Diario D'Artista

24 Aprile 2023

#022 Pensare in due lingue

iscriviti gratis

Una delle domande più comuni che si pongono a chi parla due lingue è: in che lingua pensi? La risposta non è così semplice come potrebbe sembrare. In questo articolo, vi racconto la mia esperienza personale nel padroneggiare due lingue e come questa abilità ha influenzato il mio pensiero e il mio modo di essere.

Sono di madrelingua francese, e mio papà è italiano. Ho imparato il francese per primo, e poi l'italiano quando mi sono trasferito in Italia all'età di 8 anni. Il processo di apprendimento di entrambe le lingue non è stato affatto semplice, ma mi ha permesso di conoscere due culture diverse e di imparare a navigare tra di loro.

Quando ci trasferimmo in Italia, frequentai prima la scuola francese di Milano, l'istituto Stendhal. Tuttavia, non imparavo l'italiano, quindi, per risolvere il problema, i miei genitori mi iscrissero alla scuola pubblica italiana sotto casa, in Viale Zara. Questa scuola aveva la particolarità di accogliere nelle sue classi studenti con disabilità uditive o con disturbi dello spettro autistico. Gli anni trascorsi in questa scuola sono stati meravigliosi e mi hanno permesso di conoscere due maestre eccezionali, Adele e Laura, che mi hanno insegnato la meravigliosa lingua italiana.

Durante il mio tempo alla scuola pubblica italiana, ho stretto amicizia con un ragazzo con disabilità uditive di nome Giampiero. Quindici anni dopo, ricevetti una telefonata da Giampiero: riusciva a sentire e parlare al telefono! Sentirlo parlarmi di quello era successo in questi anni di distanza mi colmò di gioia e mi fece anche capire quanto sia importante la comunicazione nella nostra vita quotidiana.

Dopo aver imparato l'italiano e aver dimenticato un po' il francese, tornai allo Stendhal. Qui, iniziai a mescolare le due lingue, creando una sorta di lingua di transizione tutta mia. Alla fine, le due realtà si divisero dentro di me e anche i due aspetti psicologici. Le lingue riflettono infatti l'identità di un popolo, il suo modo di pensare e ciò a cui attribuiscono importanza. I francesi tendono ad essere radicali, razionali e logici, mentre gli italiani privilegiano il piacere, la seduzione e l'emozione. Descartes. De' core. Questa dicotomia mi ha aiutato a capire chi sono io e come le mie radici biculturali abbiano contribuito a formare la mia identità.

La domanda finale è, quindi: in che lingua penso? Nei sogni, sogno in francese o in italiano? La risposta non è semplice. Per come la vedo io, il pensiero non ha una forma precisa e non esiste se non nel linguaggio astratto della nostra mente.

Il linguaggio è uno strumento di comunicazione esterna che ci permette di esprimere i nostri pensieri agli altri in modo comprensibile. È un traduttore del pensiero. Di per sé, il pensiero, se rimane all'interno del nostro cervello, non ha una forma necessariamente legata alla lingua di chi lo produce. Solo quando dobbiamo comunicare con qualcuno, siamo costretti a esprimere i nostri pensieri in una lingua piuttosto che un'altra.

La lingua del pensiero: Se devo dare una risposta alla domanda iniziale, direi che penso in "pensese", una lingua immaginaria che simboleggia la lingua del pensiero e che ci unisce tutti come esseri umani. Il "pensese" è la lingua dell'anima, e tutti noi la parliamo fin dalla nascita.

Per concludere, essere bilingue mi ha permesso di vivere due culture diverse e di comprendere meglio il modo in cui le lingue influenzano il nostro modo di pensare e di essere. Nonostante le difficoltà nel padroneggiare Francese e Italiano, sono grato per questa opportunità e per come mi ha permesso di crescere sia come individuo che come comunicatore. La lingua in cui penso potrebbe non essere chiara o definita, ma ciò che conta è il legame che ho sviluppato con entrambe le culture che rappresento.

