Diario D'Artista
29 Giugno 2023

#041 Come la recitazione mi ha aiutato ad affrontare la timidezza

iscrivitispotify
Traduzione
it
es
pt
en
fr
Diario D'artista
Diario D'artista
#041 Come la recitazione mi ha aiutato ad affrontare la timidezza
Loading
/

Quando ero un ragazzino, un giorno mio padre mi disse qualcosa che sconvolse la prospettiva sul mondo. Mentre mi parlava, stavo a braccia incrociate con un'espressione accigliata sul volto. Dovevo avere circa 13, 14 anni. Mi chiese se lo stavo ascoltando. Risposi di sì, ma lui replicò: "Se una persona ha le braccia incrociate, significa che non è aperta al dialogo, quindi non mi stai ascoltando davvero."

Dopo questa rivelazione, il mondo intorno a me cambiò. Cominciai a osservare i comportamenti degli altri: il modo in cui si comportavano, le braccia incrociate, le gambe incrociate, lo sguardo distante piuttosto che intensamente impegnato nell'interazione con me. Fu come se avessi scoperto una nuova dimensione della comunicazione, ed in effetti era così.

Questo percorso continuò, anni dopo, nei miei studi di recitazione. Dopotutto, quale altro mestiere costringe a una profonda comprensione dei comportamenti umani, con l'obiettivo di riprodurli o addirittura di assimilarli? Grotowski, in un celebre aneddoto, pose questa domanda: "Immaginate di essere in una foresta e di trovarvi davanti a un gigantesco grizzly. Cominciate a correre, quasi istintivamente. La mia domanda è: avete paura e quindi correte, oppure correte, e correndo diventate paurosi?"

Questa domanda racchiude uno dei grandi paradossi della recitazione: si giunge a un'emozione dall'esterno (la corsa) o dall'interno (la paura)? Da questa premessa nascono vari metodi di recitazione che cercano di favorire un approccio piuttosto che l'altro. La recitazione moderna, da Stanislavski all'Actor's Studio, propende per una ricerca interiore, per stabilire nel proprio io un'analogia personale con ciò che il personaggio prova, al fine di essere autentici. Ma è veramente così? Un altro famoso aneddoto coinvolge Laurence Olivier e Dustin Hoffman sul set de Il Maratoneta. Quest'ultimo amava correre per chilometri per entrare nel ruolo e un giorno Olivier gli disse: "Perché fai tutto questo? Devi solo recitare."

Io mi allineo più alla scuola di pensiero di Olivier, credo nella recitazione come un atto sincero e immediato, privo di psicologismi, che permette al personaggio di emergere, non nascosto dietro le rughe dell'attore, ma tra le righe del poeta.

Quindi, grazie alla consapevolezza acquisita attraverso la recitazione, a 20 anni decisi di non incrociare mai più le braccia. Ho trascorso i successivi 20 a impormi di essere aperto, costringendomi in un certo senso a essere ricettivo verso ciò che mi circondava. Questo è stato molto utile per me, dato che il mio essere timido e introverso aveva bisogno di questo cambio per trovare vitalità e crescita.

Poi, un mio maestro mi lasciò in una lettera d'addio, queste parole: "Ricorda: è proprio quando dici 'è troppo' che il lavoro inizia..." Niente di più vero. Così vero che, a un certo punto, intorno ai quarant'anni, mi resi conto che era arrivato il momento di incrociare nuovamente le braccia. Ero così abituato a non farlo, che la mia "crisi" sarebbe stata proprio questa: ritornare dentro di me. Riscoprire quella introversione che mi aveva plasmato così profondamente. Il mio primo cuore.

E quindi eccomi qui, a scrivere libri e pagine del Diario d'Artista.

Alla prossima pagina.

