Diario D'Artista
17 Aprile 2023

#020 Il potere del desiderio e della speranza: verità o illusione?

iscrivitispotify
Traduzione
it
es
pt
en
fr

Il potere del desiderio e della speranza. Innumerevoli autori hanno scritto sulla forza della volontà e sulla capacità di "visualizzare" ciò che si vuole diventare per realizzarlo. Questo concetto, affine alla filosofia buddista, ha origini molto lontane. Uno dei primi libri a trattare tale argomento è il celebre "Think and Grow Rich" di Napoleon Hill, scritto nel 1937 su commissione di un filantropo curioso di scoprire il denominatore comune dei grandi magnati dell'epoca. La conclusione dell'autore è che chi ha successo vive come se lo avesse già ottenuto, come se la profonda convinzione fosse la chiave per trasformare il desiderio in realtà.

Da qui nasce il primo libro di auto-miglioramento della storia, che divenne un successo editoriale e generò numerosi seguaci di questa filosofia. Negli anni '80, il famoso "The Secret" con il suo mantra "visualizza ciò che desideri per ottenerlo", e oggi la "fisica" quantistica (tra virgolette perché di fisica ce n'è ben poco), secondo la quale la nostra volontà influisce sulla realtà.

Ma è veramente così? Sono davvero i nostri sogni il motore della nostra felicità? Personalmente, sono scettico riguardo a quest'approccio semplificato e viziato, dove tutto ciò che desideriamo può essere ottenuto. Nella Divina Avventura, questo tema viene esplorato nei suoi meandri più oscuri, proprio perché volevo comprendere e scoprire fin dove potesse condurre il desiderio ostinato.

Il grande regista Mario Monicelli sosteneva che "La speranza è una trappola". In parte, sono d'accordo con lui: la speranza può bloccare il pensiero e renderlo immobile. Il desiderio di ottenere qualcosa può intrappolarci in quello che fu chiamato, nelle scienze cognitive, "effetto gelo", ovvero la difficoltà o l'impossibilità di rimettere in discussione una scelta fatta. Questo fenomeno fu teorizzato per la prima volta in un trattato di psicologia sociale scritto da Robert-Vincent Joule, "Piccolo Trattato di Manipolazione ad Uso degli Onesti", che consiglio vivamente.

In pratica, c'è il rischio che, desiderando troppo qualcosa, perdiamo di vista le opportunità e gli imprevisti che potrebbero allontanarci dal nostro obiettivo, ma avvicinarci forse alla felicità. L'idea che bisogna seguire i propri desideri per essere felici è fuorviante, perché non è detto che una persona sappia davvero cosa la renda felice, a meno che non abbia passato la vita intera a scoprire tutto ciò che il mondo offre. Difatti, come possiamo sapere che cucinare tailandese ci piace, se non abbiamo mai cucinato o mangiato cibo tailandese?

Racconterò un aneddoto interessante riguardante la mitologia greca, il mito di Pandora. Pandora fu la moglie di Epimeteo, fratello di Prometeo (colui che rubò il fuoco agli dèi per donarlo agli uomini, da lui stesso creati). Zeus, per vendicarsi, non solo condannò Prometeo a essere incatenato a una rupe, dove un'aquila gli divorava il fegato ogni giorno per poi rigenerarsi (una personcina a modo, questo Zeus), ma si vendicò anche del fratello, creando Pandora, una donna bellissima ma curiosa, e dandola in sposa a Epimeteo, che incredulo per l'opportunità datagli, la sposò con gioia.

Come dono di nozze, Zeus diede loro un vaso con la ferma regola di non aprirlo mai. Ma non appena Epimeteo lasciò la casa, Pandora, curiosa, aprì il vaso. Improvvisamente, tutti i mali del mondo uscirono dal vaso: malattie, guerra, sofferenza e altre disgrazie. Tuttavia, un elemento positivo rimase nel vaso dopo la fuga di tutti gli altri mali: la speranza. Questo simboleggia l'idea che, nonostante tutte le difficoltà e sofferenze che l'umanità affronta, la speranza persiste e ci dà la forza di continuare e superare le avversità.

Ma se il vaso conteneva davvero tutti i mali del mondo, e la speranza fu l'ultimo elemento rimasto al suo interno, non è che la speranza fosse il male peggiore di tutti? Perché, come diceva Monicelli, la speranza ci intrappola nell'accettazione.

Voi cosa ne pensate? Cos'è la speranza per voi? Quanto contano i desideri?

Alla prossima pagina.