Alla fine, il potere del linguaggio va oltre le parole che pronunciamo; è uno strumento che ci permette di connetterci con gli altri e di esprimere la nostra identità. Che si tratti di italiano, francese o "pensese", ciò che conta è la nostra capacità di comprendere e apprezzare la diversità linguistica e culturale che ci circonda, così come la nostra capacità di utilizzare le lingue per costruire ponti e superare barriere.

Alla prossima pagina.

seguimi su spotifyLeggi altri articoli
Condividi
Commenti dopo il banner
Luca e Anna, due adolescenti inquieti, si incontrano ad Anagni nell'estate del 1995. Lui, un parigino strappato alle sue radici; lei, una ribelle che fugge dalle tradizioni locali. Il loro amore sboccia tra amicizie e tragedie familiari mentre una leggenda promette a chi troverà l'Anello di Saturno il potere di cambiare il proprio destino.
Leggi gratis
Tocca e leggi la quarta

L'Anello Di Saturno

Una saga d'amore narrata dal Destino.

ADS_Banner_Acquista
ricevi capitoli gratis
0 0 voti
Voto
Iscriviti alla discussione
Notifica di
guest
33 Commentsi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Sofia
Sofia
11 mesi fa

Ecco allora io uso il pensese....

Grazie dal profondo del cuore Anima bella
🌹🙏

Lisa
Lisa
1 anno fa

Che bella questa tua riflessione e la definizione del linguaggio immaginativo. Pensese. La userò pure io.
Mi piace molto come hai tradotto la nascita dell’idea che viene originata in un iperurano (o chiamalo come vuoi) e poi ridotta a concetto tramite la parola. Il famoso verbo del Vangelo di Giovanni.
Avendo due lingue a disposizione, la tua abilità è maggiore di chi ne ha una. Questo è un grande vantaggio.

Letizia
Letizia
1 anno fa

Tutti i tuoi articoli sono meravigliosi, ma questo è da capogiro!!!!! Ma che pensieri meravigliosi!!!! Caro Amico, perché ormai questo rappresenti, tu dovresti periodicamente girare per le varie scuole e parlare ai ragazzi. Sono sicura che tu potresti dare tanto alle loro anime. Un abbraccio!

Ursula
Ursula
1 anno fa

Chi meglio di me potrebbe capirti, come audioprotesista, lavoro con bambini ragazzi adulti e anziani ipoacusici. So bene quanto sia importante la comunicazione, lo vedo quotidianamente nel mio lavoro. Avvenente racconto 😀

Testa Rita
Testa Rita
1 anno fa

È sempre un piacere ascoltarti e leggerti,impariamo a conoscerti un po meglio,ed essendo un artista sei come uno di noi,grazie.

Sara
Sara
1 anno fa

È molto bello che tu sia riuscito a coltivare entrambe le lingue e le culture che fanno parte di te.
Io penso che sia un arricchimento ed è sicuramente fondamentale per superare le barriere prima su tutte la comunicazione.
Grazie per aver condiviso con noi il tuo pensiero.

Giuliana Barsanti
Giuliana Barsanti
1 anno fa

Oggi mi hai fatto ricordare un’intervista, in occasione di una tua premiazione, in cui ti chiedevano in che lingua pensassi e tu rispondesti come adesso, che il pensiero non ha una lingua, poi m’incuriosì sentirti dire che il conteggio lo fai in francese. Chiedendo qua e là mi è stato detto che è una caratteristica dei multilingue “contare” nella lingua madre. Non che sia fondamentale, credo, però che curiosità ! Interessante l’argomento del bilinguismo, e dei problemi connessi, di cui ci parli oggi nella tua bella e personale esperienza, che ci rivela molto di te. La fortuna di un’eredità biculturale, la lungimiranza dei tuoi genitori, la fatica psicologica e di studio, che ragazzino hai dovuto affrontare per crescerle entrambe. Particolarmente toccante l’impatto con quella scuola italiana, l’episodio dell’amico, il bel ricordo delle maestre, tutte cose che in te hanno accresciuto sensibilità e spessore umano forgiando la persona che sei diventata. Il tuo diario è già un ottimo libro. Viva il pensese, Flavio !

