Diario D'Artista
8 Maggio 2023

#026 La sindrome dell'impostore

iscrivitispotify
Traduzione
it
es
pt
en
fr
Diario D'artista
Diario D'artista
#026 La sindrome dell'impostore
Loading
/

Conoscete la sindrome dell'impostore? Oggi voglio parlare di questo pensiero subdolo che spesso assale gli artisti, affermati e meno noti. È importante sapere che l'artista, costantemente in attesa di un riscontro sul suo operato, è spesso una persona fragile, o almeno, si pone in una posizione di fragilità, in quanto lascia che sia il giudizio altrui a definire, se non la sua felicità, sicuramente una parte della sua esistenza. Pertanto, l'artista si interroga frequentemente sul valore del suo lavoro: "Ne varrà la pena?", "Riuscirò mai a guadagnare abbastanza per farne una professione?", "Forse avevano ragione i miei genitori/parenti/amici/opinionisti a dire che l'arte non dà da mangiare."

Tuttavia, grazie alla fatica, alla volontà, allo studio, l'artista, a volte, raggiunge il successo. A questo punto, si potrebbe pensare che tutto sia risolto, che non avrà più problemi e che godrà del riconoscimento di tutti. Tutti gli diranno quanto sia bravo nel fare ciò che gli piace. Finalmente, la pace! Eppure, non è così. Dietro la porta del riconoscimento, si nasconde la sindrome dell'impostore.

In sostanza, la sindrome dell'impostore scatta quando l'artista inizia a dubitare di sé e del suo successo, pensando che forse tutto sia un bluff. Magari non è così bravo come credeva o come gli altri pensano. Magari invece ha ingannato tutti! E così pensa che per un'incomprensibile allucinazione collettiva, tutti lo hanno elevato a un livello che non merita. Mentre i suoi amici - forse più talentuosi - meriterebbero molto più di lui. Queste insicurezze possono portare a conseguenze tragiche, in quanto sentirsi un impostore è il preludio all'annientamento dell'identità e all'infertilità creativa.

È interessante sapere che esiste un concetto chiamato "profezia che si autoavvera", un tema affascinante. Per riassumere: noi amiamo avere ragione. Quindi, se iniziamo a pensare che "tutti gli uomini tradiscono" (tanto per fare un esempio), inconsciamente inizieremo a cercare uomini che tradiscono, così da poter confermare la nostra teoria! Questa follia è stata analizzata e confermata da molti esperti. Funzioniamo in questo modo, vogliamo realizzare ciò in cui crediamo. Quindi, fate attenzione alle vostre convinzioni!

Tornando alla sindrome dell'impostore, l'artista, anch'esso soggetto alla profezia che si autoavvera, pensa di sé: "Sono un impostore". E non importa quanto coloro che gli vogliono bene si ostinino a dirgli il contrario, lui continua a nutrire questa insicurezza e si perde in essa.

Personalmente, vivo questa sindrome ogni giorno, sia come attore che come artista in generale. Quando ho finito la scuola di recitazione di Genova, ero convinto di essere circondato da attori più bravi di me, e ne sono tuttora convinto. Attori che magari non lavorano o che fanno fatica ad arrivare a fine mese. Per non parlare delle mie regie e delle mie produzioni, delle mie poesie. E ora del libro. Ho un costante tarlo nella mente che mi dice: "Sei un bluff, dietro tutto quel parlare c'è solo il vuoto. Sei qui solo perché hai gli occhi azzurri." Sono serio, purtroppo questi pensieri, dopo 20 anni di carriera, continuano a corrodere la mia anima.

E cosa si può fare? Onestamente, non lo so. Mi piacerebbe cancellarli, dimenticarli, o dimostrare a me stesso che non è vero. Forse è quello che sto facendo quotidianamente, scappare lontano, senza fermarmi, per mostrare a me stesso che no, non sono un impostore, che c'è qualcosa dentro di me che ha valore, che è mio, che ho coltivato personalmente e che mi rispecchia.

Non credo che riuscirò mai a trovare la pace, perché questa mia corsa, in fondo, fa solo cambiare continuamente il panorama, ma io sono sempre io: un uomo che corre e non si ferma mai, per paura di guardarsi allo specchio.

Alla prossima pagina.

Rimaniamo in contatto. Ricevi ogni settimana il mio podcast nella tua casella di posta elettronica. É gratis 🎁
iscriviti
condividi questa pagina con chi potrebbe apprezzarla
Commenti dopo il banner
Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Scopriranno una leggenda: chi troverà l'Anello di Saturno avrà il potere di cambiare il proprio destino.
Tocca e leggi la sinossi

L'Anello Di Saturno

Una saga romance fantasy, d'Amore e Destino.
ADS_Banner_Scopri_di_piu
Leggi gratis
0 0 voti
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
97 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Tiziana Colantoni
Tiziana Colantoni
1 anno fa