Rimaniamo in contatto. Ricevi ogni settimana il mio podcast nella tua casella di posta elettronica. É gratis 🎁
iscriviti
condividi questa pagina con chi potrebbe apprezzarla
Commenti dopo il banner
Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Scopriranno una leggenda: chi troverà l'Anello di Saturno avrà il potere di cambiare il proprio destino.
Tocca e leggi la sinossi

L'Anello Di Saturno

Una saga romance fantasy, d'Amore e Destino.
ADS_Banner_Scopri_di_piu
Leggi gratis
0 0 voti
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
33 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Sofia
Sofia
1 anno fa

Io vivo ogni istante e non sono speranzosa....non vi è speranza in me alcuna....nel mentre che vivo tutto si rivela sia nel bene che nel male....posso desiderare e si certo forse sperare un bene globale ed amorevole nel cuore di ogni essere vivente....ma non ho speranze singole rivolte a me medesima ....ora è....ora sono....solo in questo momento....sperare è qualcosa che va avanti un non vissuto un non esistere ancora, quindi potrebbe deviare e non farmi assaporare il qui e adesso....

Grazie di cuore Anima bella!

🌹🙏

Maria
Maria
1 anno fa

Mi piace ascoltarti mentre mi rilassa mentre mi urta. La speranza è quella cosa o chi che desideri ardentemente ma fai in tempo a morire che non si realizzerà mai😭

Micol
Micol
1 anno fa

Nel mio percorso esistenziale ho conosciuto persone che sono riuscite a realizzare i propri desideri senza il minimo sforzo e poi ci sono io che pratico meditazione, visualizzazione, i 101 desideri, sopra la panca, sotto la panca e continuo a collezionare sogni con spasmi dallo sforzo che metto per realizzarli e niente,so che domani inizierò da capo. Forse tutto questo ha un nome. Si chiama: speranza

Sara
Sara
1 anno fa

Dicono che la speranza sia l'ultima a morire e io non ci ho mai creduto.
Sono d'accordo con te sul dire che se c'è la speranza va bene ma è vero che questa ci trascina nell'accettazione.
Ok, voglio una cosa più di qualsiasi altra, non riesco ad ottenerla ma tanto c'è la speranza... Ed ecco, qui ci sediamo definitivamente...

Lucia Guarisco
Lucia Guarisco
1 anno fa

Io penso che bisogna stare attenti a ciò che desideriamo perché non sappiamo se l’esaudimento di quel desiderio può arrecarci infelicità.I soli desideri che conducono alla felicità sono quelli di natura spirituale e non ingannevole. Non tutti possiedono una forte volontà che sia in grado di materializzare un desiderio coltivato per anni. Bisogna creare una forte energia attraverso il potere della concentrazione, che possa sviluppare una volontà creativa e dinamica. La speranza senza la conseguente azione per realizzare ciò che si spera è di poca utilità, anzi potrebbe essere deleteria se ci rende immobili nell’attesa che qualcosa accada.Sono pienamente d’accordo con te caro Flavio

Cristina
Cristina
1 anno fa

La speranza è come il refrigerio di un colpo di ventaglio; dopo di esso l'afa torna prorompente.

Cristina
Cristina
1 anno fa
Rispondi a  Flavio Parenti

La frustrazione regna sovrana! Ciao Flavio

Samantha
Samantha
1 anno fa

Flavio no, non so vedere la speranza come l'ultimo dei mali, o come qualcosa di negativo, io la vedo invece come elemento in divenire, elemento che ci spinge in avanti, ho una visione colorata di essa🌈.
Personalmente non mi fermo mai e tendo costantemente a restare con i piedi per terra e non credo neppure che se sperassimo in qualcosa con intensità ciò avverrà (di fisica come tu dici c'è ne è poca), ma sicuramente sono convinta che lo sperare ci fa costantemente porre obiettivi da raggiungere, ci fa vivere e la vita è dinamismo! 😊
La speranza è un motore, un motore che ci tiene vitali, guai a spegnerlo si finirà nell' immobilismo della fine.
Come più volte ho scritto sono un'ottimista e pure romantica, mi piace vedere sempre a colori, per farlo bisogna procedere sempre in avanti, la speranza permette questo. "Spero"😉 comprenderai il mio dissenso, un dissenso colorato! Un simpatico salutone!