Maddalena Lupo
Maddalena Lupo
1 anno fa

Un pensiero molto profondo e che condivido pienamente , due lingue sicuramente creano difficoltà nella prima infanzia ma aprono la visione del mondo e delle proprie capacità quando l' individuo arriva ad un' età più adulta

Lorenza lorella
Lorenza lorella
1 anno fa

Ciao Flavio, nell esprimermi non sono brava sono molto sintetica, vado all'essenziale, posso dire che adoro le lingue e mi sarebbe tanto piaciuto poterne parlare alcune ma non mi è stato possibile. Io credo che la conoscenza delle lingue,la cultura di altri paesi è un arricchimento del proprio essere, è come avere tante chiavi che ti danno la possibilità di poter entrare in tante case, ciascuna con le proprie abitudini, pensieri e modo di vivere. Puoi cogliere tutte le sfumature ma poi,alla fine, è sempre la tua anima, la tua sensibilità la tua educazione che prevale nella vita e nel tuo modo di rapportarti con gli altri. Spero di aver detto qualcosa. Ti abbraccio

Antoinette kali
Antoinette kali
1 anno fa

Questo tuo scritto mi ha commosso tanto...
Mi hai sbloccato tanti ricordi felici e non...Sono italianissima ma per motivi personali ho vissuto 20 anni a Parigi...città che amo tanto quanto l'Italia...forse di più. Ricordo non parlavo una parola di francese ma col tempo ho imparato più a parlare che a scrivere. Grazie per questo tuo privato raccontato sempre con delicatezza ed eleganza. 💙

Marianna
Marianna
1 anno fa

Altro articolo molto interessante. Grazie Flavio 😊

Maria
Maria
1 anno fa

Capisco molto bene le tue sensazioni essendo state anche le mie!!ho vissuto e studiato a Ginevra!!!!! Ma poi ho scelto di vivere in Italia ma le due lingue non mi hanno mai lasciato le alterno tranquillamente!!È’ una bella lotta!!

Igea Arnao
Igea Arnao
1 anno fa

Il "pensese", la lingua dell'anima. Le lingue che parliamo "costruiscono" la nostra cultura, ma poi alla fine noi pensiamo con la lingua dell'anima... Molto interessanti le tue riflessioni, che condividono totalmente. A proposito... Condivido anche la tua pagina!

Irma
Irma
1 anno fa

Confrontarsi con culture diverse ci aiuta a diventare più flessibili e più aperti verso il mondo, le situazioni, le persone.
La flessibilità mentale mentale è un bene prezioso che aiuta a vivere molto meglio con se stessi e con gli altri .

Samantha Laducara
Samantha Laducara
1 anno fa

Quando si hanno origini in paesi diversi, oltre la lingua (che considero da sola semplicemente un codice di comunicazione) si fanno proprie abitudini, consuetudini e culture diverse.
Si pensa, secondo me in immagini e sensazioni, la lingua non fa altro che codificare per essere comprensibili all'interlocutore.
Sono un'insegnante di scuola primaria, ho avuto l'opportunità di dover comunicare con un alunno ipovedente, e ho dovuto imparare il braille, in questa occasione, mi ritrovo tantissimo con il tuo concetto di "pensese", una comunicazione basata in primis sulle sensazioni.
Il pensiero e tutto quanto orbita intorno, non c' entra nulla con l'espressione linguistica che rimane un mero codice di comunicazione dopo che il processo cognitivo-culturale è già avvenuto.
Ho imparato per esigenze lavorative e dopo la laurea, anche la lingua inglese, ma per solo studio, oltre ad apprendere la grammatica e qualche concetto tipico ho conosciuto soltanto il codice verbale e null'altro.
L' azione del pensare, quindi il "pensese" ha dietro un processo culturale, emozionale e cognitivo a prescindere dal tecnicismo verbale di qualsiasi lingua che, semplicemente, decodifica meccanicamente in suoni e simboli per poter comunicare all'interlocutore.

