Diario D'Artista
3 Luglio 2023

#042 Come gestire le critiche costruttive per migliorare la creatività?

iscrivitispotify
Traduzione
it
es
pt
en
fr
Diario D'artista
Diario D'artista
#042 Come gestire le critiche costruttive per migliorare la creatività?
Loading
/

Come Gestire le Critiche in Maniera Costruttiva?

Questo è un argomento delicato, specialmente per i romantici, quindi se siete tra coloro che tendono a prendere tutto sul personale, allacciate le cinture perché si prospetta un viaggio sulle montagne russe.

La critica. Quella maledetta critica. Come diceva Alberto Sordi, "i critici che devono fà? devono criticà". Quindi, prima di tutto, se la critica proviene da una fonte affermata, da un vero critico, che capisce il processo creativo, egli merita tutta la nostra attenzione. Siamo qui per migliorare, questo è il primo punto da ricordare. Nessuno di noi è perfetto. E mai lo sarà, come vi direbbe Argo, uno dei protagonisti della Divina Avventura.

Pertanto, quando affronto un commento, una critica, cerco di avere l'approccio più costruttivo possibile. Leggo, analizzo, cerco i miei errori. È faticoso! È incredibilmente doloroso! Essere consapevoli delle proprie debolezze, delle proprie imperfezioni è per me fonte di grande frustrazione. C'è qualcosa dentro di me che anela solo all'applauso, lo desidera intensamente. Quando recitavo accanto a Mariangela Melato in Madre Coraggio e i suoi figli, mi colpiva sempre il suo desiderio finale di applausi. Aveva bisogno di quell'approvazione, era il motivo del suo essere lì. Ecco, penso che molti artisti siano attratti dal conforto dell'applauso. Ma dobbiamo cercare anche la critica, perché è lì, come direbbe Overton, che si trova la crescita. L'ignoto.

Tuttavia, c'è un ma.

In questo nuovo mondo, in questo forum collettivo dove ognuno è sia produttore che consumatore di informazioni, cioè internet, tutti hanno lo stesso valore. Siamo tutti uguali di fronte al temibile algoritmo! Ogni opinione è valida, ogni giudizio è valido e non può essere messo in discussione. Ma è giusto? Valiamo davvero tutti allo stesso modo? Direi di sì, se tutti fossimo sinceri e non ci si mettesse di mezzo l'aspetto più Macchiavellico dell'essere umano. Quel "mors tua vita mea" che sembra alimentare alcune persone.

In quel caso, l'opinione del recensore non nasce dal desiderio di esprimere un punto di vista, ma da quello di manipolare il lettore. Dicendo non ciò che pensa, ma ciò che vorrebbe che gli altri pensassero. Una forma di manipolazione in cui usa quel poco di autonomia che gli è rimasta per ferire l'autore e sentirsi, per qualche istante, importante, prima di essere nuovamente dimenticato e precipitare nel baratro della frustrazione. Ho ricevuto una recensione simile poco fa, al lancio del libro. Penso che sia un rito necessario e inevitabile.

Inoltre, e questo vale per gli scrittori su Amazon, avere critiche negative è molto utile, perchè danno credibilità a quelle buone. Quindi, ben vengano le critiche negative!

Come dice Jeff Bezos: "nella creazione di Amazon, non ho mai pensato alla concorrenza, ma solo al cliente." Parafrasando questa affermazione capitalista, nella mia carriera poliedrica, non ho mai pensato alla concorrenza, ma sempre allo spettatore. A voi. Quello è l'unico legame che mi interessa.

Le recensioni del libro stanno arrivando e sono eccezionali. Io non posso che ringraziare ciascuna/o di voi che mi ha lasciato meravigliose parole. E approfitto di questo spazio per fare un cenno a chiunque non l'abbia ancora lasciata di farlo. Perchè sarà d'aiuto al libro per farsi conoscere:

Detto questo, concluderò con un consiglio che mi diede uno sceneggiatore Hollywoodiano che incontrai a Los Angeles, durante una festa a Venice Beach. "Il metodo dell'hamburger". Quando vuoi fare una critica, usa il metodo dell'hamburger. Tre strati. Un complimento/Una critica/Un complimento. In questo modo, chi ti ascolta sarà più incline ad accettare la critica.

Alla prossima pagina.

Rimaniamo in contatto. Ricevi ogni settimana il mio podcast nella tua casella di posta elettronica. É gratis 🎁
iscriviti
condividi questa pagina con chi potrebbe apprezzarla
Commenti dopo il banner
Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Scopriranno una leggenda: chi troverà l'Anello di Saturno avrà il potere di cambiare il proprio destino.
Tocca e leggi la sinossi

L'Anello Di Saturno

Una saga romance fantasy, d'Amore e Destino.
scopri di piùLeggi primo capitolo
0 0 voti
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
43 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Cristina Bocchi
Cristina Bocchi
1 anno fa

Ciao Flavio! Presto leggerò anche io la tua creatura🥰 In questo periodo sono un po' indietro con i tuoi post. Presto, li recupero tutti!
Meraviglioso argomento questo💜Ciao Flavio! Presto leggerò anche io la tua creatura🥰 In questo periodo sono un po' indietro con i tuoi post. Presto, li recupero tutti!
Meraviglioso argomento questo💜

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa
Rispondi a  Cristina Bocchi

Cristina Bocchi ciao Cristina, quando vuoi il libro ti aspetta 🙂

Samantha Laducara
Samantha Laducara
1 anno fa

"There is only one thing in the world worse than being talked about, and that is not being talked about».
Dal "Ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde.
Io la vedo così, ben venga la critica, non mi spaventa, sia in bene, sia in male, serve comunque a migliorare.😉 Il confronto, onesto ovviamente, è sempre ben accetto, di altri tipi lo stesso menziona comunque l' opera in questione!😊

Samantha Laducara
Samantha Laducara
1 anno fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Nel momento in cui ci si rimane male, impossibile avere un cuore di pietra, pensarla così.😉😂

Giuliana Barsanti
Giuliana Barsanti
1 anno fa

Le critiche, spesso, sono Fate Morgane che abbagliano e distraggono, solo per deviarti il percorso verso il nulla. A te complimenti anche per l'accento romano nella citazione di Sordi 👍

Sara
Sara
1 anno fa

Si, se le critiche sono costruttive sono ben accette ma se mirano a distruggerti sinceramente le trovo inutili..
E dopo il metodo della pizza arriva anche quello dell'hamburger..☺️😄
Alla prossima.

ANGELA GENTILINI
ANGELA GENTILINI
1 anno fa

Ciao Flavio,
hai pienamente ragione trovo anche io che a volte le critiche ci servano a capire alcuni errori e sfumature che potremo cambiare di noi, ma anche nei nostri modi di fare e comportamenti. Non sopporto pero' le cattiverie e le prevaricazioni che in questo mondo purtroppo esistono. E; sinceramente mi chiedo se questo ne valga la pena, soprattutto in campo amichevole. In questa societa' trovo che ci siano troppe competizione e cattiveria.

Gisi Gisi
Gisi Gisi
1 anno fa

Il tuo ottimismo è travolgente ❤️

Gisi Gisi
Gisi Gisi
1 anno fa

Sei sempre grande e meraviglioso

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
43
0
Clicca per commentarex