18 Gennaio 2024

Lavoro e Passione

Dalla mia gioventù come cameriere e tecnico luci, ai primi passi nell'arte, vi racconto il mio viaggio verso la scoperta della passione. Unire lavoro e amore, il segreto di una vita appagante.
Diario D'artista
Diario D'artista
Lavoro e Passione
Loading
/

Chi mi conosce lo sa: ho fatto tanti lavori, soprattutto in gioventù, lavori creativi come assistente alla regia, autore, regista, montatore, ma anche lavori opposti alla direzione artistica che poi ho intrapreso.

Quando ero ventenne, ho fatto il cameriere per una stagione. Doppio turno, ristorante di pesce. L'anno successivo ho lavorato come magazziniere nella società di trasporti nella quale lavorava mia madre. Un paio di mesi difficili, ma utili. Ho anche fatto il tecnico luci in vari spettacoli teatrali, montaggio e smontaggio della scenografia. Erano lavori faticosi, che mi hanno insegnato molto sul valore che la nostra società dà alla fatica fisica: ben poco.

A scuola, non sono mai stato il migliore della classe. Anzi si, lo sono stato quando non serviva studiare, verso gli 8 anni. Mi bastava ascoltare per essere brillante. Poi, con il crescere dell'età mi sono allontanato sempre di più dalle cattedre e dall'interesse nel sistema scolastico. A parte alcuni maestri che - pur non essendo stato io il loro pupillo - mi porto nel cuore, i ricordi che ho delle aule scolastiche e del sistema nel suo insieme sono tristi: poco entusiasmo, poca passione, molta imposizione. Capisco che è nella natura dei sistemi essere così, ma non fanno per me. Ho un'avulsione naturale per il potere.

Ben presto ho capito di amare la pratica. Se posso applicare ciò che mi viene insegnato, allora ne divento ghiotto, mi entusiasmo e mi impegno molto di più. Ma se sono costretto a studiare qualcosa solo perché devo, senza ricevere un vantaggio diretto da una immediata applicabilità, allora perdo l'interesse.

È un limite, ne sono consapevole, ma sono fatto così. Non a caso ho cominciato a studiare davvero in età quasi adulta, quando le mie passioni erano emerse e stavo comprendendo cosa mi interessava approfondire. Studiare mi aiutava a precorrere la strada d'artista che sto ancora scoprendo.

Il lavoro e la passione... antagonisti che dovrebbero essere sinonimi. Il lavoro rientra nella sfera del "devo" mentre la passione in quella del "voglio". Come sarebbe bello se formassimo le nuove generazioni con l'intento di insegnargli ad unire queste due cose, invece di dividerli!

Come diceva Confucio: "Scegli il lavoro che ami e non lavorerai un giorno in tutta la tua vita." Facile da dire, ma non così facile da fare, perché la vera difficoltà è scoprire quello che ci piace. Perchè nel mondo ci sono così tante cose.

Come possiamo fare per scoprire ciò che amiamo?

Io credo curiosando tra le insenature della società, leggendo prospettive originali, camminando per le strade con il naso all'insù, guardando dove gli altri non vedono, e continuare la ricerca di cose nuove, facendo, giocando, scoprendo, cercando anche la crisi.

Perché così facendo, piano piano, seminerete piccoli segni apparentemente confusi sulla tela della vostra vita. Ma abbiate fiducia, vedrete che succederà qualcosa di magico: ad un certo punto, quei puntini si uniranno da soli e disegneranno il vostro destino.

Alla prossima pagina.

Ricevi i prossimi articoli via mail 📩

Leggi. Viaggia.

Scopri un'avventura fantastica ed esistenziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

31 commenti su “Lavoro e Passione”

  1. nel tuo post:
    “ Ben presto ho capito di amare la pratica. Se posso applicare ciò che mi viene insegnato, allora ne divento ghiotto, mi entusiasmo e mi impegno molto di più. Ma se sono costretto a studiare qualcosa solo perché devo, senza ricevere un vantaggio diretto da una immediata applicabilità, allora perdo l'interesse.”
    Anch io ero così e forse sono ancora così alle medie più facevo il clown per far ridere i miei compagni di scuole e un po’ anche alle superiori e anch io ho fatto diversi lavori a me poi piace l Arte la Musica il Ballo
    E nel lavoro ci mettevo la mia fantasia la mia improvvisazione
    Mi piace molto quello che scritto di Te in questo post sei una Persona piena di Vitalità
    Ciao Flavio complimenti

    1. Ciao Emanuela, grazie. Si, la vitalità, l'entusiasmo, sono il sale della mia vita. Senza, penso che non durerei molto.