CINZIA DELLO SPEDALE
CINZIA DELLO SPEDALE
1 anno fa

Ciao, Flavio.
Hai davvero 'colto nel segno' più che mai!
Io ho una mini-laurea in lingue, ma l'idioma del mio cuore è il francese!
I miei nonni hanno vissuto in Belgio nella parte francofona e le mie estati, da bambina, si svolgevano là.
Ho un'amica che è madre-lingua francese.
E' inutile che qui decanti le lingue perchè trovo che padroneggiarle sia davvero importante, soprattutto nel mondo nel quale viviamo.
Bravissimi ad insegnarle entrambe ad Elettra...
Grazie per questo blog interessantissimo!
A presto,
Cinzia

Luna
Luna
1 anno fa

Sono perfettamente d'accordo con quello che hai scritto e pensato di dire.
Io riesco a parlare 4 lingue : il mio dialetto, inglese, francese e spagnolo.
Voglio aggiungere che è importante ( almeno per me ) sapere e conservare i vari dialetti italiani.
Buona giornata

Laura Aspromonte
Laura Aspromonte
1 anno fa

Sono d'accordo la lingua e la cultura forgiano l'identita e il modo di essere di chi le parla e il pensese comune a tutti gli esseri umani per abbattere i muri della mancanza di comunicazione tra le persone che a volte non avrebbero la possibilità di incontrarsi ma tramite questo tuo blog conoscono te e il tuo modo di comunicare così spontaneo e al di là di ogni barriera .Ti immagino a 8 anni che cerchi una scuola e poi cerchi di costruire il tuo linguaggio intermedio .Da piccola ammiravo le persone che sapevano immergersi in più culture a 4 anni ho imparato a leggere sola perchè mi annoiavo e ammiravo le persone poligotte che viaggiavano tra più lingue e culture mi capitò di vedere Il dottor Zhivagho di Boris Pasternak e mi colpi, che Omar Sharif sapesse ben 10 lingue .Evviva la comunicazione tra culture e lingue Grazie per questo nuovo capitolo un abbraccio Flavio

Laura
Laura
1 anno fa

Leggere i tuoi ricordi di infanzia, da cui traspare l'importanza che dai all'educazione e formazione ricevuta, ma anche al valore delle relazioni umane é davvero edificante. Ma perché non scrivi di te? Per me vedere come una persona scrive della sua vita, scrive i suoi ricordi, ciò che lo ha emozionato e formato é molto interessante. Soprattutto quando il ricordo e la riflessione riguardano temi così decisivi come il pensiero, la parola, la cultura, il linguaggio. Io credo che il pensiero sia influenzato molto dal linguaggio, e tu lo dici benissimo quando parli del dualismo delle due lingue che necessariamente ti creavano diversità. C'è proprio un differente approccio delle due lingue, una diversa sintassi, una diversa logica e quindi un differente pensiero. Chi studia latino, io purtroppo il greco non l'ho studiato, vorrei mettermici però, ha una maggior capacità di approccio teorico, astratto e di questo ne sono convinta. Per cui padroneggiare più lingue e culture é davvero un gran dono!

Laura
Laura
1 anno fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Molto vero, il romanzo e la narrativa sono veicoli formidabili! 😘

M. Rosaria Bottigliero
M. Rosaria Bottigliero
1 anno fa

Condivido il tuo idioma che rappresenta la personalità di ognuno nell'esprimere le proprie idee. Sono importanti le parole, ove i silenzio non ha pari....un abbraccio. Grazie!