Non devi avere nessun dubbio, sei bravo 🥰

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa
Rispondi a  Tiziana Colantoni

grazie

Mariaberta Elefante
Mariaberta Elefante
1 anno fa

Caro Flavio più si ha talento e più a volte le insicurezze si palesano nella nostra mente. Penso che possano essere uno stimolo a diventare sempre più bravi. Del resto siamo esseri spirituali in evoluzione. 🥰

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa

Mariaberta Elefante ❤️

Giulia Maini
Giulia Maini
1 anno fa

Flavio Parenti 👍❤

Laura Aspromonte
Laura Aspromonte
1 anno fa

👏💕

Laura Aspromonte
Laura Aspromonte
1 anno fa

💪🙏daje

Maria Rosa Fulco
Maria Rosa Fulco
1 anno fa

Attraverso la lettura di diario d artista, ho imparato vocaboli nuovi a me sconosciuti,sono andata alla ricerca del loro significato, grazie

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa
Rispondi a  Maria Rosa Fulco

Prego 🙏

Stefania Nefer Terrone
Stefania Nefer Terrone
1 anno fa
Rispondi a  Maria Rosa Fulco

Xké dubitare...sei un bravissimo attore

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa
Rispondi a  Maria Rosa Fulco

Stefania Nefer Terrone non lo so, perché il dubbio è il seme della crescita, forse

Stefania Nefer Terrone
Stefania Nefer Terrone
1 anno fa
Rispondi a  Maria Rosa Fulco

Flavio Parenti forse hai ragione... è un modo per fare sempre di meglio 😊🤔

Adriana Pansini
Adriana Pansini
1 anno fa

Non dubitare di te, sei bravissimo!💕

Flavio Parenti
Flavio Parenti
1 anno fa
Rispondi a  Adriana Pansini

grazie

Sara
Sara
1 anno fa

Ti posso assicurare che no, non sei un impostore...
Io credo che sia normale poi avere delle insicurezze, chi non ne ha in questo mondo che continua a metterti alla prova?
Solo una persona superficiale si fermerebbe a guardare il colore degli occhi e tu hai dimostrato di saper fare molte cose e anche bene quindi cerca di non essere troppo severo con te stesso..
Grazie per questo nuovo articolo! 😊

Irma
Irma
1 anno fa

Insomma un po’ come Socrate… Quindi sei nella buona strada! Quando vengono dubbi vuol dire che sei sulla strada giusta🙂 bravissimo Flavio! Una delle regole più importanti penso che per avere successo bisogna sempre mantenere l’umiltà e tu ne hai tanta…
Non farti travolgere però dalla marea dell’insicurezza..

Samantha Laducara
Samantha Laducara
1 anno fa

Flavio ma questa si chiama umiltà! Rientra nella normalità quando si è esigenti precisi, preparati, professionali, talentuosi e severi con se stessi, perché si vuole fare sempre qualcosa alla perfezione. Si ha sempre paura che qualcosa possa venir meno. Ma mai fermarsi! Procedere e praticare ciò che ci piace cercando di fare sempre con sensibilità, professionalità. Di te mi ha colpito tantissimo anche la condivisione, che reputo nobilissima, altro che sindrome dell' impostore!

Giusy Pero
Giusy Pero
1 anno fa

La profezia che si autoadempie di Thomas mi ha riportato ai miei studi universitari di sociologia. Più di una volta ne ho riscontrato la veridicità. Riguardo alla sindrome dell'impostore, non essendo io un'artista né una persona di successo non ne ho esperienza diretta ma credo che "un grande bluff" non possa durare vent'anni e che gli occhi azzurri non abbiano nulla a che fare con la capacità di interpretare, creare, scrivere e regalare emozioni. Magari un aspetto piacevole può essere un bel biglietto da visita con cui presentarsi, ma da solo non basta. Detto ciò è comprensibile il timore che si prova quando ci si misura con qualcosa di nuovo che è sottoposto al giudizio degli altri ma la strada già percorsa dovrebbe costituire una certezza a cui aggrapparsi quando si affrontano nuove sfide.

laura.aspromonte
laura.aspromonte
1 anno fa

normale avere sentimenti di insicurezza se una persona è esigente e sensibile come te ho visto diversi film con te che fai sognare non arrenderti è bravura talento umiltà e buon carattere il segreto della tua fortuna unito al tuo fascino . Un abbraccio Flavio

Jana
Jana
1 anno fa

Hmmm… mi sembra che tu stia attraversando l’inferno astrale 🤔

Luna
Luna
1 anno fa

Ciao ! Io credo che ci sia umiltà nella tua anima e nel tuo lavoro, che è meraviglioso in ogni sua forma.
L' altro aspetto potrebbe essere l' autostima... io ne so qualcosa.
Buona giornata

cristina
cristina
1 anno fa

Ciao Flavio!!! E' cosi' bello leggerti!!! Altro articolo, meravigliosooo!!!