  2. Sono pienamente d’accordo con te , la motivazione è la prima cosa che ti spinge a studiare e a lavorare, e a viaggiare sul treno della vita, e la tua destinazione la scopri durante il cammino . Nessuno conosce la propria destinazione ma la scopre vivendo, in itinere . Ognuno è un volente non volutosi (P. Piovani).
    Volli sempre volli fortissimamente volli. ( V. Alfieri)

  3. Lavoro e passione è un binomio perfetto direi... Anche se fare altre esperienze comunque arricchiscono il nostro bagaglio culturale o ci aiuta a riflettere e a considerare ciò che vogliamo secondo la nostra personalità e le nostre capacità. 💙💙✨👏

  4. Ciao Flavio🎈Complimenti🎈Con i tuoi lavori🎈 hai lasciato orme essenziali🎈energia🎈tenacia🎈idee ovunque🎈Bravissimo🎈Un giorno 🎈una grande elica 🎈sulla corona della testa mi fa sentire"TU PUOI SCEGLIERE TRA POESIA E DANZA🎈DANZARE NEI TUOI VERSI🎈COME FOSSI BALLERINA🎈QUESTE SONO LE ENERGIE DEL TUO DESTINO CELESTE🎈DEVI CREDERE🎈AVERE FEDE🎈RESTO FOLGORATA"🎈Dopo un tema dal titolo"ILLUSTRA IL TUO SOGNARE"🎈la Prof dopo la lettura 🎈crede al preavviso🎈ubbidisce alla verità incisa🎈nella coscienza delle parole🎈regala alla mia scrittura la meravigliosa veste d'artista🎈zeppa d'estro🎈fantasia speciale🎈sostanza sapiente🎈che contiene il potere della speranza🎈la grazia🎈la poesia🎈lo stupore🎈la purezza dei bambini🎈che donano in un istante il paradiso🎈LA POESIA🎈PASSIONE SCONVOLGENTE🎈VIVE DA MILLENNI IN ME🎈GRAZIE FLAVIO PER LA BELLISSIMA PAGINA🎈Abbraccio di luce🎈Isa

22 Febbraio 2024
Il coraggio della rinuncia

In tutti noi vive Icaro: dilemmi tra razionalità, desiderio e scelte che ci definiscono attraverso rinunce coraggiose.

19 Febbraio 2024
Il potere della memoria

La memoria, uno scrigno segreto che incanta e sfugge, plasmando identità e arte, meravigliosamente misterioso

15 Febbraio 2024
Come credere in noi stessi

Come credere in noi stessi? Circondandosi di chi crede in noi, apprendendo dai maestri, curando corpo e mente e selezionando con cura ciò che nutre l'immaginario. Sono alcune delle chiavi essenziali.

12 Febbraio 2024
La fragilità dell'artista

In questo universo di dubbi, oggi mi sento fragile, temo la conclusione della mia saga e cerco un equilibrio tra volontà e destino, chiedendomi se lotto contro mulini a vento.

8 Febbraio 2024
La buona scrittura

Riflettendo sulla revisione della mia saga, capisco che separare scrittura da editing e uccidere i propri pezzi "preferiti" sono passi cruciali per migliorare.

5 Febbraio 2024
Il talento della volontà

Dubitare del proprio talento è normale, ma scoprire che la volontà aiuta a superare le incertezze mi conforta.

1 Febbraio 2024
Una sorpresa per te

Discuto dei limiti della densità della mia prosa, del mio amore per la poesia sintetica, di come voglio riuscire ad unire i due aspetti. E poi... una piccola sorpresa 🎁

29 Gennaio 2024
Un firmacopie disastroso

In questo racconto divertente, condivido la mia esperienza deludente durante un firmacopie senza adeguata accoglienza, riflettendo sull'importanza del rispetto.

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php