Nocciolina
Nocciolina
1 anno fa

Ciao Flavio, sono mancata dal tuo Diario di Artista per qualche tempo ma adesso son tornata e ti ringrazio innanzitutto per aver condiviso un pezzetto di te e della tua storia personale. Mi piace il "pensese" ☺️ e mi piace la tua interpretazione a riguardo. Io son sempre stata affascinata dalle lingue: a scuola ho studiato inglese, tedesco e francese fin dalle medie, mentre da adulta oltre a continuare a coltivare l'inglese, ho iniziato a studiare il giapponese e tutt'ora lo studio. Purtroppo non ne ho potuto fare una professione ma le lingue mi hanno sempre affascinata e mi ci sento portata. Adesso sono curiosa di sentirti parlare in francese! Inoltre, hai inserito qualche elemento della tua appartenenza francese nel romanzo? Sono molto curiosa di scoprirlo!

Mariangela

Nocciolina
Nocciolina
1 anno fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Grazie! 💕 Giusto, avevi già nominato Jules Verne, che tra l'altro piace molto anche a me! Detto questo, sono sempre più in hype per il tuo romanzo 🙈 Mi piace moltissimo anche la copertina, mi ricorda sia le atmosfere di Fushigi no umi no Nadja e anche un po' di Evangelion!

Nocciolina
Nocciolina
1 anno fa
Rispondi a  Flavio Parenti

Hehe, lo so 😉 mi divertirò, durante la lettura, a cercare di scoprire a chi o cosa ti sei ispirato e magari a trovare qualche Easter Egg o citazione... Da te me lo aspetto 🤭

Giusy Pero
Giusy Pero
1 anno fa

Questo articolo è interessantissimo! Grazie per questo spunto di riflessione. Da otto anni insegno in classi in cui la gran parte degli alunni è di diverse nazionalità. Molti di loro a casa parlano la loro lingua madre e a scuola l'italiano. Da qui la difficoltà di conoscere pochi vocaboli, per cui spesso mi chiedono che cos'è, ad esempio, l'oggetto di cui si sta parlando perchè non lo conoscono. Poi quando faccio vedere loro l'immagine mi travolgono con un "Ah, sììì!" semplicemente perchè non era l'oggetto stesso a essere sconosciuto ma il termine. Magari quest'esperienza sarà capitata anche a te. Oggi so che molti genitori bilingue scelgono di parlare con il proprio figlio entrambi gli idiomi perchè si dice che l'apprendimento in tenera età sia più naturale e immediato. Tu hai mai parlato in francese con tua figlia?

Diario D'artista

Evviva l'arte!

ascolta

Diario D'artista

Come gestire il burnout

ascolta

Diario D'artista

Come amarsi

ascolta

Diario D'artista

Prosa e Poesia

ascolta

Diario D'artista

Esiste la sincronicità?

ascolta

Diario D'artista

L'Anello Di Saturno - Cap. 4

ascolta

Diario D'artista

L'Anello Di Saturno - Cap. 3

ascolta

Diario D'artista

L'Anello Di Saturno - Cap. 2

ascolta

Diario D'artista

L'Anello Di Saturno - Cap. 1

ascolta

Diario D'artista

#122 Finire, finire, finire!

ascolta

Diario D'artista

#121 La copertina dell'Anello Di Saturno

ascolta

Diario D'artista

#120 Trova il tuo maestro

ascolta

Diario D'artista

#119 La coerenza nell'arte

ascolta

Diario D'artista

#118 Come sviluppare la creatività?

