16 Marzo 2023

La vita è un palcoscenico

Come i personaggi del mio libro rappresentano la complessità delle relazioni umane e la loro influenza sulla nostra vita reale.

"Tutto il mondo è un palcoscenico, donne e uomini sono solo attori che entrano ed escono dalla scena."

Come Shakespeare ha saggiamente osservato, la vita è un palcoscenico e noi tutti siamo gli attori. Ognuno di noi ha i suoi personaggi interiori, piccoli o grandi, ognuno con i propri conflitti, obiettivi e amori. Anche se può sembrare che siamo solo una comparsa nella vita degli altri, in realtà, possiamo essere l'antagonista, l'amante o qualsiasi altro personaggio che si possa immaginare.

Ricordo i miei anni al collegio e in particolare le persone con cui ho condiviso quel periodo della mia vita, come Francois. Con lui condividevo la passione per la musica e passavamo ore a scrivere gli spartiti di "Friday night live in San Francisco" ad orecchio. Se volete ascoltarlo è un capolavoro:


Grazie a Francois, ho fatto la mia prima esibizione sul palcoscenico. Studiavo la chitarra con lui e mi ha convinto a esibirmi al festival di fine anno del nostro collegio. Ho deciso di cantare "Tears in Heaven" di Eric Clapton. Questo titolo, per intenderci:

Allora, quando sono entrato in scena, il microfono è caduto e sono stato deriso da tutti i miei amici in platea. Nonostante la situazione imbarazzante, ho deciso di continuare a cantare, spingendo la canzone con tutta la mia forza, anche se poi mi sono messo a piangere quando è finita, dallo stress.

Quella notte è stato il mio battesimo sul palcoscenico, non dei migliori diciamo.

Nella scrittura affronto i personaggi allo stesso modo. Og nuno di loro è protagonista della propria storia, ma anche utile alla storia degli altri, come Kato e Overton, i protagonisti del mio libro. Ci sono anche altri personaggi come Luna, Argo, Maya e Govin, che costellano la trama e le cui relazioni sono complesse e si sviluppano nel corso della storia. Kato è il personaggio principale che cerca di trovare Overton e portarlo a Baltica, Luna è la donna che Kato ama e per la quale vuole diventare perfetto, Argo è un discepolo fallito ma anche un vecchio amico di Kato, mentre Maya e Govin diventeranno amici di Overton a Baltica. Insieme, i tre affronteranno un'avventura a dir poco indimenticabile.

Come vedete le relazioni tra i personaggi del mio libro sono complesse e influenzano la trama in molti modi. Le loro azioni e scelte hanno un impatto sulla vita degli altri e il loro sviluppo personale è strettamente legato alle relazioni che costruiscono.

Come nella vita reale, ogni personaggio è un protagonista della propria storia, ma anche parte della storia degli altri. Le relazioni che si sviluppano tra i personaggi influenzano il loro percorso e determinano il loro destino. Ogni personaggio ha i propri obiettivi, i propri desideri e le proprie motivazioni, che possono essere in conflitto con quelli degli altri. Questo crea una tensione nella trama e rende la storia più interessante.

In conclusione, la vita è un palcoscenico e noi siamo tutti gli attori.

Ricevi i prossimi articoli via mail 📩

Leggi. Viaggia.

Scopri un'avventura fantastica ed esistenziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 commenti su “La vita è un palcoscenico”

  1. Grazie
    La vita è un grande spettacolo....
    Io desidererei recitare il ruolo che vivo da anni....
    Purtroppo è talmente reale talmente vero questo ruolo che consuma fino in fondo all'anima...
    La vita è un grande spettacolo...

    Grazie anima bella 🙏🌹

  2. Ho due anni più di te, quindi, quando ero piccina, il mio primo televisore era in bianco e nero, senza telecomando. Io avevo il solenne compito di cambiare canale, compito che prendevo seriamente anche solo perché, così, avevo il permesso di guardare i film western. Mi piacevano tantissimo le storie d’amore e sognavo in modo romantico John Wayne… Quella sera si stava guardando il mio attore preferito poi, durante l’intervallo, papà mi chiese di cambiare canale. Era anche in un altro film! Come poteva essere? Erroneamente pensavo che il film fosse una sorta di teatro “di verità” in diretta—- comunque ci rimasi più male perché lì era fidanzato con una donna e di là era sposato con un’altra.
    È incredibile come Shakespeare sia riuscito a scrivere (in pochi anni) della vita che esce dal tempo, risultando sempre attuale.
    Siamo tutti attori e contemporaneamente siamo in più film proprio come il signor Wayne. Protagonisti, buoni, cattivi, antagonisti, comparse, morti, vivi. E ci impegnano a fondo, spesso fin troppo seriamente, come se la vita a nostra disposizione fosse infinita. Una volta, almeno, se finivi in un’opera d’arte potevi vivere in eterno, ora credo che anche l’arte abbia anch’essa la data di scadenza.
    [Comunque poi vidi Trinità è così mi fidanzai con Terence Hill che mi pareva meno farfallone… però non è che se vedi il signor Hill per lavoro gli dici “una mia lettrice è stata la tua fidanzata eh”… non mi far fare figure!]

22 Febbraio 2024
Il coraggio della rinuncia

In tutti noi vive Icaro: dilemmi tra razionalità, desiderio e scelte che ci definiscono attraverso rinunce coraggiose.

19 Febbraio 2024
Il potere della memoria

La memoria, uno scrigno segreto che incanta e sfugge, plasmando identità e arte, meravigliosamente misterioso

15 Febbraio 2024
Come credere in noi stessi

Come credere in noi stessi? Circondandosi di chi crede in noi, apprendendo dai maestri, curando corpo e mente e selezionando con cura ciò che nutre l'immaginario. Sono alcune delle chiavi essenziali.

12 Febbraio 2024
La fragilità dell'artista

In questo universo di dubbi, oggi mi sento fragile, temo la conclusione della mia saga e cerco un equilibrio tra volontà e destino, chiedendomi se lotto contro mulini a vento.

8 Febbraio 2024
La buona scrittura

Riflettendo sulla revisione della mia saga, capisco che separare scrittura da editing e uccidere i propri pezzi "preferiti" sono passi cruciali per migliorare.

5 Febbraio 2024
Il talento della volontà

Dubitare del proprio talento è normale, ma scoprire che la volontà aiuta a superare le incertezze mi conforta.

1 Febbraio 2024
Una sorpresa per te

Discuto dei limiti della densità della mia prosa, del mio amore per la poesia sintetica, di come voglio riuscire ad unire i due aspetti. E poi... una piccola sorpresa 🎁

29 Gennaio 2024
Un firmacopie disastroso

In questo racconto divertente, condivido la mia esperienza deludente durante un firmacopie senza adeguata accoglienza, riflettendo sull'importanza del rispetto.

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php