

#028 La Nascita dell'Arte

ascolta

Diario D'artista

#027 Il futuro dell'arte nell'era degli algoritmi

ascolta

Diario D'artista

#026 La sindrome dell'impostore

ascolta

Diario D'artista

#025 Il mio percorso artistico

ascolta

Diario D'artista

#024 L'emozionante fase finale della creazione del mio libro

ascolta

Diario D'artista

#023 La magia della struttura narrativa

ascolta

Diario D'artista

#022 Pensare in due lingue

ascolta

Diario D'artista

#021 Come ho scelto la copertina del mio libro

ascolta

Diario D'artista

#020 Il potere del desiderio e della speranza: verità o illusione?

ascolta

Diario D'artista

#019 Perché ho scelto il self-publishing: i problemi con l'editoria tradizionale.

ascolta

Diario D'artista

#018 La bellezza delle idee: un viaggio oltre la forma

ascolta

Diario D'artista

#017 Il mio Editor: un incontro inaspettato sul set

ascolta

Diario D'artista

#016 L'importanza della scelta dei nomi dei personaggi: significati e simbolismi

ascolta

Diario D'artista

#015 Tra brutto e bello: l'arte dell'editing e il suo impatto sulla scrittura

ascolta

Diario D'artista

#014 Esplorando l'ignoto: l'avventura artistica tra creatività e ricerca

ascolta

Diario D'artista

#013 Amore, appartenenza e divinità

ascolta

Diario D'artista

#012 Come ho rovinato il finale di "I soliti sospetti" ad un amico

ascolta

Diario D'artista

#011 La vita è un palcoscenico

ascolta

Diario D'artista

#010 Uno, nessuno e centomila

ascolta

Diario D'artista

#009 La struttura della fantasia

ascolta

Diario D'artista

#008 La routine dell'artista

ascolta

Diario D'artista

#007 La mia playlist di scrittura

ascolta

Diario D'artista

#006 Come nasce l'ispirazione?

ascolta

Diario D'artista

#005 Come ho scoperto il mio romanzo

ascolta

Diario D'artista

#004 Il processo creativo

ascolta

Diario D'artista

#003 Scritture e Passioni

ascolta

Diario D'artista

#002 La perfezione: un viaggio verso l'anima

ascolta

Diario D'artista

#001 Il mio amore per la scrittura

ascolta
Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
42
0
Clicca per commentarex