ascolta

Diario D'artista

#117 I limiti della perfezione

ascolta

Diario D'artista

#116 L'uomo divino

ascolta

Diario D'artista

#115 L'intelligenza creativa

ascolta

Diario D'artista

#114 Arte Immortale

ascolta

Diario D'artista

#113 Il cantastorie digitale

ascolta

Diario D'artista

#112 Aiutami a scegliere

ascolta

Diario D'artista

#111 La ricetta di una buona storia

ascolta

Diario D'artista

#110 Il terapeuta dell'anima

ascolta

Diario D'artista

#109 La fine di una storia

ascolta

Diario D'artista

#108 Oltre l'estetica

ascolta

Diario D'artista

#107 Il coraggio della rinuncia

ascolta

Diario D'artista

#106 Il potere della memoria

ascolta

Diario D'artista

#105 Come credere in noi stessi

ascolta

Diario D'artista

#104 La fragilità dell'artista

ascolta

Diario D'artista

#103 La buona scrittura

ascolta

Diario D'artista

#102 Il talento della volontà

ascolta

Diario D'artista

#101 Una sorpresa per te

ascolta

Diario D'artista

#100 Un firmacopie disastroso

ascolta

Diario D'artista

#099 Dall'Idea al Libro

ascolta

Diario D'artista

#098 L'abito fa il monaco

ascolta

Diario D'artista

#097 Lavoro e Passione

ascolta

Diario D'artista

#096 Come essere felici

ascolta

Diario D'artista

#095 Svolte del 2024

ascolta

Diario D'artista

#094 Vivere Il Futuro

ascolta

Diario D'artista

#093 Tempo di cambiamenti

ascolta

Diario D'artista

#092 Magia del Natale

ascolta

Diario D'artista

#091 Cuori contro circuiti

ascolta

Diario D'artista

#090 I misteri dell'Anima

ascolta

Diario D'artista

#089 La Saga prende vita

ascolta

Diario D'artista

#088 Passi avanti da Scrittore

ascolta

Diario D'artista

#087 Trova la tua corda

ascolta

Diario D'artista

#086 Oltre i limiti

ascolta

Diario D'artista

#085 Sublimare le emozioni

ascolta

Diario D'artista

#084 Il mio percorso

ascolta

Diario D'artista

#083 Un futuro radioso

ascolta

Diario D'artista

#082 Una giornata particolare

ascolta

Diario D'artista

#081 L'inverno e le stagioni dell'anima

ascolta

Diario D'artista

#080 La guerra dentro di noi

ascolta

Diario D'artista

#079 Il Costo dei Desideri

ascolta

Diario D'artista

#078 La Perdita di Controllo

ascolta

Diario D'artista

#077 Voglio un luogo comune

ascolta

Diario D'artista

#076 Perdersi per trovarsi

ascolta

Diario D'artista

#075 Il Consenso degli altri

ascolta

Diario D'artista

#074 Il desiderio dei desideri

ascolta

Diario D'artista

#073 La crisi dell'artista

ascolta

Diario D'artista

#072 Un violento desiderio di rivalsa

ascolta

Diario D'artista

#071 Il freddo cuore delle macchine

ascolta

Diario D'artista

#070 Il Mio Lato Nerd

ascolta

Diario D'artista

#069 Il destino esiste?

ascolta

Diario D'artista

#068 Innovare, si o no?

ascolta

Diario D'artista

#067 Ho paura di invecchiare

ascolta

Diario D'artista

#066 Che cos'è il successo?

ascolta

Diario D'artista

#065 Siamo diamanti infranti, in cerca di unione

ascolta

Diario D'artista

#064 Scrivo, recito, vivo

ascolta

Diario D'artista

#063 Scrittura e Recitazione

ascolta

Diario D'artista

#062 Che cos'è l'originalità?

ascolta

Diario D'artista

#061 le Paure di un Attore di 44 Anni

ascolta

Diario D'artista

#060 "L'anello di Saturno" - Un'Avventura d'Amore, Destino e Tempo

ascolta

Diario D'artista

#059 Quanto conta la disciplina nell'arte?

ascolta

Diario D'artista

#058 Come rinunciai alla mia cittadinanza

ascolta

Diario D'artista

#057 La Mia Routine di Rigenerazione

ascolta

Diario D'artista

#056 - Può l'Arte Resistere al Tempo?

ascolta

Diario D'artista

#055 Quanto c'è di me in ciò che faccio?

