Diario D'Artista
19 Febbraio 2024

#106 Il potere della memoria

iscrivitispotify
Traduzione
it
es
pt
en
fr
Diario D'artista
Diario D'artista
#106 Il potere della memoria
Loading
/

La memoria... questa magica e inafferrabile realtà che vive dentro di noi, è stata fonte di ispirazione per centinaia, migliaia di autori. Proust, con la sua Madeleine, ne fece il tassello fondamentale dell'anima. Noi siamo la nostra memoria. E senza memoria, cosa saremmo?

Personalmente, ho sempre vissuto con un occhio verso il domani, piuttosto che al passato. Ho un approccio piuttosto diffidente nei confronti della mia memoria, forse perché non mi fido del tutto di essa. Ho spesso la sensazione che sia fallace. Per esempio, sono pessimo con i nomi. Non mi ricordo i nomi di nessuno, e questo mi porta a diventare molto chiuso, poiché, in un certo senso, il dubbio di non sapere con esattezza il nome della persona con la quale sto parlando mi mette in una situazione in cui preferisco non interagire. Ed ecco fatto l'introverso. Scrivendo, mi rendo conto che forse la mia introversione è proprio una questione di memoria. Forse, se mi ricordassi meglio i nomi, non sarei così timido.

Nei miei scritti, sia nelle poesie che nella prosa da romanzo, mi ritrovo spesso ad avere a che fare con il ricordo. Un ricordo che muta a seconda di chi lo ricorda. Mi viene in mente il film "Rashomon" di Akira Kurosawa, che affronta, appunto, la stessa scena ricordata da tre persone diverse. Ogni racconto differisce significativamente dagli altri, presentando versioni contrastanti degli stessi eventi, che gettano luce sulle complesse nature umane dei personaggi e sulla difficoltà di stabilire una "verità" oggettiva.

Il ricordo ha questo potere: riscrive la realtà vissuta, collocandola là dove ci viene meglio ricordarla. Il ricordo che abbiamo nella mente non è una fotografia esatta del momento vissuto, quanto piuttosto una fotografia di come stavamo noi in quel momento, della nostra - limitata - prospettiva. È una fotografia che più viene richiamata alla memoria, più muta, proprio per via della sua caratteristica fuggente e mutevole, quasi liquida. E così, quello che era una semplice giornata in spiaggia con gli amici prende nel tempo connotazioni favolesche, magiche, dalle atmosfere romantiche. Baci rubati.

Insomma, la memoria è una parte fondamentale di quello che ci rende umani. La società stessa non potrebbe esistere senza memoria. La cultura, l'arte, le scienze sono tasselli che vengono man mano registrati nella memoria collettiva e che creano, negli anni, strutture conoscitive gigantesche, che ci permettono di immaginare il nostro futuro, di diventare demiurgi della materia, di controllare la nostra vita. La memoria è conoscenza, esperienza, strumento di sopravvivenza.

Non posso esimermi dal pensare, però, che la memoria stia diventando, nel nostro mondo iper-digitalizzato, qualcosa di statico, di immobile. Le informazioni che registriamo sono così tante che non vi sembra più esserci spazio per l'attribuzione, per l'errore, per il margine di magia. I ragazzi nati ora avranno tutta la loro vita registrata, bit per bit, su internet. Foto, frasi, video, pensieri. Tutto sarà lì, a disposizione del prossimo. E così, il margine di mistero si fa sempre più sottile, sempre più inesistente, e questo mi dispiace, perché la magia del mito, sta proprio in quello spazio di ignoto.

Per questo scrivo i miei libri: per lasciare un segno marginale, indefinito, un luogo di mistero che dia al lettore la possibilità di rileggermi e di scoprire, in questo marasma di parole, qualcosa di sé stesso.

Alla prossima pagina

Rimaniamo in contatto. Ricevi ogni settimana il mio podcast nella tua casella di posta elettronica. É gratis 🎁
iscriviti
condividi questa pagina con chi potrebbe apprezzarla
Commenti dopo il banner
Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Scopriranno una leggenda: chi troverà l'Anello di Saturno avrà il potere di cambiare il proprio destino.
Tocca e leggi la sinossi

L'Anello Di Saturno

Una saga romance fantasy, d'Amore e Destino.
ADS_Banner_Scopri_di_piu
Leggi gratis
5 1 vota
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
42 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Monica
Monica
3 mesi fa

Quanto mi ritrovo nelle tue parole e descrizione di memoria che ne fai. Bellissimo e chiaro tema importante x ciascuno di noi e x la società in generale. Ma la vita è adesso,per proseguire poi in futuro dove io stessa son più orientata a pensare e vedermi. Grazie davvero!

Paola Orlando
Paola Orlando
3 mesi fa

Bellissima questa pagina con i tuoi pensieri sulla memoria😍😍😍e sono convinta che il tuo segno sarà per sempre indelebile oltre il tempo... Bravo ❣️👏👏✨💙

Maria Teresa Parodi
Maria Teresa Parodi
3 mesi fa

Ho molta fiducia nella mia memoria, ne ho parecchia e difficilmente dimentico qualcosa anche nelle piccole cose odierne. E tanti ricordi del mio passato, della mia bella infanzia felice, dei giorni tristi e negativi ma anche gioiosi e anche perché avendo una certa età sono più ancorata al passato. Riconosco persone che ho visto o con le quali ho avuto a che fare tantissimi anni fa e questa mia fisionomia penso sia dovuta alla memoria. Pensa Flavio che un giorno ho preso un quaderno e ho scritto i miei ricordi (ovviamente quelli più salienti) della mia vita dalla nascita (giorni raccontati da mia mamma) a bambina ad oggi nonna felice. Convengo con te sul pensiero dell'era tecnologica nella quale ormai viviamo. Un affettuosa saluto. Ciao

Nuccia
Nuccia
3 mesi fa

Oggi la memoria viene documentata con i tanti mezzi a disposizione. Beati loro!!!Io invece essendo diversamente giovane posso fare affidamento su qualche foto( magari sbiadita ).Ma non ho nessun video che mi possa riportare indietro nel tempo.

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
42
0
Clicca per commentarex