16 Ottobre 2023

Un violento desiderio di rivalsa

Essere artista può essere spinto dal desiderio di essere amati, ma anche dalla sfida a dimostrare di essere all'altezza. Ecco un'analisi personale sui motori che spingono l'artista verso la maturazione, come uomo e come artista.
Diario D'artista
Diario D'artista
Un violento desiderio di rivalsa
Loading
/

Ho una teoria sull'artista, piuttosto complessa e alquanto contrastante.

Ho la sensazione che uno dei motori dell'artista, in generale, sia il desiderio sfrenato di essere amato. Un desiderio che penso nasca in età giovanile.

Spesso, lo si può vedere dalle biografie, gli artisti sono persone difficili, con passati turbolenti e anime fragili, complesse. Non penso sia una coincidenza.

Nel mio caso, credo di essere stato spinto da un desiderio di rivalsa, come di una lotta perenne con il mondo che mi circondava, con tutto ciò che pensavo potessero pensare gli altri. "Ce la farò" sembrava dire il mio costante produrre. "Nonostante tutto, nonostante so che pensate che non ce la farò, che non è possibile, che è da folli."

Ma perché? Come mai questa spinta?

Se dovessi fare un'analisi del mio passato, direi che proviene da una commistione di eventi e sensazioni. In parte viene da quell'essere cresciuto in una bolla dove cambiavo scuola e paesi, ma non può essere solo questo. Da giovane ero piuttosto effeminato, sia nelle movenze che nei tratti, almeno secondo gli standard maschili dell'epoca. E mi chiamavano "Frou Frou" e ricordo che subivo - per questo motivo - quello che ora chiamano bullismo. Non era bullismo scolastico, ma vacanziero. I miei genitori andavano sempre nello stesso villaggio ligure per le vacanze, e lì ho subito per molti anni, per molti mesi, questa forma di violenza.

Penso che sia questo che abbia alimentato il mio desiderio di rivalsa.

Ogni volta che facevo un film famoso, che diventavo protagonista di una serie conosciuta, c'era qualcosa in me che diceva "Ecco, ora quelli lì vedranno che non sono così come mi dipingevano, che sono bravo, che ce l'ho fatta". Ovviamente, non fui mai del tutto dissetato, perché per quanti successi avessi, quella non è una strada che porta alla vera sazietà, a un momento in cui si può dire "basta, ecco, sono contento".

Un altro fatto che ha alimentato il mio perseguire l'arte è quella sensazione di non essere all'altezza, quella sindrome dell'impostore che mi accompagna. Anche lei ha lati positivi e a volte, mi ha spinto a migliorarmi, a cercare angoli bui dove fare quello che gli altri non avevano mai provato a fare.

Ma ora? Ora che sono grande, non ho più bisogno di tutto questo. É come se tutti questi motori fossero diventati antiche zavorre, che sono ancora lì solo perché una parte di me non li vuole lasciarle andare, perché quella parte di me ha paura che senza quelle zavorre, non rimanga molto.

Ora però sento che è venuto il momento di accettare che non sono più quel ragazzino fragile che non sapeva bene con quale postura affrontare il mondo. Sempre ingobbito, dalla voce acuta, incerto su sé stesso e alla ricerca del consenso. Sento che è venuto il momento di affrontare la mia maturazione, sia come uomo che come artista.

É facile dirlo ora che sto lavorando come attore, che so che ho una base economica stabile che mi permette appunto di ragionare in questi termini. Ma nel momento in cui questa base venisse a mancare? Sarei davvero così spavaldo nei miei intenti? Riuscirei a mantenere la sicurezza necessaria per lasciare segni tangibili, coerenti e forti come artista?

Non ne sono sicuro.

Ecco... scrivendo mi rendo conto che la sicurezza nell'arte non è solo un motore che permette di investire nella propria arte, ma è anche una condizione di partenza per una fase più matura. Ho fatto le mie scelte, ho scelto di fare il paradiso delle signore proprio per avere una base economica solida per poter scrivere i miei prossimi libri con tranquillità.

Un lusso. A volte mi chiedo se la comodità non sia in realtà un velato handicap. Se la mancanza di difficoltà circostanti non renda l'arte prodotta troppo "morbida" e poco incisiva, non so se mi spiego...