Laura Aspromonte
Laura Aspromonte
1 anno fa

A parte il desiderio cosa ci rende felici davvero puo' darsi come Kato ci siano altri valori che sono prioritari come l'amicizia ,la ricerca i nostri principi e valori ci mettono in una situazione di conflitto a cui possiamo porre rimedio venendo a contatto con l'anima per capire come fare e Kato fa così posponendo la felicità con Luna dopo aver portato a compimento il salvataggio di Overton.
A volte gli amici voglio solo vederci sereni e non cercano cose che per noi sono importanti ma loro non considerano tali perchè siamo tutti diversi e diamo priorità differenti alle cose importanti una persona puo vivere per i beni materiali una fa la ricerca scientifica o spirituale ma tutti portano qualcosa di importante per la vita di chi li circonda un caffe una buona passeggiata una serata insieme a parlare di ciò che ci entusiasma e accende il motore della creatività .Forse la felicità è nelle piccole cose di tutti i giorni. grazie per questo nuovo discorso un abbraccio Flavio

Igea Arnao
Igea Arnao
1 anno fa

La speranza penso che sia importante se la consideriamo come forza per lottare contro i mali della vita, certamente non per rimanere inerti contro di essi. La speranza nel vaso di Pandora è l'ultimo male? Quello peggiore? Forse ha ragione Monicelli, ma noi continuiamo a sperare che non sia così 🙂

Ida Alimena
Ida Alimena
1 anno fa

Credo che se si parla di una speranza "buona", costruttiva che può spingere a migliorarci sia per quel che riguarda il privato che il pubblico è necessario che ci sia

Laura
Laura
1 anno fa

Penso che siano le prove della vita e le fatiche, insieme anche alle gioie, a darti la misura del desiderio e ciò che conta,non tanto i risultati raggiunti, i traguardi, ma conta il modo e la motivazione con cui li abbiamo raggiunti. Tutto ha un prezzo. Tante volte non sappiamo neanche cosa desiderare o a cosa dare un prezzo, o saper riconoscere anche che quel dono ci é valso tanto prezzo. Quindi? Ma per me é accettare la vita come ti si presenta, che tante volte non corrisponde ai tuoi desideri di felicità come pensavi, ai tuoi calcoli, ma ti fa fare percorsi diversi, ma con una speranza in fondo al vaso. Anzi la speranza come un profumo che pervade ogni cosa. Quindi sì accettare e andare avanti é la cosa da fare!

Laura Aspromonte
Laura Aspromonte
1 anno fa

Povera Pandora è un rischio essere curiosi e andare tra vasi misteriosi forse alla ricerca del'ignoto come ogni persona attirata da ciò che non sa il vaso cade e escono tutti i mali del mondo tranne la speranza .Genera una certa ambivalenza e può fare più paura del dolore ma se vai da una persona e gli proponi una soluzione ad un problema di salute fondata su un rimedio scientifico provato tipo un trapianto d'organo quale sara' lasua reazione visto che amiamo vivere e anche bene la nostra vita tutto è relativo e legato alla voglia delle persone di vivere sognare e sperare in giorni migliori per il futuro .Grazie per queste frasi di invito alla riflessione un abbraccio Flavio

M. Rosaria Bottigliero
M. Rosaria Bottigliero
1 anno fa

Un desiderio... riuscire a capire cosa ci porta la felicità! Spesso si tratta solo di un attimo che noi possiamo non avvenga mai, e il desiderio sarà sempre una manchevole speranza vana.

Jana
Jana
1 anno fa

La speranza passiva ci imprigiona, ma non la speranza che sogna.

Giuliana Barsanti
Giuliana Barsanti
1 anno fa

Io mi regolo molto sul Nec spe nec metu. Mi considero abbastanza stoica da preferire sempre affrontare le situazioni, e il mio vissuto mi conferma che l’ho fatto. Ho una grande fortuna, nei momenti difficili è come se mi fermassi, mi calmo e riesco a riflettere. Non sono mai stata un’ottimista sfrenata e ho sempre nutrito i miei desideri in silenzio, alcuni si sono realizzati, altri no anche se sì, mi ci ero visualizzata, ma non è servito. Per il mondo del lavoro mi sono spesso trovata ad andare in direzioni opposte ai miei desideri, che sono cambiati anche loro di fronte alle nuove realtà e alla fine mi sono anche trovata bene e perfino divertita. In conclusione, secondo me la speranza ci deve sempre sostenere ma con prudenza e un piano B in testa, i desideri invece contano, sempre, tanto, e anche se non si realizzano bisogna continuare a nutrirli, a tutte le età, dai più leggeri ai più importanti. Bellissima pagina anche oggi.

Giuliana Barsanti
Giuliana Barsanti
1 anno fa
Rispondi a  Giuliana Barsanti

Piano B può anche essere una fede o la costruzione di un'accettazione.

Letizia
Letizia
1 anno fa

Beh, l'antico proverbio dice: "Chi di speranza vive, disperato muore!". Personalmente ritengo che è importante coltivare e inseguire i propri sogni, ma nello stesso tempo è importante anche fare attenzione a quel treno che passa una volta e mai più e che potrebbe essere la chiave di una vita serena! In ogni caso non è detto che questo treno ci porti lontano dal nostro sogno che magari si avvererà comunque.