Rimaniamo in contatto. Ricevi ogni settimana il mio podcast nella tua casella di posta elettronica. É gratis 🎁
iscriviti
condividi questa pagina con chi potrebbe apprezzarla
Commenti dopo il banner
Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Scopriranno una leggenda: chi troverà l'Anello di Saturno avrà il potere di cambiare il proprio destino.
Tocca e leggi la sinossi

L'Anello Di Saturno

Una saga romance fantasy, d'Amore e Destino.
scopri di piùLeggi primo capitolo
0 0 voti
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
47 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Stefania D'apollo
Stefania D'apollo
11 mesi fa

Tu sei molto bravo a recitare, vi seguo sempre il paradiso delle signore, sono molto contenta per sottotitolati ❤️❤️

Flavio Parenti
Flavio Parenti
11 mesi fa
Rispondi a  Stefania D'apollo

Stefania D'apollo 🙏

Stefania D'apollo
Stefania D'apollo
11 mesi fa
Rispondi a  Stefania D'apollo

Flavio Parenti prego tu sei un bellissimo ragazzo ❤️

Lorenza Rossini
Lorenza Rossini
1 anno fa

,Un episodio della tua vita ,che mi ci rispecchio ,sei un attore bravissimo

Paola orlando
Paola orlando
1 anno fa

Ho ascoltato il terzo audio.... Bellissimo... Stupendo... Li' c'è tutta la tua essenza come attore e poi come scrittore attraverso la recitazione e i tuoi studi.... 😍😍😍😍👏👏👏👏La tua passione è il tuo impegno al massimo sempre. Complimenti💙❣️

Laura Maria Vassallo
Laura Maria Vassallo
1 anno fa

Molto tenero questo episodio della tua vita di adolescente...Ci si rispecchia!

Maria Rosa Fulco
Maria Rosa Fulco
1 anno fa

Oggi ho costato che mi hai cancellato da witter, se vuoi cancellami anche fb, chissà perché il SIgnore non mi ascolta, prego,prego alla fine ti ho sempre in testa, chissà quando finirà questo supplizio, spero presto.

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa
Rispondi a  Maria Rosa Fulco

Maria Rosa Fulco non ti ho cancellato, va tutto bene, tranquilla 🙂

Maria Rosa Fulco
Maria Rosa Fulco
1 anno fa
Rispondi a  Maria Rosa Fulco

Ogni tanto la tua amica appare, bello, stupendo e non parla mai del libro

Maria Rosa Fulco
Maria Rosa Fulco
1 anno fa
Rispondi a  Maria Rosa Fulco

Ti ho mandato una poesia di Jalaluddin su witter, la volevo cancellare non so come fare. Basta con queste idiozie che faccio

Mirella Baronetti
Mirella Baronetti
1 anno fa

questa pagina che ho letto del tuo racconto sia di da ragazzo che hai vissuto cioè è stato morto ma molto bello e penso che ha tanti ragazzi che sta studiando recitazione forse se vanno a leggerlo avrà molto ma molto da imparare da te tu sei già arrivato a un livello massimo perché sei bravissimo in tutto e per tutto e cioè è bello molto significativo e ti tocca il cuore ti tocca dentro le parole non so che dirti mi piace un abbraccio non so se hai letto quello che ti ho scritto ieri comunque penso di sì ok ciao

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa
Rispondi a  Mirella Baronetti

Mirella Baronetti leggo tutto

Cinzia
Cinzia
1 anno fa

Ottimo!

Barbara Sansone
Barbara Sansone
1 anno fa

Meraviglioso

Maria
Maria
1 anno fa

Quanto ci fai riflettere sui nostri atteggiamenti!!! In te ci rivediamo un po’ tutti!!!!Ad alcuni atteggiamenti non avevo dato un significato!Arrivi tu e mi apri gli occhi! Continuerò a leggerti,ho tanto da imparare!!!!!

Olesia Liardo
Olesia Liardo
1 anno fa

Riflessioni bellissime e profonde ....ma sai che quella delle braccia incrociate è una cosa che mi ripeteva spesso anche mia mamma?tanto che ormai quando mi capita tutt'ora in presenza di altri tendo a cambiare la mia posizione......per paura di essere letta dagli altri....poi mi domando se è corretto continuare ad incrociarle davanti agli altri!....non trovo risposta ad oggi....ma è ormai una deformazione con porto con me sin da ragazzina ....forse un modo per tenere anche stretta a me ricordi legati a lei.
Grazie Flavio,a presto.
Un abbraccio

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
47
0
Clicca per commentarex