Ho cominciato questa pagina con la premessa che forse l'arte nasce dal disagio, e che poi si sviluppa come uno strumento del desiderio per essere amato, ma quando l'artista raggiunge la maturazione, che sia economica o spirituale, allora la sua arte che cosa diventa? Qual è il suo posto in questa nuova esistenza?

E poi, esiste davvero una "fase matura dell'artista", oppure è solo un'illusione per ignorare che il tempo passa, e che i migliori anni - forse - sono dietro di noi?

Alla prossima pagina

Ricevi i prossimi articoli via mail 📩

Leggi. Viaggia.

Scopri un'avventura fantastica ed esistenziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

62 commenti su “Un violento desiderio di rivalsa”

  1. Caro Flavio, per me, fra gli altri, hai il prezioso talento di saperti donare al Mondo, offrire la tua esperienza di uomo nell'Arte.... scendere e trascendere, calarsi per elevarsi, notte e giorno.... respiro suoni e parole di messaggi universali. Grazie per stimolare profonde e potenti riflessioni ❤

  2. Io penso che per un artista non ci sia mai un tempo in cui si matura..
    C'è sempre da imparare, si è sempre in discussione..
    Poi tu sei bravissimo, sto leggendo la Divina avventura e il tuo libro è diventato il compagno dei miei viaggi in treno.
    Grazie come sempre. Mi piace molto leggere le tue sensazioni.
    Alla prossima pagina.

  3. Bellissime queste tue riflessioni sull essere un artista... Che chiaramente è il caso tuo... Io penso che tu adesso abbia raggiunto proprio gli anni della maturità dopo tanto lavoro e dopo tutta la tua esperienza passata.... Non si finisce mai di migliorare... Ma credo che il tuo talento abbia incontrato solo le giuste opportunità e che sia proprio in te... Certo la base economica è importantissima... E in ogni caso a parte le tue esperienze personali... Anche se tu fossi caduto cento volte poi ti sarai rialzato mille volte.... Complimenti sempre❤️✨👏

  4. È molto bella questa sua riflessione presente in questo articolo e ahimè, mi sa veritiera...🥰🤔😭
    Anch'io mi sono sempre dedicata alla scrittura di poesie per passione e necessità fin da bambina (ma anche ad altre esperienze artistiche come la danza, il teatro,il decoupage,il disegno) e mi sono sempre chiesta da dove provenisse questo "lato di me" che non conoscevo...🤔 Ora ho avuto in parte una risposta...grazie☺️

  5. Quanta verita ce scritta nel tuo artículo!, ma purtroppo cosí come cambiamos noi con gli anni,cambiando pure I tempi.

  6. Meravigliosa riflessione, nella quale mi ci sono ritrovata. Condivido quanto da lei scritto. Vada avanti lei è una bella persona