Paola Rispoli
Paola Rispoli
1 anno fa

L' articolo oggi si presta a varie riflessioni. la visione del mito è troppo pessimistica , un male che sembra buono perchè ci aiuta a sopportare la vita e ci illude che il futuro sia migliore , in sostanza è un fuoco fatuo . Prima di sperare , dobbiamo crederci e attivarci , la speranza da sola non ha potere , ma se aggiungiamo desiderio e motivazione , possiamo muoverci verso ciò che ci fa stare bene , nonostante gli ostacoli . La speranza ( anche la radice della parola lo suggerisce )contiene l'idea dell' energia non solo fisica ma anche mentale , quando desideriamo e fantastichiamo. Sperare è un pò un atto di fiducia verso noi stessi e nella vita , un vedere al buio e percepire la possibilità di cambiare , di scoprire altre prospettive e anche di costruire un cambiamento e la rinascita (cit Neruda" nascere non basta è per rinascere che siamo nati ")

Maria
Maria
1 anno fa

Vi prego non toglietemi la speranza!!!!!!!

Irma
Irma
1 anno fa

Un punto di vista molto interessante la speranza ci intrappola nell’accettazione è vero ! e poi anche i desideri mutano, inizialmente si desidera qualcosa ma poi non conosciamo tutte le opzioni pertanto tendiamo a focalizzarci su quella tematica e poi non vediamo più il resto .. come si può desiderare qualcosa che fa veramente bene per noi e capire quale sia la scelta giusta ?
Per noi ? domanda che continuo a farmi anche perché alla fine se ci pensiamo bene con gli anni cambiano i nostri desideri, mutano si trasformano , anche i rapporti umani, le relazioni mutano.
Quello che bisogna capire come riuscire a comprendere quello che fa’ veramente per noi e i desideri che possiamo raggiungere realmente nonostante il cambiamento di noi e della nostra vita ma anche del periodo storico in cui viviamo. Forse la cosa migliore è rimanere aperti al nuovo senza avere troppi desideri? Ma siamo felici così? e quindi qua ci ricolleghiamo il fatto che la felicità e il desiderio sono due fattori che a volte hanno difficoltà ad incontrarsi .

Giusy Pero
Giusy Pero
1 anno fa

Un bel dilemma quello del vaso di Pandora! Personalmente non ho mai visto la speranza come il peggiore di tutti i mali e non ho mai preso in considerazione il cosiddetto "effetto gelo". Mi è capitato di fare delle scelte di vita o lavorative che poi a distanza di tempo non si sono rivelate ciò che speravo ma, un giorno, parlandone con una signora che si allenava in palestra con me, mi sono sentita dire che probabilmente erano giuste nel momento in cui le ho prese. E credo avesse ragione dal momento che nessuno di noi conosce il futuro o tutto ciò che il mondo offre. La speranza è ciò che ci fa credere che il domani sarà migliore dell'oggi e i sogni sono ciò che ci spingono a raggiungere nuovi traguardi e a migliorarci, oltre che ad accendere una piccola luce nelle nostre ore buie.

Luna
Luna
1 anno fa

Buongiorno, secondo me la Speranza è una forza che ci fa andare avanti nonostante tutto e tutti. Il desiderio si può fondere con la Speranza in certi momenti.
I desideri contano il 50 % della vita ( almeno per me ) e il restante è il lavoro costante per realizzare i propri sogni nella nostra realtà e nel mondo.

Aurora Hutopila
Aurora Hutopila
1 anno fa

Buongiorno.Che dire? Oggi una lettura molto interessante.Sono desideri e desideri,speranze e speranze.Diverse da uno ad altro.I desideri possono essere collocate ai ideali: di carriera,di un amore,di una vacanza,di avere un figlio ecc.La speranza arriva spesso nei dolori,nelle disperazioni,nei fallimenti in tutto.Personalmente,mi sono aggrappata alla speranza dal 2015 quando dopo un secondo intervento per un tumore,i medici mi hanno pronosticato 2 anni di vita.Poi ho avuto un terzo intervento,dopo di che ho messo tutta la mia forza compresso le preghiere(so che lei va in parallelo con questo😥)....quindi, ho messo tutta la mia speranza,che devo vivere,che devo vedere i miei figli sposati,per non lasciarli da soli,che devo pubblicare i miei libri,che voglio ancora vedere l'aurora e tramonto.Se vi sembra poco che dopo quasi 8 anni sono ancora qui...scrivere a Flavio Parenti😊

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
33
0
Clicca per commentarex