Anna Maria Speciale
Anna Maria Speciale
1 anno fa

Non sei un'impostore sei un grande artista,prosegui per la tua strada non smettere hai un grande futuro come attore e come scrittore......VAI AVANTI👏

Lucia Guarisco
Lucia Guarisco
1 anno fa

Sto imparando a conoscerti e mi rendo conto che la tua serietà e il tuo animo sensibile e profondo ti portano ad un’attenta riflessione ed autoanalisi che ti spingono ai dubbi di cui parli. Sei troppo severo con te stesso 😊

Stefania
Stefania
1 anno fa

Ciao Flavio, le insicurezze prevalgono sempre in ogni lavoro che si fa, soprattutto se si fa un lavoro precario la perfezione non esiste un consiglio che posso darti è continua a fare quello che più ti piace, con impegno e determinazione.Sei un bravissimo attore ,continua così 👍👍👍

Stefania
Stefania
1 anno fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Esatto, l'importante è dare sempre il 100% in tutto quello che si fa🫠

Marianna
Marianna
1 anno fa

Complimenti Flavio e grazie per questo altro interessante articolo, molto veritiero tra l'altro.
Condivido ogni parola e capita spesso sentire l'insicurezza.
Ma tu vai avanti perché sei un grande artista e non devi fermarti.
Alla prossima 😊

Laura
Laura
1 anno fa

Credo che per un attore e/o artista tutto questo discorso sia accentuato, e può condurre al parossismo. Poi c'è il risvolto della medaglia: il successo che non è sempre legato al merito é vero che porta a tanti vantaggi economici, a sentirsi privilegiati. Ma la tua riflessione credo scenda più nel profondo. Il sentirsi inadeguati penso sia un sentimento molto diffuso, oggi più che mai. Tu Flavio sei onesto, sincero, e vai dritto all'autenticita delle cose e dell'anima. Questa è una base buona per una valutazione giusta. Sei troppo severo a definirti impostore!! Un altro passo che può impedire questa deriva dell'attore é riconoscere i propri doni, nel tuo caso la bellezza, l'eleganza, la bravura, l'intelligenza. Riconoscere anche che non tutto dipende da noi, non ci facciamo tutto da noi, questo per un discorso di vita, non limitato alla carriera d'attore, dove tutto é purtroppo hai ragione più viziato, più accentuato. Credo che possa aiutare il cercare di affidarci un po' di più alla vita, senza voler forzare troppo, anche se non é facile!!

Laura
Laura
1 anno fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Io ho passato una sorta di paralisi ai tempi in cui studiavo, perché non riuscivo a dare un esame come volevo, ho rischiato di bloccarmi e di non volere più saperne. Ansia da competizione, orgoglio, amor proprio, volontà di tenere tutto sotto controllo. Poi mi sono imbattuta in un meraviglioso professore giovane, che mi disse sue testuali parole:" un esame può sempre avere una domanda che non si sa, é un terno al lotto. Bisogna avere equilibrio, fare un compromesso, e poi manda tutto e tutti affan... Mi ha sbloccato questo dialogo! Qualche volta bisogna fare così, anche con il proprio amor proprio, perché ci fa perdere di vista il mettere tutto in giusta prospettiva. Buona giornata!

Letizia
Letizia
1 anno fa

Carissimo Flavio, non hai nessun motivo di dubitare di te. Sei bello dentro oltre che fuori, hai un'anima grande e un talento che spacca!!!!! Come puoi dubitare di te, quando io, e magari altri ascoltandoti, esclamiamo: - Caspita che forza!!!! Quanto vorrei essere come lui!!!! Io lo penso costantemente tutte le volte che ti ascolto e ti vedo recitare. Tu vali 100 e anche di più! Un abbraccio!

CINZIA DELLO SPEDALE
CINZIA DELLO SPEDALE
1 anno fa

Riciao, Flavio,
e come sempre, grazie per questo spazio.
Io penso che la sindrome dell'impostore derivi essenzialmente da insicurezze.
Anche io, probabilmente, nel mio piccolo, la vivo.
Sicuramente, oggi, essere un'artista non è semplice...
Ti capisco.
Nel tuo caso pero c'è stoffa.
Alla prossima,
Cinzia

Paola Rispoli
Paola Rispoli
1 anno fa

Solo una persona sensibile e onesta come te poteva scrivere questo articolo. L 'artista è chi dona la propria arte e la mette al servizio del proprio pubblico, non quello che si nutre dei consensi per compiacersi. Hai fatto della tua carriera una sperimentazione continua di generi ed espressioni , riuscendo con studio e sacrificio in tutto ciò in cui hai creduto . Se questa corsa ti ha portato a questo punto , ti direi continua a correre Flavio , perché arrivi dove altri artisti non arrivano

Ida Alimena
Ida Alimena
1 anno fa

No, non sei un impostore! Complimenti per tutto ciò che fai!!

Laura Aspromonte
Laura Aspromonte
1 anno fa

sono senza parole !altro che impostore ti sei impegnato e non è un fatto solo di bellezza sono calamitata quando ti vedo a lavoro ci sei tu e i tuoi lavori fatti col cuore un abbraccio Flavio

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
97
0
Clicca per commentarex