  7. Buongiorno, Flavio. Grazie. Questa tua pagina, sincera ed emozionata mi coinvolge particolarmente e mi stimola alla riflessione, facendomi andare indietro nel tempo adolescente e nella prima giovinezza, carina, delicata, timida e, piena di sogni… ed anche un po’ ingenua, sempre molto sensibile.
    Tu ci parli della sofferenza per il bullismo subito, Ma non sei caso unico!
    Purtroppo i giovani, tanto assetati di perfezione e assoluto, sono giudici implacabili, ma lo sono fin dai bambini, osservatori attenti e crudeli di tutto ciò che esca dalla loro solita esperienza, fosse anche solo un dettaglio trascurabile e passeggero, un piccolo difetto, presto svanito.
    Anche a sei anni, neppure compiuti, si era a ottobre ed io sono sagittario, nata a dicembre,
    I bimbi conoscevano la derisione e la malizia per stuzzicarti nei tuoi punti deboli, per metterti a disagio e ridere del tuo impaccio… e non una sola volta, spalleggiati dal gruppo, mai da soli se no che gusto ci sarebbe stato?
    Certo peggiore il segno inciso nell’anima dallo spavaldo attacco del branco che il lieve difetto presto scomparso…
    Credo che una certa mia diffidenza e chiusura nei rapporti con i miei coetanei, purtroppo aspetto negativo della mia personalità, sia nata infatti da questa brutta esperienza , all’esordio della mia carriera di
    discente, poi ahimè sempre brillante, timidezza a parte e pregiudizi a parte.
    Sì perché anche per questo sono stata emarginata e osteggiata, ritenuta ingiustamente favorita a motivo della professione dei miei genitori, entrambi prima insegnanti e poi , come allora si diceva, Presidi, considerati specie nell’ambiente periferico in
    cui abitavo categoria privilegiata.
    Quando per anni, invece, proprio a motivo di ciò da me si pretendeva di più scolasticamente ed io stessa lo sentivo doveroso.., oppressa dalla dimensione scolastica, per così dire, dei miei.
    Ma il tempo poi ha allontanato questi tormenti e disagi, per lasciare il posto ad altre problematiche: certe nature nascono più fragili e tormentate, non so se ci sia una spiegazione che comunque è diversa per ognuno.E magari poi diventano più forti.
    Quando si è giovani si enfatizza tutto ciò che si vive, nel bene e nel male, noi stessi ci ammantiamo di unicità mentre crescendo ci si ridimensiona e ci si scopre semplici e normali, non poi così complicati e speciali…!
    E così ci si accetta.
    Il meccanismo di rivalsa certo è frequente reazione a “attacchi” più o meno palesi subiti, ma secondo il mio modesto parere, lo percepisco estensibile a qualsiasi campo, non esclusivamente all’ambito artistico quando invece concordo sul leggere nella volontà e nell’impegno di emergere nell’Arte la ricerca di consenso e di amore.
    Personalmente credo che Artista si nasca ed esserlo sia un modo di essere e di percepire il mondo e la vita prima di di tradursi in prodotti( artistici) , frutto
    di esercizio, impegno, esperienza.
    In questo senso un Artista è tale perché diversamente tradirebbe se stesso e si sentirebbe irrealizzato. Si è Artisti per attitudine innata, non a comando, neppure sollecitati da impulsi interiori o motivazioni psicologiche altre.
    Perciò credo che la vista speciale di cui è dotato l’Artista , la sua sensibilità particolare ,che poi gli permette di catturare l’attenzione e le emozioni del suo pubblico, non si affievolisca, anzi si potenzi affinandosi, perché procedere negli anni
    non è solo perdere qualcosa ma anche acquistare molto altro . Avrai modo. caro Flavio per scoprirlo.
    Il tuo talento poliedrico di Artista ha molto tempo ancora per manifestarsi e trionfare.
    “Il bello deve ancora venire”, insomma…Nuovi orizzonti ti attendono con il privilegio, in quanto Artista, di saperti imperituro, tramite ciò che realizzerai.
    Oggi la prossima pagina, spero.
    Buona giornata.
    Mariangela

22 Febbraio 2024
Il coraggio della rinuncia

In tutti noi vive Icaro: dilemmi tra razionalità, desiderio e scelte che ci definiscono attraverso rinunce coraggiose.

19 Febbraio 2024
Il potere della memoria

La memoria, uno scrigno segreto che incanta e sfugge, plasmando identità e arte, meravigliosamente misterioso

15 Febbraio 2024
Come credere in noi stessi

Come credere in noi stessi? Circondandosi di chi crede in noi, apprendendo dai maestri, curando corpo e mente e selezionando con cura ciò che nutre l'immaginario. Sono alcune delle chiavi essenziali.

12 Febbraio 2024
La fragilità dell'artista

In questo universo di dubbi, oggi mi sento fragile, temo la conclusione della mia saga e cerco un equilibrio tra volontà e destino, chiedendomi se lotto contro mulini a vento.

8 Febbraio 2024
La buona scrittura

Riflettendo sulla revisione della mia saga, capisco che separare scrittura da editing e uccidere i propri pezzi "preferiti" sono passi cruciali per migliorare.

5 Febbraio 2024
Il talento della volontà

Dubitare del proprio talento è normale, ma scoprire che la volontà aiuta a superare le incertezze mi conforta.

1 Febbraio 2024
Una sorpresa per te

Discuto dei limiti della densità della mia prosa, del mio amore per la poesia sintetica, di come voglio riuscire ad unire i due aspetti. E poi... una piccola sorpresa 🎁

29 Gennaio 2024
Un firmacopie disastroso

In questo racconto divertente, condivido la mia esperienza deludente durante un firmacopie senza adeguata accoglienza, riflettendo sull'importanza del rispetto.

Copyright © 
2024
 Flavio Parenti. Tutti diritti riservati.
css.php