ascolta

Diario D'artista

#054 Indipendenza Artistica

ascolta

Diario D'artista

#053 La Formula dei "Cinque Movimenti"

ascolta

Diario D'artista

#052 Il mio approccio al self-publishing

ascolta

Diario D'artista

#051 Infinite sfumature di grigio

ascolta

Diario D'artista

#050 Arte, Poesia e Soldi

ascolta

Diario D'artista

#049 Come Evitare il Blocco dello Scrittore

ascolta

Diario D'artista

#048 Il destino di un padre

ascolta

Diario D'artista

#047 Come ho Imparato a Rispettare Gli Altri

ascolta

Diario D'artista

#046 Interpretare "La Principessa sul Pisello"

ascolta

Diario D'artista

#045 L'arte Cura l'Anima

ascolta

Diario D'artista

#044 In viaggio verso il mio nuovo libro

ascolta

Diario D'artista

#043 Come Liberare la Tua Anima Creativa

ascolta

Diario D'artista

#042 Come gestire le critiche costruttive per migliorare la creatività?

ascolta

Diario D'artista

#041 Come la recitazione mi ha aiutato ad affrontare la timidezza

ascolta

Diario D'artista

#040 Chi Ruba i Tuoi Sogni

ascolta

Diario D'artista

#039 Il Segreto di Paperon De Paperoni

ascolta

Diario D'artista

#038 Come Affrontare il Vuoto Post-Creazione?

ascolta

Diario D'artista

#037 La gioia del fallimento

ascolta

Diario D'artista

#036 Segreti e Tecniche di un Attore

ascolta

Diario D'artista

#035 Il potere dell'Attribuzione

ascolta

Diario D'artista

#034 Come trasformare la propria vita in un'opera d'arte

ascolta

Diario D'artista

#033 Forma vs sostanza

ascolta

Diario D'artista

#032 La favola di Gianni

ascolta

Diario D'artista

#031 Chi sono?

ascolta

Diario D'artista

#030 Il Paradiso delle Signore

ascolta

Diario D'artista

#029 Hu-ga e il Paradiso Nascosto

ascolta

Diario D'artista

#028 La Nascita dell'Arte

ascolta

Diario D'artista

#027 Il futuro dell'arte nell'era degli algoritmi

ascolta

Diario D'artista

#026 La sindrome dell'impostore

ascolta

Diario D'artista

#025 Il mio percorso artistico

ascolta

Diario D'artista

#024 L'emozionante fase finale della creazione del mio libro

ascolta

Diario D'artista

#023 La magia della struttura narrativa

ascolta

Diario D'artista

#022 Pensare in due lingue

ascolta

Diario D'artista

#021 Come ho scelto la copertina del mio libro

ascolta

Diario D'artista

#020 Il potere del desiderio e della speranza: verità o illusione?

ascolta

Diario D'artista

#019 Perché ho scelto il self-publishing: i problemi con l'editoria tradizionale.

ascolta

Diario D'artista

#018 La bellezza delle idee: un viaggio oltre la forma

ascolta

Diario D'artista

#017 Il mio Editor: un incontro inaspettato sul set

ascolta

Diario D'artista

#016 L'importanza della scelta dei nomi dei personaggi: significati e simbolismi

ascolta

Diario D'artista

#015 Tra brutto e bello: l'arte dell'editing e il suo impatto sulla scrittura

ascolta

Diario D'artista

#014 Esplorando l'ignoto: l'avventura artistica tra creatività e ricerca

ascolta

Diario D'artista

#013 Amore, appartenenza e divinità

ascolta

Diario D'artista

#012 Come ho rovinato il finale di "I soliti sospetti" ad un amico

ascolta

Diario D'artista

#011 La vita è un palcoscenico

ascolta

Diario D'artista

#010 Uno, nessuno e centomila

ascolta

Diario D'artista

#009 La struttura della fantasia

ascolta

Diario D'artista

#008 La routine dell'artista

ascolta

Diario D'artista

#007 La mia playlist di scrittura

ascolta

Diario D'artista

#006 Come nasce l'ispirazione?

ascolta

Diario D'artista

#005 Come ho scoperto il mio romanzo

ascolta

Diario D'artista

#004 Il processo creativo

ascolta

Diario D'artista

#003 Scritture e Passioni

ascolta

Diario D'artista

#002 La perfezione: un viaggio verso l'anima

ascolta

Diario D'artista

#001 Il mio amore per la scrittura

ascolta
Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php
33
0
Clicca per commentarex